LIVESICILIA

«Picciotti, stanno arrestando
Zamparini». Le intercettazioni

«Picciotti, stanno arrestando Zamparini». Nuove intercettazioni



 

Su LiveSicilia sono state pubblicate questa mattina nuove conversazioni intercettate nell'ambito dell'inchiesta che vede coinvolti il giudice Sidoti, l'ex presidente Giammarva e il patron Zamparini, tra gli altri.

 

Il proprietario del Palermo qualche mese fa evitò gli arresti domiciliari dimettendosi dal Cda della società rosanero. 

“Picciotti non ne parlate con nessuno, nessuno, casa, confidenza, amici... stanno arrestando Zamparini... non è detto che si arrivi a tanto, c'è una richiesta di misura cautelare”. Lo confidava Giovanni D'Antoni, presidente della sezione fallimentare del Tribunale di Palermo, ai colleghi del collegio il 15 marzo 2018.

Il 29 marzo D'Antoni racconta di aver appreso la notizia da Fabrizio Anfuso, giudice per le indagini preliminari, chiamato a decidere se accettare la richiesta di misure cautelari nei confronti del patron:

“Lui - dice D'Antoni a Sidoti - giustamente da fallimentarista dice questo 'io glielo sto rigettando per mancanza di esigenze cautelari... perché se tu mi contesti il pericolo di reiterazione del reato... ora che lui nel consiglio di amministrazione non c'è più, devi iscrivere Giovanni Giammarva e devi dire che Giammarva è la testa di legno di Zamparini... io pensavo che il Gip stesse aspettando la nostra decisione”. 

 

Il 2 maggio - si legge su LiveSicilia - le microspie registrano Giammarva che parla con Zamparini: “... senti, io oggi sono dalle tue parti... riusciamo a vederci”. Prendono un appuntamento per la sera. Giammarva atterra alle 18:30 a Milano Linate. Due ore dopo il suo telefono aggancia la cella telefonica di Vergiate, Varese, dove abita Zamparini.

All'indomani, il 3 maggio, con un comunicato l'Us Città di Palermo fa sapere che Zamparini si è dimesso da consigliere delegato. Il 7 maggio Anfuso rigetta la richiesta di arresto del patron friulano perché non ci sono le esigenze cautelari. Il Gip scrive che “è sopravvenuto un evento che impone di rivalutare la persistenza e l'attualità del quadro cautelare”. Insomma, le dimissioni di Zamparini del 3 maggio precedente hanno evitato che finisse ai domiciliari, ma potrebbe essere stato Anfuso, senza volerlo, a favorirlo.

 

Oggi sono sotto inchiesta tutti i protagonisti di quella che per la Procura di Caltanissetta è una fuga di notizie: chi avrebbe rivelato la richiesta d’arresti, il gip Anfuso, chi avrebbe girato la notizia a Giammarva, ovvero il giudice Sidoti, e il beneficiario della notizia, Giovanni Giammarva, che informò il patron Zamparini.

Nella giornata di oggi, scrive LiveSicilia, sarà interrogato Anfuso.


IMMAGINE  NON SEGUI FORZAPALERMO.IT SU INSTAGRAM? CLICCA QUI

 

ALTRI ARTICOLI

 

IL NUOVO PALERMO CALCIO, ATTO II. MA "A SORPRESA"

 

IL CLOSING RALLENTA: RINVIO ALLA PROSSIMA SETTIMANA

 

• INDAGINI E CLOSING PALERMO: PARLA L'AVVOCATO DI CINTIO

 

• ZAMPARINI E GIAMMARVA, IL NO AL FALLIMENTO IN CAMBIO DI FAVORI

 






7 commenti

  1. Jeeg robot 15 giorni fa

    Contro I zampafans non ci basta neanche l'alabarda spaziale! :D

  2. Aggregazione galattica lame rotanti 15 giorni fa

    @AZFE Bla bla bla.

  3. AntiZampariniForEver 15 giorni fa

    @Aggregazione Galattica Lame Rotanti lei è solo uno dei tanti, che se di Palermo, ha prodotto questo letamaio sociale non solo nello sport ,ma in molte attività della città carente in tutto.Grazie a voi che la città è anni luce indietro , grazie a voi che per decenni votate gente che pensa a come rendervi schiavi in cambio di qualche assistenzialismo ed infine grazie a voi se lo sport è stato infangato e deriso, perché dinanzi a molti Palermitani onesti ed orgogliosi di esserlo COME ME c'è gente come lei e i suoi strisciati !

  4. Aggregazione galattica lame rotanti 15 giorni fa

    AZFE si laurei in giurisprudenza e poi ne riparleremo.

  5. AntiZampariniForEver 15 giorni fa

    Come dov'è? C'è una lista di reati a partire dalle operazioni fittizie per generare plusvalenze e non mettere un euro di tasca sua per far apparire i bilanci in linea,fuga di notizie riservate condotte da un indagine.....Io tifo Palermo, ma la dignità e l'orgoglio di ESSERE ONESTO, questo essere di nome MZ l'ha fatta perdere a tutta la città! Qui va oltre essere un semplice tifoso con i paraocchi come i muletti che scrivono ancora in sua difesa!Dovreste almeno tacere, perché io DA PALERMITANO MI SENTO MEGLIO IN SERIE D con una società chiara ed onesta che con uno che ci ha infangato e deriso!

  6. Aldo Ferrara 15 giorni fa

    Si ma nn vedo dov'è il reato

  7. AntiZampariniForEver 15 giorni fa

    Che belle cose, senza sapere i dettagli che ora stanno emergendo dissi nel giorno delle dimissioni che MZ stava evitando di essere colto in flagrante ...ora ne abbiamo le prove....Chi ha ancora il coraggio di difenderlo è solo uno che lavora nella società o ha interessi diretti o indiretti!Viene lo schifo nel leggere queste intercettazioni!Avete capito sudditi prezzolati?Intercettazioni cioè PAROLE DETTE DAI PROTAGONISTI e non PAROLE INTERPRETATE dai giornali!Dovete vergognarvi che avete e continuata difendere un essere del genere!Forza Procura pulizia totale !

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *