CAOS PALERMO

GDS - Zamparini all'attacco:
messo in mora il gruppo inglese

GDS - Zamparini all'attacco: messo in mora il gruppo inglese



Continua senza avere fine la bufera attorno al Palermo Calcio, e Maurizio Zamparini va all'attacco. Dalla sua villa di Aiello del Friuli, dove sta scontando i domiciliari, l'ex patron rosanero ha dato mandato di avviare una procedura formale di messa in mora ai danni del gruppo inglese per inadempienza e per sollecitarli a mettere sul tavolo i soldi. Intanto la nuova proprietà, su delibera del consiglio di amministrazione, si impegna a predisporre un piano da cinque milioni entro il 16 febbraio, tuttavia questi soldi sarebbero dovuti entrare prima nelle casse societarie, motivo per cui Zamparini non è intenzionato a concedere altro tempo. 

 

«Le memorie affidate ai suoi legali parlno chiaro: l'ex patron attendeva un primo versamento entro la fine di gennaio e capitali in società non ne sono arrivati» scrive Benedetto Giardina per il Giornale di Sicilia, aggiungendo che dal verbale del consiglio di amministrazione di mercoledì emerge un "piano di liquidità finanziaria a breve termine utile a valutare prospetticamente le esigenze finanziarie aziendali fino al prossimo 16 febbraio", data che corrisponde al termine ultimo per il pagamento degli stipendi evitando il deferimento della Covisoc. Le necessità finanziarie stimate per quella data ammonterebbero, sempre secondo il verbale, a circa 5,4 milioni di euro e a spiegare il piano di immissione del capitale è Treacy: bonifico di tre milioni entro la fine della prossima settumana per incasso parziale del credito Alyssa, successivamente importi necessari alla copertura del fabbisogno fino a 5 milioni di euro entro il 16 febbraio. 

 

Non è ancora chiaro tuttavia la procedura di ingresso di questi capitali, con la capogruppo che "sta procedendo alla raccolta di sottoscrizione dell'emissione di un prestito obbligazionario di complessivi 10 milioni di sterline", con il via libera per l'aumento di capitale di 20 milioni che verrà sottoscritto nelle prossime settimane, ma non trattandosi ancora di denaro liquido la pazienza di Zamparini sarebbe terminata. Così come è terminata quella di Rino Foschi, che nonostante quanto accaduto in questi giorni fra licenziamenti annunciati e perdita dei vincoli fiduciari sarà comunque a Boccadifalco per seguire in prima persona la squadra. Sostenuto da una parte della tifoseria, il responsabile dell'area tecnica rimane al suo posto in attesa che l'ad Emanuele Facile non trovi un sostituto. Non si muove neppure Richardson, che nonostante le frizioni con l'amministratore delegato rimane il presidente del club. «Una "guerra" a tre che al momento non vede vincitori, ma sicuramente vede un Palermo in crisi» scrive sempre Giardina, mentre per lunedì è attesa la riunione del collegio sindacale per avere chiarimenti sulla "situazione di squilibrio finanziario" in cui versa il club di viale del Fante. 


IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM!


 

 

ALTRI ARTICOLI

 

• PALERMO E LA SUA ITACA: LA MAGA CIRCE, ORLANDO E DE ANDRE'

 

• ESCLUSIVA: ANTONIO PONTE E' A PALERMO. ECCO PERCHE'

 

• ESCLUSIVA, RICHARDSON ANNUNCIA: «GUNNARSSON È DEL PALERMO»






8 commenti

  1. noitifosidelpalermo.jimdo.com 79 giorni fa

    E dove sono i circa 20 milioni di euro incassati in estate con la vendita di La Gumina, Coronado e Gnahoré?

  2. salbar 80 giorni fa

    @ Maluchiffari, nei contratti gli adempimenti sono preventivi altrimenti si parla di clausole sospensive o condizionanti che possono invalidare il contratto se non rispettate. Se ci atteniamo alla ricostruzione di Zamparini non esistono clausole sospensive e il passaggio delle azioni è stato ratificato e concluso a tutti gli effetti. Se si fosse verificato un inadempimento Zamparini dovrebbe proporre una causa per invalidare il contratto. La parola messa in mora fa pensare che Zamparini possa sollecitare gli inglesi a immettere i capitali cosa che non quadra con le dichiarazioni pubblicate.

  3. maluchiffari 80 giorni fa

    @Salbar: ed invece lo può fare se il contratto della cessione prevedeva, fra gli obblighi degli acquirenti, non solo il pagamento dei 10 euro, ma anche altri adempimenti (come quello della immissione di capitali per l'estinzione dei debiti della società). Si tratta di inadempimento che potrebbero (non conosciamo il testo del contratto) giustificare la risoluzione dello stesso, oltre che successive iniziative risarcitorie.

  4. rosario 80 giorni fa

    Qui non ci dicono quale potrebbe essere lo scenario se non vengono pagati i creditori, i maledetti procuratori, mentre sappiamo cosa succede se non paga i giocatori che oltre alla penalizzazione si creerà malumori a dir poco altro che serie A invece perchè non si chiede al sig zampaminchia di rimettere immediatamente i soldi di Alyssa che lui si è preso con il giochetto di prestigio il vero criminale è lui e non quei pezzenti di inglesi ecco e li che con i suoi avvocati sta spostando l'attenzione runni sunni i piccioli maledetto friulano!

  5. Pietro da Trapani 80 giorni fa

    Quegli inglesi hanno acquistato il Palermo senza soldi loro, proponendo ad altri di mettere soldi nelle casse dell'US Palermo a fini speculativi. Ma adesso nessuno crede più nell'affare ed ecco che i soldi non arrivano. Il friulano in pratica credeva di avere trovato i polli a cui vendere una società piena di debiti nascosti da falsi bilanci. In pratica ha un giocattolo rotto e la sua famiglia, come lui stesso ha dichiarato in passato, non vuole che spenda più soldi per rimetterlo in sesto. Ecco da dove nasce l'ormai prossimo più che probabile fallimento del Palermo.

  6. salbar 80 giorni fa

    Purtroppo ancora una volta la capacità dei giornalisti di Palermo nel districarsi tra queste situazioni finanziarie / legali presenta i suoi limiti. Non si può intitolare un articolo scrivendo che Zamparini mette in mora gli inglesi. In mora si può mettere un debitore e non si capisce quale credito vanti Zamparini visto che il passaggio delle quote è stato siglato e chiuso a 10 euro. Zamparini non può costituire in mora gli inglesi perché non hanno adempiuto alle immissioni di capitale. A meno che queste immissioni non lo riguardino e lui debba ancora avere dei soldi.

  7. Auguri 80 giorni fa

    Curva Nord è mobilitata, mancano gli articoli di fondo di una volta. On line o off line, vedo buona analisi, ricerca dei dati, articoli stringati modello Twitter. Mancano le chiamate, gli strali, gli attacchi feroci. Le televisioni sono tante, cavo, satellite, ma l'argomento non viene trattato. Non riescono a scrollarsi da Wanda Nara, Ronaldo e Topolino. Un disastro mediatico. Neanche un senza giacca di Caressa, che per l occasione potrebbe scongelare le mummie dalle solite storie sul passaggio sbagliato dello schema del tattico.

  8. Auguri 80 giorni fa

    No comment

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *