CONFERENZA STAMPA

Pomini: «Voglio mettermi in
gioco. Sono a disposizione»

Pomini: «Voglio mettermi in gioco. Sono a disposizione»



È stato presentato ufficialmente stamane Alberto Pomini.

Il nuovo portiere rosanero classe ' 81 arrivato dal Sassuolo, nel corso della conferenza stampa ha dimostrato il proprio entusiasmo per l'inizio di questa sua nuova avventura con la maglia del Palermo Calcio:  «E’ normale che dopo 13 anni in un posto tranquillo di 30.000 abitanti con pochi tifosi hai qualche dubbio.

Però la chiamata del Palermo mi ha fatto piacere e questa è senza dubbio una possibilità importante e anche la mia famiglia vuole venire a vivere qui.

Io voglio mettermi in gioco, la competizione è il sale del calcio e per alzare la qualità tutti dobbiamo dare il massimo»

Il neo acquisto ha poi proseguito: «Mi ritengo un portiere del Palermo e poi sarà il mister a prendere delle decisione.

Sono a disposizione della squadra e capisco che il Palermo vuole dare fiducia a Posavec – dichiara Pomini -. Se sarò chiamato in causa farò del mio meglio, sono a completa disposizione dello staff».

L'ex Sassuolo non ha esitato a spendere parole di elogio nei confronti di alcuni compagni di squadra: «Nestorovski ha gia dimostrato di essere di una categoria superiore.

Io scherzando gli dico che deve arrivare almeno a 25 gol – ha affermato Pomini -. Anche Trajkovski, La Gumina e Coronado sono forti, il reparto offensivo è di qualità; dovranno fare gol ma dovranno difendere quando gli sarà chiesto. Con Posavec abbiamo già fatto amicizia, non mi sento di dovergli dare consigli. Cercherò comunque di dare una mano.

La squadra è forte, bisogna trovare entusiasmo e compattezza, 42 partite sono tante e la serie B è piena di insidie.

Dobbiamo essere bravi noi a dare il massimo perché ogni partita sarà dura portarla a casa, noi che siamo i più vecchi dovremo comunque cercare di trainare.

Sono venuto qui a vincere un altro campionato, poi ammetto che si sta benissimo fra la gente cordiale ed il mare.

Ancora ho voglia di giocare – ha dichiarato il nuovo numero 22 - sto bene fisicamente e non accettare il Palermo a 36 anni non mi avrebbe fatto dormire.

Il fatto che mi abbiano cercato insistentemente era già una questione di orgoglio.

Chi mi ha colpito tra i giovani? Accardi è un buon difensore ma anche La Gumina mi ha fatto un’ottima impressione.

Nel complesso c’è un mix di giovani e giocatori d’esperienza.

Dobbiamo essere noi a spronare i più giovani, ricordo il gesto di Nestorovski di domenica quando ha ceduto il rigore a La Gumina, ai miei tempi era davvero difficile avere un’occasione del genere».

Nel corso della conferenza stampa ha inoltre preso la parola il DS rosanero Lupo che ha parlato della situazione dei portieri in casa Palermo: «Oltre a Posavec abbiamo oggi un portiere che ha fatto dell’affidabilità un sua grande caratteristica, ha avuto una pausa di riflessione ma ci sta dopo che stai per 12 anni in una squadra.

Questo denota le sue qualità morali, ha grande entusiasmo e penso che sia la persona giusta per noi. 

Questione terzo portiere? Per adesso utilizzeremo come terzo portiere un ragazzo della Primavera – ha spiegato Lupo - però se si dovesse venire a creare la possibilità prenderemo un altro portiere.

Ci sono delle possibilità, ma vogliamo provare a prendere un giovane».

 

 

 





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *