Palermo, Perinetti: "Non credo ci sia l'intenzione di cedere la società, non credo neanche ai cinesi" - Forza Palermo Calcio Giornale

Palermo, Perinetti: "Non credo ci sia l'intenzione di cedere la società, non credo neanche ai cinesi"




La trattativa con Frank Cascio per cedere il Palermo calcio si è, ormai da qualche giorno, arenata. Era stato lo stesso imprenditore italo-americano ad annunciare il mancato accordo con il presidente Zamparini. L'ex dirigente rosanero, Giorgio Perinetti, ha partecipato all'incontro fra i due lavorando con l'avvocato Tacopina, colui che ha presentato Cascio a Zamparini. Perinetti, ospite al 'Molo 19' di Cefalù, ha detto la sua sulla situazione a Stadionews24: "Non si può dire che quella americana non fosse una proposta reale. Non credo ci fosse la volontà di trovare un’intesa e non credo neanche ai cinesi. Mi fa piacere comunque che Zamparini metta passione e competenza, anche se ha alti e bassi di umore. Non credo però che voglia cedere. Se Zampa ci ha contattato? Ci ha chiamato un anno fa per vendere – ha proseguito Perinetti – poi però non si è concretizzata la possibilità. Quando Tacopina porta delle persone, le porta affidabili. Credo che Zamparini voglia andare avanti ed è un suo diritto".  L'attuale dirigente del Venezia parla poi anche del nuovo tecnico De Zerbi: " Come al solito c’è stato un cambiamento e si sta lavorando. De Zerbi ha idee integraliste, anche se le ha già adattate alla squadra, rivedendo il suo modulo. Credo stia facendo bene e la sosta lo aiuterà, ora ha sedici giorni per lavorare. Ha le idee molto chiare e pur trovando una rosa che non ha scelto lui, ha giovani di qualità. A Palermo non è sempre facile arrivarci per un allenatore, ma a gennaio potrà dire la sua per qualche innesto. Faggiano? Non ha potuto incidere come voleva, credo potrà essere valutato da gennaio".






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *