PASSATO E FUTURO

Il Palermo in Serie C:
un anno fa la sentenza

Il Palermo in Serie C: un anno fa la sentenza



Ad un anno esatto di distanza, il pensiero dei tifosi rosanero torna ad essere lo stesso: il Palermo in Serie C.

 

Proprio un anno fa, infatti, arrivava la decisione del Tribunale federale nazionale della Figc sull'illecito amministrativo contestato dalla procura alla società siciliana che condannava il Palermo alla retrocessione all’ultimo posto del campionato di Serie B concluso pochi giorni prima.

 

Al Palermo fu contestata una gestione finanziaria non trasparente. Nella sentenza si leggeva che «è derivato il compimento di attività chiaramente elusive, idonee a non fotografare la reale situazione della società, proseguite ininterrottamente dal 2015 al 2018 e aventi il loro apice relativamente al bilancio al 30 giugno 2016 le cui alterazioni, per quanto risulta dagli atti oggetto del giudizio, hanno consentito di conseguire l’iscrizione al campionato di calcio 2017/2018».


LEGGI ANCHE

 

PALERMO, IN SERIE C SI CAMBIA: PERGOLIZZI VERSO I SALUTI

 

 NO, IL PALERMO IN SERIE C NON È UFFICIALE

 

 

 ARENA: «NON SAREBBE GIUSTO PROMUOVERE IL PALERMO»


Sappiamo come finì: fu rimodulata la sentenza, con il Palermo penalizzato che non giocò i play-off per la Serie A, niente iscrizione al campionato di Serie B successivo e fallimento.

 

Ad un anno esatto i tifosi del Palermo attendono invece l’ufficialità della promozione in Serie C. Mentre lo scorso anno c’era timore, ovviamente, che i rosanero potessero retrocedere in Lega Pro, oggi si attende con ansia il ritorno tra i professionisti del Palermo.

 

Sentimenti opposti ad un anno esatto di distanza, ma che vedono la Serie C come un unico pensiero. Una Serie C che potrebbe diventare ufficiale nei prossimi giorni.

 

ALTRI ARTICOLI

 

• «CI SARA' UNA SELEZIONE NATURALE DI SQUADRE IN ITALIA»

 

• SIBILIA: «NESSUNO DANNEGGI LA SERIE D» (AUDIO)

 

• BINDA A FP.IT: «UNICA SOLUZIONE E' RIPRENDERE I CAMPIONATI»

 

• FASE 2, LA PREOCCUPAZIONE DI ORLANDO (VIDEO)

 

• U' PICCIRIDDU TORNA (QUASI) ALLA NORMALITA'

 

• GHIRELLI: «RICORSI? CI DAREBBERO UN CALCIO NEL SEDERE»

 

• DA BERGAMO: "PRIMA DENIGRAVO PALERMO, VI CHIEDO SCUSA"

 

• BERGAMASCO SI SVEGLIA DAL COMA A PALERMO: "MI TATUO LA SICILIA"

 

• ESCLUSIVO - PALERMO, A TUTTO SAGRAMOLA: L'INTERVISTA VIDEO

 

• GUIDOLIN A FP.IT: «PALERMO CHE NOSTALGIA, MI MANCA MONDELLO»

 

• ZENGA SENZA FRENI: "PASTORE SEMPRE IN CAMPO, ZAMPARINI SA"

 

• TOTTI E DEL PIERO LIVE: "A PALERMO MICCOLI E AMAURI..." VIDEO





8 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 13/05/2020

    I veri tifosi non pensano mai alle donne quando si occupano di calcio, sarebbe una mescolanza irriverente! Evviva il Palermo galattico di Maurizio Zamparini, il miglior presidente della storia rosanero!

  2. Rubini 13/05/2020

    @Ciccio. Si fa presto a dire 'trovatevi una donna', come se fosse facile. Lei parla così perché è giovane, aitante e bello. Questo è notorio, chi non conosce 'Ciccio-Bello'?

  3. Francesco 70 13/05/2020

    Zamparini il peggior presidente della storia del calcio Palermo.....

  4. Ciccio 13/05/2020

    Non leggevo più da tempo gli articoli presenti in questo sito. Vedo mio malgrado che non è cambiato nulla i ruffiani del friulano sono sempre presenti Trovatevi una donna è passate il tempo in maniera diversa

  5. Rubini 13/05/2020

    Ho provato a ripercorrere (in sintesi, in un unico commento) le varie fasi della storia che ha portato alla morte del Palermo. Ma il commento non è 'passato'. Ps Il fallimento non è ancora chiuso.

  6. Aggregazione galattica lame rotanti 13/05/2020

    Non nel calcio che conta, ma nel calcio che diletta!

  7. Aggregazione galattica lame rotanti 13/05/2020

    Quanto è fotogenico il Tuttolovideo!

  8. Francesco 70 13/05/2020

    Grazie al Friulano malefico...Il peggior presidente della storia del calcio Palermo..Grazie al Presidente Dario Mirri,rd al vice Presidente Tony Di Piazza,per averci riportato nel calcio che conta....

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *