EDITORIALE

Palermo, la strada segnata
è quella giusta

Palermo: la strada segnata è quella giusta



Articolo di Peppe Musso

Lo abbiamo detto tante,tantissime volte: evitare gli errori del passato.

E sembra proprio che tutto stia andando secondo i piani: il Palermo sta finalmente programmando bene la prossima stagione. Il ritiro a San Gregorio Magno procede spedito e sotto i complimenti di tutti, la squadra prende amalgama e il mercato è frizzante.

Mister Filippi, neopapà, ha ritrovato lo stesso gruppo dell'anno scorso e insieme al ds Castagnini ha deciso da chi ripartire e chi salutare: questo è un "unicum" rispetto alle passate stagioni. La tattica  di riferimento non è cambiata e, a vedere la prima amichevole, gli uomini chiave sono quelli dell'anno scorso.

Il mercato torna a scaldare i cuori: l'arrivo di Fella è una autentica perla, e i nomi per completare l'attacco, rimasto orfano di Lucca (e a anche qui, ottima operazione in uscita), Santana, Rauti e a breve Saraniti, sono di prim'ordine.  A questo bisogna aggiungere l'arrivo degli uomini di fiducia del mister, gente che conosce bene la categoria e che potrà dare una grossa mano per raggiungere l'obiettivo.

 

 

 

Inutile dire quale sia l'obiettivo, anche se la scaramanzia impone di non pensarci nemmeno, il Palermo si sta muovendo, e bene, in quella direzione. Chissà che a questo non si aggiunga anche un cambio societario vantaggioso. Si guarda al futuro con ottimismo.

 

ALTRI ARTICOLI 

PALERMO, CIANCI IN STAND-BY, SARANITI IN USCITA

PALERMO, FELLA E' IL JOLLY PER LA B

IL CONI SI E' ESPRESSO, SI SALVA SOLO LA PAGANESE

 





14 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 48 giorni fa

    Il museo delle ingiurie autoreferenziali a cura di ChiNonSa si pregia di una new entry d'autore: ''Del resto quali prestazioni intellettuali aspettarsi se non quelle al di sotto del minimo, da un un disturbatore che ha voglia solo di insolentire''.

  2. Chi non salta è zamparini 50 giorni fa

    P.S. in quanto ad ‘autoqualificante’ in un sito che si chiama ForzaPalermo non riesco a qualificarmi se non semplicemente tifoso del PALERMO. Il Parrott Troll pensi a sé stesso e alla sua cifra ingiuriosa da cyber-bullo che non anela altro che denigrare i tifosi del Palermo, non esprimendo opinione alcuna, senza essere disturbato

  3. chi non salta è zamparini 50 giorni fa

    Confermo l'evidente oggettiva constatazione nei confronti del Parrott Troll. Del resto quali prestazioni intellettuali aspettarsi se non quelle al di sotto del minimo, da un un disturbatore che ha voglia solo di insolentire, senza essere disturbato. Sentirsi dire di non essere intelligenti abbastanza non è un ingiuria, se ne faccia una ragione il Parrott Troll #Q.I.-1

  4. Aggregazione galattica lame rotanti 50 giorni fa

    ChiNonSa colleziona ingiurie autoqualificanti per il suo ormai famoso museo. Eccone l'ultimo esemplare: #Q.I.zero

  5. chi non salta è zamparini 52 giorni fa

    Parrot Troll. #Q.I.zero

  6. Aggregazione galattica lame rotanti 52 giorni fa

    ChiNonSa continua ad arricchire la sua collezione museale delle ingiurie, qualificando sé stesso nel modo più pregnante possibile: ''non disdegna di postare in ogni articolo le sue fetecchie malodoranti'' - ''Non vi è chi non veda come siamo davanti ad un campione di maleducazione, #miseriainfinita''

  7. chi non salta è zamparini 53 giorni fa

    Il predicatore di odio, Parrot Troll, antirosanero per venerazione friulana non disdegna di postare in ogni a.rticolo le sue fetecchie malodoranti. Come si esprime pensa. Stessa fonte di 'pensiero'. Non vi è chi non veda come siamo davanti ad un campione di maleducazione, #miseriainfinita

  8. Bugia 53 giorni fa

    Dettagli Galattici....

  9. Aggregazione galattica lame rotanti 53 giorni fa

    Lucca o meno, ritiro in Campania o in Jugoslavia: sono soltanto dettagli. Il 'progetto invincibile' è rimanere ben saldi in Serie C, fino a quando essa sarà dichiarata B dalla probabile riforma nel 2024. #cisiamo

  10. Bugia 53 giorni fa

    ...ti ricordo che ancora la punta centrale non l'abbiamo comprata..e il cammino di Lucca ( definito all'inizio da tanti..forse anche tu?, 'longo a matula') dovrebbe insegnarti ad aspettare prima di parlare. Ma sembri uno dei tanti antimirri per partito preso...

  11. Bugia 53 giorni fa

    @Zyz, infatti, la squadra non era affatto modesta. Lucca la dimostrazione, ma anche Valente, Floriano, DeRose, Luperini, Almici...tutti giocatori di livello che non hanno mostrato appieno il loro valore per incompatibilità con il gioco di Boscaglia (topcoach...almeno questo lo ammetterai?) Ma anche il cammino finale che per un pelo non ci ha portato alla fase conclusiva dei playoff. Lucca andava ceduto ( non voleva rimanere) e per la serie c due milioni sono tanti.

  12. zyz 54 giorni fa

    Aggiungo, l'anno scorso avete iniziato così, fino a Dicembre parlavate di primo posto e serie B, quando in tanti parlavamo di squadra modesta e venivamo messi a tacere. Solo a Marzo avete cambiato registro, senza mai attaccare una società stracolpevole. Anche quest'anno stessa solfa, eravamo partiti alla ricerca del bomber da 20 gol, siamo poi scesi a quelli da 10 gol, ora si valutano profili da 10 gol... in due stagione (e manco). Repliche di Saraniti in pratica. Perché reinvestire i soldi di Lucca non si farà mai, quelli servono a pagare gli stipendi e continuare a vivacchiare.

  13. zyz 54 giorni fa

    Si ricomincia con il solito giornalismo in difesa di Mirri? L'unica cosa che hanno fatto bene è il ritiro in Campania. Per il resto, cedono Lucca, 2 milioni, perdendo un importante asset e prendono un prestito abbassando il valore della rosa e della società. (Non raccontate del diritto di riscatto che chiunque segua il calcio sa quanto vale). Cercano la prima punta e chiunque chieda più del minimo sindacale lo escludono perché si deve amare la maglia. Ma chi se ne fotte? L'importante è vincere e gli attaccanti buoni vogliono essere giustamente pagati per il loro valore, giustamente.

  14. Blackmamba 54 giorni fa

    Mi pare che almeno nella programmazione si sta facendo molto meglio rispetto all'anno scorso. Vero è che venivamo dai dilettanti e tutto era da ricostruire, ma avere già un allenatore a giugno, fare le amichevoli, prendere dei nuovi calciatori, e avere un anno in più di esperienza in lega pro, risalta subito che non siamo malaccio anche dopo il 3-0 con il Piacenza. Inoltre la partita più importante è sul fronte societario, sarebbe magnifico che Mirri a cui va la mia grande stima, riuscisse a cedere a un buon gruppo deciso a investire nel Palermo.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *