PRIMA RETE

Puscas, è arrivato il momento
del gol

Puscas, è arrivato il momento del gol



George Puscas e il primo gol in rosanero. L'assenza di marcature dell'attaccante rumeno con la maglia del Palermo è stato argomento di dibattito di queste ultime settimane, ma il passato recente della squadra rosa in merito di tardività degli attaccanti invita a non drammatizzare la sua astinenza da gol di questo inizio di campionato. 

 

Ad esempio Luca Toni, uno dei bomber più prolifici della storia rosanero, ci ha messo 7 partite per segnare il suo primo gol, mentre Paulo Dybala ha messo a segno la sua prima rete addirittura dopo quattordici mesi dal suo approdo al Palermo, per poi diventare la "Joya" che illumina lo stadio della Juventus, senza dimenticare Nino La Gumina, che ha iniziato lo scorso campionato in maniera stentata per poi prendersi la scena e diventare la cessione più onerosa per un ragazzo della primavera rosa nella storia del club. Sebbene possa sembrare eccessivo scomodare campioni del calibro di Toni o Dybala, i precedenti insegnano che l'attesa alle volte paga e Puscas ha ancora tempo per dimostrare il suo valore; come scrive Paolo Vannini per il Corriere dello Sport: «Un periodo di adattamento era inevitabile, né le vicende della squadra lo hanno aiutato: ma dopo l'iniezione di fiducia data dai 3 gol segnati con la sua nazionale, sia pure a rivali piuttosto modesti, George adesso è pronto per fare la differenza anche col Palermo». 

 

Nel reparto avanzato della squadra di Stellone la concorrenza di certo non manca. Puscas è arrivato come l'acquisto più importante del mercato rosanero, il giocatore chiamato a sostituire il partente Nestorovski senza farlo rimpiangere; la permanenza dell'attaccante macedone tuttavia ha cambiato le carte in tavola, senza però intaccare la fiducia riposta nella punta rumena. Soprattutto da parte proprio del tecnico romano, poco incline all'idea di rinunciare alla doppia punta e convinto di poter far coesistere Puscas con Nestorovski, ma nelle prossime settimane il Palermo andrà incontro ad un tour de force particolarmente impegnativo e non è detto che i due attaccanti possano sempre partire entrambi dall'inizio. Già a partire dall'insidiosa partita di Lecce potrebbero esserci dei cambiamenti nell'attacco di partenza, visti gli impegni delle nazionali che hanno visto un Nestorovski in ombra, la buona forma di Moreo e le fatiche dei viaggi. 

 

Nelle prossime settimane tutti avranno spazio e potranno avere le proprie chances, anche Puscas, che con la nazionale rumena ha dato segnali incoraggianti e ha dimostrato che, terminato l'apprendistato che anche i grandi della storia del Palermo hanno dovuto intraprendere, può conquistare il "Renzo Barbera" nonostante la casella dei gol segnati in rosanero tocca ancora quota 0.






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *