Ricomincio da tre - Forza Palermo Calcio Giornale
FUTURO

Ricomincio da tre

Ricomincio da tre



 

 

Il Palermo ha finalmente scelto il sostituto di Delio Rossi in panchina.

 

Pasquale Marino, dopo i diversi casting svolti dalla nuova società, sarà il tecnico che guiderà i rosanero il prossimo anno in Serie B.

 

 

Preso il tecnico, bisognerà pensare al calciomercato.

Tra chi resta e chi va, ci sarà comunque un ridimensionamento della rosa. Da Rajkovic, il cui ingaggio è troppo oneroso, a Nestorovski, il pezzo forte che è destinato a partire e a far rientrare nelle casse del Palermo qualche danaro. 

 

Ma su chi è bene puntare il prossimo anno? Proviamo a stilare una lista, cercando di scovare un pilastro reparto per reparto.

 

Difesa

Con Aleesami e, molto probabilmente, Rajkovic prossimi a partire, difficile stabilire chi rimarrà un altro anno in cadetteria. Quest’anno, soprattutto per quanto riguarda i terzini, le soluzioni adottate da Stellone prima e Rossi poi sono state diverse, ma il prossimo anno le cose potrebbero cambiare.

 

In campo quest’anno appena 11 volte, anche a causa di qualche problema fisico, Antonio Mazzotta si è fatto sempre trovare pronto. Un gol, due assist e appena due ammonizioni per un terzino che si è sempre dato da fare quando è sceso in campo, mettendo corsa e grinta a servizio dei tecnici che gli hanno dato fiducia.
Arrivato a Palermo la scorsa estate, il terzino palermitano ha trovato la concorrenza di Aleesami, spesso preferito, ma che ha molte volte deluso le aspettative. Con la probabile partenza del norvegese, Mazzotta potrebbe finalmente ritagliarsi più spazio nell’undici titolare e mettere in mostra le capacità che ha già dimostrato di avere.

 

Centrocampo

Quest’anno il Palermo ha avuto una sola certezza a centrocampo: Mato Jajalo. Il bosniaco però, dopo quattro anni passati in maglia rosanero, è già destinato a lasciare il capoluogo siciliano per l’Udinese. Difficile stabilire chi possa ereditare il suo posto, soprattutto considerando che nessuno quest’anno è stato all’altezza e che in molti come lui lasceranno la squadra rosanero. In attesa di capire chi arriverà dal calciomercato, c’è un giocatore che racchiude in sé sia la volontà della nuova proprietà di “ringiovanire” la squadra, sia la volontà di uno stravolgimento della rosa: Luca Fiordilino.

 

Cresciuto nelle giovanili del Palermo, il classe ’96 è riuscito a crescere anche grazie alle esperienze con la maglia del Lecce e del Cosenza. In campo quest’anno per sedici volte, Fiordilino ha senza dubbio la voglia di fare bene e mettere ulteriormente in mostra le sue capacità. La rabbia di non aver conquistato la Serie A è tanta, ma è una giusta motivazione per un giovane che punta a diventare grande tra la sua gente. Diversamente da quanto detto dal suo procuratore dunque (clicca qui) il palermitano Fiordilino potrebbe essere tra le soluzioni principali di Pasquale Marino.

 

Attacco

 

La partenza di Nestorovski è praticamente certa, così da permettere al Palermo di fare cassa. Con l’addio del capitano, sono due i giocatori che fondamentalmente potrebbero prendere le redini dell’attacco: Stefano Moreo e George Puscas. Il secondo ha tante richieste di mercato, ma Marino proverà a trattenerlo, mentre l’ex Venezia è pronto a ripetere le grandi cose che ha fatto nella seconda parte di stagione.

Ed è proprio sull’attaccante originario di Milano, arrivato durante il calciomercato invernale della passata stagione, che bisogna puntare il prossimo anno: tolta la concorrenza di Nestorovski e considerando che il rumeno non ha proprio brillato durante l’ultima stagione, Moreo sarà sicuramente il centravanti destinato a guidare l’attacco rosanero.

 

 

Per finire, una nota sul portiere: Alberto Pomini è una certezza, l’uomo d’esperienza giusto per provare a ripartire dopo una stagione di ricorsi, sentenze e rimpianti. L’altro Alberto, Brignoli, potrebbe avere un futuro lontano da Palermo.

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

Fabio Lupo tra passato e presente: «In B contano le idee»

 

 

Si sta come al Barbera ai microfoni i no comment

 

 

Ritiro Palermo, niente Calabria

 

 

Palermo, due settimane fondamentali

 






17 commenti

  1. Totuccione 69 giorni fa

    riscussi i ru liri...

  2. A proposito di raziocinio 70 giorni fa

    Sono d'accordo con Cittadino si vede che è lungimirante sia mai a questo punto fallire, portare i libri contabili davanti un TRIBUNALE che obrobrio che vergogna brava arkus sono contento x questo coraggio dimostrato non è da tutti, ovviamente fra due tre anni se nn ce la si fa x carità NESSUNO VI FARÀ COLPA e i libri magari in TRIBUNALE,si ci portano intanto NON GLIELI PORTIAMO E SIAM CONTENTI...

  3. Antonio Morana 70 giorni fa

    Secondo me la cosa migliore da fare è togliere tutti sti giocatori sopravvalutati, impaccati dai vari consiglieri passati con ingaggi assurdi e immotivati, e sistemare la squadra ascoltando tutto quello che chiede Marino cercando di accontentarlo, cosi da allestire (anche con poco perché in serie B si può) una rosa che possa tranquillamente ambire alla massima categoria...in linea di massima d'accordo con @Noitifosidelpalermo.Jimdo solo uno appunto su Puscas che come si dice dalle nostre parti un mi finisci i piaciri

  4. noitifosidelpalermo.jimdo 70 giorni fa

    I giocatori da confermare sono Brignoli, Salvi, Szyminski, Pirrello, Mazzotta, Fiordilino, Murawski, Puscas e Moreo.

  5. Paolo 70 giorni fa

    Non possono vendere tutti, anche perché poi li devono sostituire, e bisogna vedere anche quanto offrono per giocatori che tra un anno sono a parametro zero.....

  6. Antonio Morana 70 giorni fa

    chiamala cuomu vuoi siempri cucuzza ;)

  7. Rubini 70 giorni fa

    Più che 'chianciananna' direi troll. Uno dei quali fa per cento ed ha un unico obiettivo, sporcare tutto, affinché tutto diventi illeggibile.

  8. Yes 70 giorni fa

    Rubini, montagna di debiti relativa alla serie b, in serie a sarebbe stata collinetta. Questi nuovi ci speravano. 50 milioni circa per una società di serie A sono prezzo da saldi. Zamparini fino a quando ha avuto soldi da spendere ha fatto impresa spregiudicata. Esco tanto, rivendo a tanto, faccio risultati. Questi a occhio e croce fanno lo spendo quello che entra e piano piano riduco debiti. Significa anni e anni di serie b. Mha vedremo...

  9. Antonio Morana 70 giorni fa

    L'illuminata strategia è vendere la società con i conti a posto...si spera in serie A, e comunque io sono dell'idea che non è con i giocatori milionari che si vince in B ma con un idea di gioco seria e con i giocatori giusti a questa idea e non a m.i.n.c.h.i.a come nelle scorse stagioni...staremo a vedere...ma cominciare a fare i chianciananna prima ancora che si cominci a lavorare sulla squadra non ha senso...ma la maggior parte della gente che scrive qui non ama altro che questo...fare i chianciananna!!

  10. Yes 70 giorni fa

    I debiti si ridiscutono. Quando hai come unico bene na serie di giocatori di serie b, vai dai creditori e comunichi che o si manciano sta minestra o restano diuni

  11. Rubini 70 giorni fa

    @Yes. Montagna di debiti non direi. Ricordo che nei DEBITI di cui si parla è COMPRESO il PREZZO del PALERMO. Vale qualcosa il Palermo, il MARCHIO, la MAGLIA, la LOCATION, la luna sul Monte, il popolo rosanero, 'quant'è bello la mattina quando vado allo stadio'? Oppure un vale nieinti ri niainti, levaci manu, u friulano, i rieibiti, ma chi c'affari... Ps Ricordate quanto nisciu u friulano p'accattarisi u Palermo, nell'anno 2002, con la squadra derelitta, in serie b? Io no, non mi ricordo, è passato troppo tempo.

  12. Tony 70 giorni fa

    Voi fedelissimi di qualsiasi proprietà immagino pure dei pagliacci inglesi dovreste spiegare se non vai in A come li recupero i debiti. L'illuminata strategia di Arkus quale sarebbe ? guadagnare coi ghiaccioli allo stadio?

  13. Tommy 70 giorni fa

    Speriamo bene. Questa nuova proprietà mi convince poco.

  14. Yes 70 giorni fa

    Stanno non e prevista la serie A. l abbrivio è finito. Siamo una società di serie b, presto con un organico di serie b, con una montagna di debiti per la serie b. Ci vorranno tanti anni oppure una botta di cu lo per rientrare in serie A. Sta alla abilità di questi signori ristrutturare e ridurre sensibilmente questo debito. Più si riduce più probabilità ci saranno di salire in a., oppure di trovare un acquirente

  15. Rubini 70 giorni fa

    @Tony.Eccone un altro che parla di SOLDI, esattamente come il commentatore @Fabio nel post precedente ('nghia tale e quale!) . Magari la 'solita gestione' 'zampamarket'! Da 17/18 Milioni di MONTE INGAGGI in SERIE B!!! Ma non è stato chiaro il dottor Tuttolomondo ? Se NON VI STA BENE, 'USCITELI' VOI I PICCIOLI!!! Altrimenti PREGATE per un ritorno di ZAMPARINI!! Ritorno tutt'altro che improbabile, d'altronde la segretaria sta ancora al suo posto, in attesa degli eventi (laggasi:PAGAMENTI, previsti dal contratto di vendita).

  16. Cittadino 70 giorni fa

    Non prevedo un grande Palermo. Se va bene, già centrare l'area play off sarà grasso che cola ... Cmq, per intanto, l'importante è esserci ...

  17. Tony 70 giorni fa

    Ricominciano dai panchinari di una squadra che ha fallito la promozione Diretta per due anni consecutivi, il che la dice lunga sulle ambizioni della nuova proprietà. Vendersi brignoli e puscas arrivati lo scorso anno già in B per fare soldi vuol dire che non ne hanno. Perché siamo alla solita gestione miope alla zampamarket meglio qualche euro oggi che la serie a domani. Puoi coprire debiti per 50 mln e poi hai bisogno di vendere pure i chiodi dei muri?

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *