PELAGOTTI

«Si può sempre fare meglio ma
quest'anno ho sbagliato poco»

«Si può sempre fare meglio ma quest'anno ho sbagliato poco»




Parla Alberto Pelagotti.
L’estremo difensore rosanero, ai microfoni di “Siamo Aquile” in onda su TRM, ha parlato del cammino del Palermo in campionato soffermandosi s/

    /le differenze rispetto allo scorso anno, s/
      /la consapevolezza della forza della squadra e s/
        /l’analisi di alcuni gol subiti durante il campionato corrente:

         

        “Per ora sta andando bene, dobbiamo continuare su questo passo. Abbiamo trovato la nostra inquadratura e il nostro ritmo, dobbiamo cercare di andare avanti così mettendo punti in banca e cercare di arrivare al massimo possibile”.

         

        CALO INIZIALE E TURRIS
        “Ci può stare un leggero calo durante l’anno anche se secondo me siamo stati comunque cinici anche nei momenti più difficili, tante volte non abbiamo perso e abbiamo rosicchiato qualche punticino dove ha fatto comodo. Qualche calo può capitare ma siamo stati bravi a superare tutto. Turris? E’ stata una partita a parte, non eravamo in palla piena e purtroppo 1-2 partite del genere capitano durante l’anno, per fortuna è passata”.

         

        GIRONE C E PROIEZIONI
        “Sappiamo di potercela giocare tranquillamente con tutti, ovviamente dobbiamo ragionare partita dopo partita e non abbiamo proiezioni future. Ogni partita che viene domenica ci concentriamo su quella per cercare di fare punti, ragioniamo come se in questo torneo fossero tutte delle finali. Rispetto all’anno scorso abbiamo un anno in più di esperienza s/

          /le spalle, dopo un po’ di problemi sappiamo come affrontarli e come uscire dalle situazioni, in più abbiamo trovato una quadratura e un allenatore che ha capito cosa vogliamo, per ora siamo in palla e dobbiamo continuare così”.

           

          FARE LA PARTITA E AVVERSARI
          “Mister Filippi vuole sempre fare la partita, analizziamo gli avversari ma cerchiamo di avere sempre il pallino del gioco. Non sempre riesce perché tante squadre ormai hanno capito che siamo una squadra che sa impostare bene e si chiudono, ci aspettano e sanno come venire a prenderci. Più si va avanti più le squadre ti studiano e diventi leggermente prevedibile, in casa cerchiamo sempre di fare la partita e tante volte le squadre avversarie si chiudono a riccio e facciamo fatica a trovare la via del gol, quest’anno piano piano ci siamo riusciti e dobbiamo continuare così”.

           

          GOL BRUNORI
          “Il gesto tecnico è stato da giocatore di altra categoria, ha fatto una cosa strepitosa in un momento della gara difficile per noi perché loro stavano attaccando e abbiamo trovato la giocata che ci ha permesso di trovare la svolta della partita”.

           

          TIFOSI SUGLI SPALTI
          “Per noi i tifosi sono troppo importanti, già quando si è aperto a 2.500 si sentivano ma ora con la possibilità di riempire lo stadio quasi al completo possono davvero dare una spinta in più”.

           

          CONSAPEVOLEZZA
          “Ancora non ho visto le altre squadre ma noi abbiamo una squadra forte e competitiva, poi sta a noi perché possiamo avere paura solo di noi stessi. Se noi giochiamo come sappiamo le prestazioni ci danno vincitori, poi qualche volta capita di non riuscire a vincere ma dobbiamo avere paura solo di noi stessi. In un giocatore ci può essere un calo di concentrazione e tanti fattori che esternano la mancanza di prestazioni, quest’anno non è mai capitato se non nella partita contro la Turris che è stata accantonata”.

           

          GOL SUBITI
          “Ogni volta che un portiere prende gol può sempre fare meglio, anche per i gol imparabili potevi essere per assurdo nella posizione sbagliata e la pari. Per me non c’è niente di imparabile, cerco sempre di analizzare il gol alla massima ma quest’anno sinceramente in tanti gol, dove alcuni mi hanno attribuito qualche critica, non avevo colpe. Le telecamere per fortuna ci aiutano a capire quello che è successo realmente, ad esempio contro il Campobasso la palla è stata palesemente deviata e vengo sbilanciato, contro il Monterosi era una posizione deviata e il pallone è passato sotto le gambe di un giocatore mettendomi in difficoltà. Ci sono tante dinamiche e sinceramente non mi sento di dire di aver sbagliato su tanti gol, anche perché ne abbiamo subiti pochi”.

           

          GOL TURRIS
          “Il gol s/

            / primo palo non esiste, è una frase fatta perché se arriva un giocatore in uno contro uno devi coprire tutta la porta, se tira s/
              / primo palo e fa gol bravo lui. Chi non ha fatto il portiere non può mai capirlo, ad esempio s/
                / primo gol della Turris io non potevo uscire perché il difensore, in quel caso Peretti, doveva essere leggermente più indietro e prendere la palla di testa, se non lo fa vado in difficoltà perché non è più la mia zona di competenza e poi s/
                  /la ribattuta fanno gol”.

                   

                  POTENZA E PAGANESE
                  “Non ci sono jolly perché in questo campionato le squadre sono quasi tutte allo stesso livello, dobbiamo cercare di far punti con tutti e dobbiamo prendere tutte le partite allo stesso modo”.

                   

                  PALLA CON I PIEDI
                  “Mi è stato attribuito anche di avere sbagliato qualche giocata domenica, controllando Istat ho visto che ho fatto 23 passaggi su 25 azzeccati. Con gli allenamenti acquisisci sicurezza, poi dipende da cosa chiede l’allenatore e il nostro mister chiede di giocare tanto con i piedi, più giochi più sei sciolto nelle giocate”.
                   





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *