PENSIERI

Prima che sia troppo tardi

Prima che sia troppo tardi



Rosario Pergolizzi sarà ancora l'allenatore del Palermo

La società rosanero ha meditato, ponderato e alla fine ha confermato il tecnico.

Il passo falso (un altro?) contro il San Tommaso non è stato apprezzato e le dichiarazioni nel post gara di Pergolizzi - in tal senso si potrebbe contestare l'aggravante della recidiva - sono apparse bislacche e surreali.

 

Nella fattispecie. 

"Non sono scontento del risultato". In che senso? 

"Potevamo anche vincerla questa partita". Potevamo? 

- "Forse oggi non è bastato il golletto". La forza del Palermo dovrebbe consentire di vincere determinate partite fischiettando

- "Con il campo piccolo anche un calcio di punizione diventa più pericoloso". Ancora?

La storia del "campo piccolo" ricorda tanto la vicenda di quello che "la colpa è sempre degli altri".

Mi perdoni mister - gliel'ho chiesto anche nella consueta conferenza stampa della vigilia - ma chi dovrebbe trovare soluzioni per ovviare al problema di "certi campi"? 

 

Prestazione mediocre, fase offensiva anemica totalmente affidata all'improvvisazione del singolo, solito compitino scolastico, neanche la parvenza di un'organizzazione di squadra: insomma, come in una partitella serale tra colleghi nel dopo lavoro. 

Inaccettabile

 

In questi mesi - anche se la mia anima Zemaniana non potrà mai accettare un certo tipo di calcio - chi scrive ha sempre preso le difese del tecnico. 

Ci sono i numeri, mi dicevo, primato in classifica con migliore attacco e difesa meno perforata come corollario. 

Il primato rimane ancora tinto di rosa e nero, ma qualcosa nel tempo si è incrinato e arrivare così sino a maggio non so quanto possa essere verosimile. 

Dispiace per il professionista a cui va il massimo rispetto per la passione e l'impegno profuso. 

 

Quindi? 

Allo stato attuale ci si attiene alla decisione maxima della società di Viale del Fante. Rosario Pergolizzi non si tocca, rimane sulla panchina anche se meno salda rispetto al passato. 

Il tempo dirà se l'allenatore riuscirà a dare una scossa, a cominciare da domenica prossima in casa contro il Roccella

La sensazione è che la decisione sia soltanto rimandata, prima che sia troppo tardi. 






14 commenti

  1. chi non salta è zamparini 76 giorni fa

    Terenzio ha ragione solo, appunto, per evitare 'tutti sti riscursi'. Strano che una mente acutissima come quella di 'RubiCottone' non abbia colto.E poi il Catania sarà proprio una di quelle squadre che non verranno iscritte. Sarà la madre di tutte le beffe, per loro, ripescati della prima ora che si sono augurati il nostro fallimento. Noi ripescati, loro falliti. Che RubiCot si asterrà, per la sua abiura, dal commentare ci conforta anche se non manterrà la promessa. Non considera lo strazio che ci provocano a noi 'tutti sti riscursi' fatti da lui. Evidente violazione di par condicio

  2. Francesco 70 76 giorni fa

    Rubini,visto che non sei più un tifoso del Palermo,facci la cortesia di non postare più.Grazie mille!

  3. bugia 76 giorni fa

    Clamoroso al Cibali! Sono d'accordo con @RubyRubacuori...che mi stia innamorando? Il Palermo DEVE essere promosso direttamente. E, vedrete, lo sarà.

  4. Rubini 76 giorni fa

    Che dice, @Terenzio? Ripescati o promossi è la stessa cosa? La stessa cosa, u stissu? Ma avete idea di come potrebbe essere accolta la SSD-Palermo, da ripescata, in Serie C, in campi come Catania, Avellino, Bisceglie? Da ripescati, a Catania? 'Al Massimino di Catania, entra in campo la SSD-Palermo, compagine ripescata... '. Mamma mia, solo al pensiero mi viene istintivo il segno della croce. Ps Ha ragione @isata. Dovrei smetterla di commentare, non sono più un tifoso del Palermo. Però lo sono stato (eccome!), e sentire 'sti riscursi' mi procura (ancora) uno strazio indescrivibile.

  5. chi non salta è zamparini 77 giorni fa

    Quota al 100% Terenzio. Due post ineccepibili, sia per l'analisi che per il conseguente pragmatismo.

  6. stefano 77 giorni fa

    Mi spiace dover ricordare al Sig. Mirri che l'impegno preso con i tifosi e con la città di Palermo non è quello di provare a vincere...bensi l'impegno preso prevede una sola possibilità: Vincere il campionato e andare in C. Quindi il braccino corto non può essere contemplato, anche perché nessuno ha obbligato nessuno..Dunque Mirri metta mano al portafogli per quanto è necessario, insieme al sig.Di Piazza...non possiamo accettare il rischio di non vincere. Forza Palermo!!!

  7. terenzio 77 giorni fa

    In serie C ci sono già 6 squadre che sanno con certezza di non potersi iscrivere al prossimo campionato. Questo produrrà 6 ripescate dalla D, in base al bacino d'utenza e al blasone. Ergo, l'anno prossimo giochiamo in C, anche se non vinciamo il campionato. Vale la pena di fare tutti sti riscursi?

  8. Francesco 70 77 giorni fa

    Ci stiamo trovando in una situazione un po'particolare.Anche see cambiamo allenatore,intanto deve essere uno abituato alla categoria,puoi anche prendere Ancellotti e perdere comunque.Cambiando in corsa il sistema di gioco,potrebbe essere positivo qualora i nuovi schemi verrebbero subito recepiti,ma allo stesso modo anche un grosso rischio nel caso contrario.Bacchetta magica non ne ha nessuno.Rischiare o proseguire??

  9. Terenzio 77 giorni fa

    Cambiare allenatore costa soldoni, anche perché Pergolizzi dovresti continuare a pagarlo. Finirono quei tempi, quando ci ritrovavamo anche 3 allenatori con rispettivi staff a libro paga. Oggi siamo una società low cost e chi non lo capisce è low brain.

  10. noitifosidelpalermo.jimdo 77 giorni fa

    Abbiamo una squadra composta da giocatori che hanno giocato in A, B e C e non facciamo nemmeno un tiro in porta contro il San Tommaso che ha giocatori che prendono 500 euro al mese, vergognoso, il problema è Pergolizzi

  11. Yes 77 giorni fa

    Herlech, I tuoi ricordi si sono affievoliti. L ultimo gioco definibile tale, il Palermo lo ha mastrato, a sprazzi, nel 2015. L ultimo Palermo, quello degli ultimi due anni, vinceva esattamente come questo, quando non perdeva punti a ca zzo. Ricordo ancora gli sbadigli....la categoria era diversa, la frustrazione simile. A me non interessa il gioco se non in quanto indicatore di una maggiore probabilità di vittoria. Se mi fanno 4 tiri in porta e 3 gol a partita sono contento anche negli altri 87 minuti di gara. Ma me li devono fare, se no l entusiasmo non ha motivo di crescere

  12. harlech69 77 giorni fa

    Anche quando eravamo lo zimbello d'Europa in quella serie A con Zampa che aveva tirato i remi in barca, si vedeva un gioco anche se alla fine si prendevano 4 goal . Questa serie D che doveva essere l'anno della tranquilla rinascita in attesa del calcio professionistico è diventato l'anno in cui ad ogni partita ogni avversario alla fine perdente o no ha da recriminare perchè alla fine rimane pure deluso da questo Palermo targato Pergolizzi. Siamo a 18 ed ancora aspetto le partite in cui sento l'avversario dire: abbiamo incontrato una signora squadra. S. Tommaso docet: 2 tiri!!!

  13. Yes 77 giorni fa

    Il Savoia ha I nostri stessi pregi e difetti in termini di risultati. Vince con il misurino e perde punti perché non domina il punteggio. Solo le fasi di protagonismo sono state capovolto rispetto al Palermo, lasciando la. Sensazione di un recupero anzi che quella. Di un andamento parallelo. Dalla società a questo punto mi aspetto altri innesti per scafazzare il campionato, con questa mignatta a fianco. Perderemo punti entrambe e il torneo si deciderà a partire dalla trasferta di torre annunziata. Mi auguro che i giocatori si diano una svegliata a partire da quelli più esperti, senza mugugni.

  14. Fabio 77 giorni fa

    La scelta di pergolizzi é sembrata assurda sin dall'inizio. Rispetto per il professionista ma una squadra con l'obbligo di vincere la serie D può prendere un mister che non la ha mai vinta e manco ha lottato per quello ? La scelta della società é miope, più passa il tempo e più aumentano i rischi. Sta squadra é in flessione da mesi non ha schemi di gioco a livello fisico é a terra e i giocatori sono nervosi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *