COMUNICATO

Palermo, salta la trattativa con
Mirri. La nota della Damir

Palermo, salta la trattativa con Mirri. La nota della Damir



 

Continua il tour de force di Rino Foschi e Daniela De Angeli per salvare il Palermo dalla penalizzazione: ieri sera c'è stato un nuovo incontro con la famiglia Mirri che ha portato ad un nuovo nulla di fatto - secondo quanto si legge su La Repubblica-Palermo - e toglie definitivamente gli imprenditori palermitani della pubblicità, pronti a far fronte alle prime incombenze economiche del club in vista di un futuro ingresso in società, dalla scena.

 

La nota della famiglia Mirri:

 

Con grande senso di responsabilità animata dall’unico intento di salvare le sorti della squadra alla quale è profondamente legata, la famiglia Mirri ha deciso sabato pomeriggio di non sottrarsi all’invito della società Palermo Calcio a riprendere le trattative finalizzate a trovare una soluzione che eviti la penalizzazione in classifica e consenta di definire con serietà e serenità un nuovo ambizioso progetto sportivo. In quest’ottica la Damir srl ha accettato di assumere dei rischi che vanno ben oltre le logiche imprenditoriali, riducendo le proprie richieste ai limiti del ragionevole e rendendosi disponibile a procedere all’immediato versamento delle somme (per un importo pari a 2,8 milioni netti) occorrenti per evitare la penalizzazione.

 

Il tutto a fronte delle possibilità di ottenere un contratto commerciale di affidamento della pubblicità di durata quadriennale, con pagamento anticipato del canone e garantendo pure un sistema di royalties legate ai volumi di fatturato raggiunto (in un contesto nel quale è la Palermo Calcio stessa ad aver dichiarato che gli introiti pubblicitari sono pari ad 1.070.000,00 di euro annui lordi).


Tale rischio, come dimostrano le difficoltà, le incertezze e le criticità emerse nelle numerose trattative precedentemente fallite, si era pronti ad accettare senza certezza alcuna sulla sopravvivenza allo stato della società Palermo Calcio e sulla effettiva possibilità di conseguenza di poter usufruire degli spazi pubblicitari per i quattro anni previsti nella bozza di contratto.

Nonostante la disponibilità dimostrata dalla famiglia Mirri, la società Palermo Calcio ha ancora una volta improvvisamente comunicato di voler sospendere le trattative, avendo notizia dell’interessamento di un fondo americano o di altri potenziali acquirenti pronti a offrire condizioni strabilianti.

 

Come scrive Massimo Norrito, la società rosanero «ha detto no a un accordo che avrebbe reso men appetibile la società in caso di una potenziale altra trattativa. Il Palermo, infatti, dalla pubblicità incassa 2 milioni in serie B e quasi 6 milioni in serie A. Una cifra alla quale un eventuale acquirente è evidente non rinuncerebbe».

Al Palermo, dunque, non resta che trovare altri finanziatori con un gruppo americano, ma è più probabile che la dirigenza rosanero riallacci rapporti con chi aveva manifestato interesse per il club, l'ultima possibilità prima del baratro.


IMMAGINE  CLICCA QUI! SIAMO SU INSTAGRAM






6 commenti

  1. Yes 29 giorni fa

    Mossa azzeccata. Per un paio di mensilità la società sarebbe diventata davvero invendibile, anche considerati i debiti. Diverso il caso se la proposta avesse abbracciato gli stipendi sino a fine anno.... al limite si poteva accettare. Anche per i signori mirri che senso avrebbe un contratto pluriennale con una società che sarebbe rimasta priva di acquirenti? Il marketing è il succo di ogni affare. Avanti con -3, si possono recuperare.

  2. Damiano Saladino 29 giorni fa

    LA SPERANZA é L'ULTIMA A MORIRE ,MA MUORE LO STESSO

  3. beddamatri 29 giorni fa

    i signori mirri stanno facendo finta di dare i soldi ma nn parlano dei fortissimi guadagni che avrebbero se foschi avrebbe accettato e tutto cio x un danno grosso x il palermo e chi eventualmente comprerebbe la societa . 9 anni di contratto con una media minima di 1.5 milioni a stagione in serie B e almeno 4 milioni in serie A ,,,, dove stanno tutti i grandi industriali palermitani? nn ce la fanno a raccogliere 3 milioni x salvarci dalla penalizzazione? e di tutto cio si deve sempre dire grazie ai grandi tifosi palermitani che x andare contro zampa hanno lasciato la squadra e lo stadio vuoto..

  4. noitifosidelpalermo.jimdo.com 29 giorni fa

    Chi ci capisce é bravo, se ci sono questi Americani perché non vendono subito e evitano la penalizzazione?

  5. Solorosa 29 giorni fa

    Dietro a tutta sta ingarbugliata vicenda, che potrebbe intanto comportare un'umiliante -3, non può che esserci ancora lui. Sembra quasi che stia usando una sorta di arma di ricatto/ripicca: come dire, che se non fosse stato posto agli arresti, avrebbe potuto gestire tutto lui in tranquillità ed invece adesso si stanno facendo sotto una serie di avvoltoi, come Mirri. Ed è quindi costretto, suo malgrado, al sacrificio della penalità pur di vendere il Palermo ad acquirenti facoltosi.

  6. Torakiki 29 giorni fa

    Il fantomatico fondo americano con le valigie di milioni(pure facile e Company li ha spacciati per americani quotati a new York), classico cavallo di battaglia del domiciliato. Ci sono ancora dubbi su chi muove i fili? Qui siamo alla canna del gas non mi pare si possano dettare condizioni

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *