CAPITAN SANTANA

«Paghiamo ogni minimo errore.
Filippi diverso da Boscaglia»

«Stiamo pagando ogni minimo errore. Filippi diverso da Boscaglia»



Parola al capitano.

Mario Alberto Santana, durante la trasmissione di TRM "Siciliani sul 13", dopo un lungo tuffo nel passato si è soffermato sulla situazione attuale del Palermo parlando del rendimento deludente dei rosa, degli errori ripetuti che la squadra commette in campo e delle differenze di vedute del calcio dell'ex allenatore Boscaglia e dell'attuale mister nonché vice del tecnico di Gela Filippi: 
 

"Il mio legame con lo staff è forte, c'è rispetto da entrambe le parti e passiamo tanto tempo insieme. Ho un rapporto straordinario con loro".

 

TIFOSI E ARGENTINA
"La passione di Palermo per il calcio è unica, è normale che fai cinque metri e ti riconoscono e ti fermano, ma lo fanno sempre con grande rispetto. Cosa vuol dire giocare con la maglia dell'Argentina? Giocare in nazionale, nell'Argentina poi, è tanto perché giochi con tantissimi giocatori forti. Ho avuto la possibilità di giocare con questa maglia anche se per poco, è un sogno realizzato e me lo sono goduto perché sono cose difficili da dimenticare".

 

RENDIMENTO CASA-TRASFERTA
"Per adesso stiamo perdendo e prendendo troppo gol in casa, le prossime dobbiamo provare a vincerle tutte perché giochiamo a casa nostra, dobbiamo farci rispettare nel nostro campo. In trasferta facciamo sempre la partita ma spesso ci viene difficile vincere le partite, dobbiamo pedalare tanto e vincere. Purtroppo si pagano gli errori minimi che facciamo, ad ogni errore equivale ad un gol preso e non è sempre cosi, paghiamo tanto questa cosa. Sono piccoli errori che poi ti fanno perdere le partite".

 

BOSCAGLIA E FILIPPI
"Se sto dando una mano al nuovo mister Filippi? Io sono il capitano ma faccio solo il giocatore, ci confrontiamo perché vivo lo spogliatoio e cerchiamo di risolvere le cose che facciamo meno bene ma non mi spingo mai oltre .Come capitano è brutto quando un allenatore va via perché la colpa è nostra che non abbiamo ripagato il lavoro sul campo. Mister Filippi ha un modo diverso di vedere il calcio rispetto a Boscaglia, stiamo lavorando al massimo per capire bene quello che ci chiede".

 

COM'ERA
"I giovani della squadra mi chiedono spesso com'era il Palermo degli anni migliori e con i tifosi. Un giorno Marconi era in camera con me e mi ha fatto vedere che stava guardando il Palermo Roma 3-3 sotto il diluvio. Il tifo non è cambiato per niente, il primo giorno di ritiro lo scorso anno era pieno di gente. I tifosi palermitani amano la loro squadra e non cambieranno mai".

 

GRUPPO
"So che gruppo siamo, ho sentito tante volte che non siamo uniti ma non posso sentire queste cose, io ci sono dentro lo vivo ogni giorno e ci sentiamo sempre. Il nostro è un gruppo unito ma ci sono degli errori che per ora stiamo pagando fortemente".

 

MESSAGGIO AI TIFOSI
"Ai tifosi dico di credere ancora in questa squadra perché so cosa c'è dentro ogni giocatore che veste questa maglia, una volta sistemati e tolti questi errori faremo vedere di poter fare la differenza".






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *