MATCH DAY

Orgoglio Stellone
e quell'amore silente...

Orgoglio Stellone e quell'amore silente...



 

Il termine orgoglio si riferisce ad un forte senso di autostima e fiducia nelle proprie capacità, unito alla gratificazione conseguente all'affermazione di un proprio importante risultato, o di quello di un gruppo con cui ci si identifica. Fotografa così Wikipedia il concetto di orgoglio.

È stato questo sentimento - nel pomeriggio di ieri a Boccadifalco -  ad ispirare l’intera conferenza stampa del tecnico rosanero Roberto Stellone alla vigilia del delicato match contro il Lecce.

Il mister si è espresso senza metafore, partendo da un J’accuse per la sconfitta inopinata di Crotone ma al contempo riponendo la più totale fiducia nella squadra.

 

Domani contro il Lecce dobbiamo portare a casa i tre punti”: è questo il monito di Stellone che tuona dalla sala stampa del Tenente Onorato ben consapevole di come il Palermo non può più permettersi licenza alcuna.

Intanto chi si aspettava un Renzo Barbera gremito rimarrà deluso: la risposta dei tifosi continua ad essere piuttosto distaccata e la serata contro il Brescia rischia di essere la celebre eccezione alla consueta regola che, ahimè, racconta di uno stadio deserto.

 

Palermo continua a non fidarsi di tutto ciò che accade attorno al club e preferisce - con modus diffidente - osservare a distanza. Stamane non vi è tempo di pensare a ciò che non è o perdersi nei meandri di quello che piuttosto sarebbe potuto essere. Conta l’attualità, e un presente che parla di un Liverani bramoso di vittoria, che medita il golpe proprio in quella Palermo a cui lo stesso tecnico giallorosso è rimasto legato.

Già, altro disegno del fato.

Lo stesso destino che Stellone affronta per tornare a sorridere, insieme ai suoi ragazzi e a quella città che con scetticismo continua a monitorare a distanza. Sì, ma con dignità e quell’amore silente che - anche se non si vede - lo percepisci.

 

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

• Cessione, Zamparini, Mirri ed investitori: parla la De Angeli

 

• Schwoch : «Palermo la più attrezzata, critiche ingiuste»

 

• Zamparini resta ai domiciliari Respinta l'istanza di revoca






3 commenti

  1. Rubini 83 giorni fa

    Incredibile oh, quanta fatica inutile! Vi ho già detto della chiusura di Settembrini e ancora continuate cu Settembrini. Ora, segnate, nell'ordine: Ercoli, Madaleine, Dante, Tesone ( Angelo e Candido già, da tempo, segnalati). Minghia oh, teste dure ahahahah C'era uno di questi compari ri Ball Close Luxury che pensava che Settembrini fosse il proprietario del ristorante ahahah Una volta mi disse : rici minghiate, u signor Settembrini ti schifia ahahahah Ps Mi raccomando, a Madaleine un ci rate fastidio!! ahahahah

  2. CiuridduScaiNius24® 83 giorni fa

    Ma lo volete capire che cè crisi...? La gente non va allo stadio perchè con la pensione minima che prende non vuole foraggiare questi imbroglioni. Poi cè chi è passato da Settembrini alla sala scommesse pi sparaggnari jajajajjajajajajja già si era visto con il Duca Enrico sostituito cu Tavernello brik jajajjajajajjaja. Martedi io invece ho sostituito il 3-0 di crotone con Alita film molto ben fatto , e stasera alle 18 invece troverò altro da fare che seguire questa farsa. Saranno capaci di non andare in A neanche quest'anno. Oltre che ladri anche dilettanti.

  3. Rubini 83 giorni fa

    'Amore silente'. Taci. Sulle soglie ru stadio non odo parole che dici, umane; ma odo parole più nuove che parlano facciuola e strisciati.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *