Pino Abbate:'' I tifosi sono sfiduciati. L'unico responsabile è Zamparini''




Intervenuto durante la trasmissione rotocalcio live, l'opinionista radiofonico Pino Abbate, ha espresso il proprio parere in merito alla situazione negativa che sta attraversando il Palermo :''sfido chiunque a trovare un’attenuante a questa squadra. Corini parla di pressione in casa? Io dico che un pubblico come Palermo se ne trovano pochi in Serie A e i giocatori bisogna essere spronati da un pubblico del genere che ha anche applaudito uno come Pellisier. Qualche giocatore dovrebbe ripassare le regole del calcio, tipo non passare la palla in diagonale con la difesa non schierata.'' Pino Abbate inoltre, ha commentato anche l'atmosfera che si aggira tra i sostenitori del Palermo e della salvezza che sembrerebbe essere davvero difficile :''I tifosi sono sfiduciati, lo si può notare andando in giro per la città. Non penso possa servire l’intervento della politica. . L’unico responsabile è Zamparini che si vuole mettere al fianco gli slavi. Qui non esiste una società c'è solo lui a capo. I possibili acquirenti cosa dovrebbero comprare? Solo il nome perché questa società non ha un centro sportivo, non ha più un parco giocatori. I miracoli nella vita avvengono una volta sola e già l’anno scorso è avvenuto. La squadra dell’anno scorso lottava anche se con nove cambi di allenatore c’era abbastanza confusione. Questa squadra non lotta, non ha tecnica ecco perché fa fatica in casa dove devi fare tu la partita. Sulla carta non dovrebbe esserci partita, contro il Genoa ci sono differenze. Quando non si deve fare la partita loro giocano. La prossima sfida magari il Genoa potrebbe sottovalutare il Palermo dato che è ultimo in classifica e questa è la nostra unica speranza''   Di seguito la replica della puntata di Rotocalcio live del 13 dicembre 2016 [embed]https://youtu.be/CTiAMX6FGk4[/embed]  






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *