FASE 2 SICILIA

Regione al lavoro per
Piano di ricostruzione economica

Regione al lavoro per Piano di ricostruzione economica



La fase 2 è cominciata e ora il Governo è al lavoro per far ripartire il Paese soprattutto dal punto di vista economico.

 

Anche la Sicilia con il Governo Musumeci è al lavoro per la ripartenza dell’Isola. In particolare si cerca di varare, nel più breve tempo possibile, un Piano regionale che consenta la ricostruzione economica e sociale dell’Isola.

 

Ieri pomeriggio il governatore Nello Musumeci, insieme agli assessori Gaetano Armao, Toto Cordaro, Roberto Lagalla, Antonio Scavone, Mimmo Turano, Alberto Pierobon e Manlio Messina, ha ascoltato le organizzazioni di categoria, le associazioni datoriali e i sindacati. Oltre tre ore di riunione attorno a un tavolo virtuale, dal momento che l’incontro si è svolto in videoconferenza nel pieno rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid-19.


SCATTA LA FASE 2

 

• FASE 2: SCARICA IL NUOVO MODULO

 

 AL VIA LA FASE 2, LE NUOVE MISURE: COSA CAMBIA

 

• CORONAVIRUS, QUANTI PASSEGGERI IN AUTO? IL GOVERNO RISPONDE

 

• AUTOCERTIFICAZIONE, QUANTI DRAMMI: IL GOVERNO CHIARISCE


 

All’incontro presenti i rappresentati di oltre trenta sigle: Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Cisal, Confsal, Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Copagri, Sicindustria, Condindustria Catania e Siracusa, Confapi, Ance Sicilia, Legacoop, Confcooperative, Unicoop Sicilia, Unci Sicilia, Agci Sicilia, Casartigiani Sicilia, Confartigianato Sicilia, Cna, Claai Sicilia, Confcommercio, Federalberghi, Confesercenti Sicilia, Confimprese, Assoimprese e Anci Sicilia.

Un confronto sereno, ma serrato durante il quale sono state rappresentate le istanze e le criticità che caratterizzano il tessuto produttivo isolano in quest’avvio di “Fase 2” dopo il lockdown del 9 marzo scorso.

 

«L'obiettivo del governo - ha detto il presidente della Regione, in apertura dei lavori - è elaborare un documento condiviso per accompagnare questo periodo in Sicilia, a sostegno delle imprese, dei settori produttivi e dei lavoratori, ma anche snellire il più possibile i processi burocratici e accelerare la spesa pubblica destinata agli investimenti e alle infrastrutture». Al termine del confronto, il governatore ha chiesto alle parti sociali di inviare entro il 12 maggio le proposte che saranno raccolte e sintetizzate da una speciale task force, guidata dal dirigente regionale Benedetto Mineo, creata per coordinare le misure finanziarie ed economiche necessarie a fronteggiare l’attuale crisi provocata dall’emergenza Coronavirus.

 

Nel corso dell’incontro sono intervenuti: Nico Torrisi di Federalberghi, Giuseppe Messina della Ugl, Giovanni Grasso di Confindustria, Francesco Picarella di Confcommercio, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, nella qualità di presidente dell’Anci Sicilia e tanti altri rappresentati degli enti economici siciliani.

 

 

• SERIE A A PALERMO, DA IPOTESI A POSSIBILITÀ






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *