DUTTILITÀ

Il Palermo «camaleontico»: cambi
continui e nessun titolare fisso

Il Palermo «camaleontico»: cambi continui e nessun titolare fisso



 

Sei formazioni diverse in sei partite, con la forte probabilità che a Lecce, domenica, si possa vedere la settima in altrettante gare. Il Palermo di questo inizio di campionato, prima con Tedino e adesso con Stellone, sta dimostrando le proprie caratteristiche di squadra "camaleontica" pronta ad adattarsi a qualsiasi situazione tattica, grazie anche ad una rosa ampia che permette la continua girandola di cambi.

 

Già con il precedente tecnico i rosa si sono ritrovati a cambiare continuamente uomini e assetto tattico, e Stellone ha confermato il trend anche nel match del suo secondo esordio sulla panchina rosanero contro il Crotone, partendo con la difesa a 4 e cambiando modulo in corso di gara. «Finora infatti non si è mai visto uno schieramento "fisso" in campo, sia nell'undici iniziale che a gara in corso. La difesa passa dalla linea a 4 a quella a 3 con naturalezza, (...) mentre in attacco Stellone ha rilanciato l'artiglieria pesante schierando quanti più giocatori possibili, cosa che con Tedino era accaduta solamente nel secondo tempo della trasferta di Brescia»: queste le parole del Giornale di Sicilia, e la duttilità del Palermo quasi certamente verrà confermata anche nell'insidiosa trasferta di Lecce, avversario in gran forma che spingerà il tecnico romano a nuove ipotesi tattiche. 

 

I cambiamenti continui dei rosa in campionato hanno confermato anche il concetto che non esistono titolari fissi. Tutti ruotano e sono destinati a farlo per tutto il proseguio di campionato: gli unici stakanovisti della squadra sono Brignoli, Bellusci e Rajkovic, che dopo i tanti malanni a livello fisico nelle passate stagioni fino ad ora è stato sempre in campo fra campionato e Coppa Italia così come i suoi due compagni. Tranne questi tre giocatori, che hanno giocato tutti i 750 minuti di questo inizio di stagione, tutti gli altri hanno riposato e solo otto elementi sono scesi in campo in tutte e sei le partite di Serie B finora disputate. Tutti questi cambi dimostrano che il Palermo può fare affidamento a dei ricambi di tutto rispetto e all'altezza dei titolari, permettendo a Stellone di poter attuare il suo Palermo "camaleontico". 

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *