GIORNALE DI SICILIA

Palermo, dilemma regia: Palazzi
in pole, Martin terza scelta

Palermo, dilemma regia: Palazzi in pole, Martin terza scelta



Alla ricerca della giusta fisionomia.

Il Palermo, terminato il girone d'andata, non ha ancora trovato i giusti interpreti per il nuovo 4-3-3 visto a partire dalla gara contro il Bari. A tenere banco è soprattutto il dilemma relativo al regista, o meglio al vertice basso di centrocampo adibito a fare da schermo e a far partire velocemente la manovra. 

 

Come si legge nel Giornale di Sicilia Palazzi schierato dal primo minuto contro la Virtus Francavilla non ha particolarmente brillato tanto da essere sostituito cedendo il posto da regista ad Odjer. Ancora panchina invece per Malaury Martin che, vista la scelta del ghanese come vertice basso è diventato di fatto la terza scelta nel ruolo di vertice basso del centrocampo a tre. Posizione gerarchica che, con l'ormai certo ingresso di De Rose dalla Reggina, per il centrocampista francese potrebbe subire un ulteriore scivolone. 

 

Nella prossima sfida contro il Teramo mister Boscaglia, assodato ormai il 4-3-3 come modulo, potrebbe dare nuovamente spazio a Palazzi in cabina di regia, coadiuvato da Luperini ed Odjer. Ancora assenti Marconi e Almici, con il primo che avendo già iniziato il percorso di riatletizzazione potrebbe tornare disponibile già dalla gara contro il Potenza mentre per il secondo ci vorrà ancora qualche altra settimana. 






2 commenti

  1. Palermoforever? 107 giorni fa

    A questo punto, meglio liberare un posto per una new entry ...

  2. Fabio 108 giorni fa

    Martin non ha il passo per giocare in serie C e purtroppo per lui non è Pirlo. Andava preso un regista in estate o quantomeno un trequartista classico bravo negli assist cosa che Rauti o luperini non sono

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *