EDITORIALE

Palermo, uno stop che potrebbe
rivelarsi un prezioso alleato

Palermo, uno stop che potrebbe rivelarsi un prezioso alleato



Di Peppe Musso

Il calcio italiano, ancora una volta, fa i conti con la Pandemia. A tutti i livelli stanno sorgendo non pochi problemi causati dall'esplodere di focolai all'interno delle squadre, che pregiudicano il regolare svolgimento dei tornei.

Se in serie A, col mondiale invernale alle porte e e le coppe europee che incalzano, trovare una data per eventuali rinvii diventa impresa titanica, la serie C ha meno scadenze e dunque ha già saggiamente disposto il rinvio della seconda giornata di ritorno, nella quale il Palermo del neotecnico Baldini avrebbe dovuto affrontare il Messina al Barbera.

Di questa situazione, in effetti, una delle squadre che potrebbe "giovarne" di più è prorpio il Palermo: all'allenatore ex Carrarese infatti serve tempo per conoscere al meglio la squadra e pianificare saggiamente il mercato: quale modo migliore di farlo avendo due settimane senza partite ufficiali da giocare? C'è tutto il tempo per far assimilare alla squadra il nuovo mod/

    /o, il 4-2-3-1, e ritagliare ad ogni interprete il giusto ruolo.

    Ci sono già i primi spifferi: Soleri provato esterno largo "alla Mandzukic" potrebbe essere una soluzione innovativa, un asso nella manica per ricostruire un reparto, quello della trequarti appunto, a cui effettivamente manca un interprete puro. E' arrivato Felici, scommessa da vincere a tutti i costi considerando il grande talento intravisto in Sicilia due anni fa, arriveranno altri e partiranno altri ancora. Per la prima volta dopo tanto tempo, non c'è eccessiva fretta, la sosta gioca a favore del Palermo, che potrà e dovrà farsi trovare pronto quando il campionato ripartirà.





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *