ESCLUSIVA

«Quella notte contro la Lazio,
amo Palermo». Mutti si racconta





 

Ricorrenza in casa Palermo. Era il 19 febbraio 2012 quando l'allora squadra rosanero - guidata dal tecnico Bortolo Mutti - scriveva uno dei capitoli più dolci della storia del club superando con un meraviglioso 5-1 la Lazio. Era il Palermo di Barreto, Ilicic, Budan e Miccoli.

Non si può guardare al futuro se non si ricorda il passato. Così in un presente delicato - come quello che sta attraversando il club di viale del Fante - immergersi nei ricordi di quella notte è ancora più bello. Per farlo abbiamo raggiunto telefonicamente la guida di quel Palermo, il tecnico Bortolo Mutti. Ringraziandolo per la sua consueta collaborazione, simpatia e competenza riportiamo quanto emerso.

 

Iniziamo dai ricordi, la sfida contro la Lazio.

«È stata una vittoria importante che è entrata nella storia del Palermo. Sono quelle serate in cui funziona tutto alla perfezione: abbiamo messo una perla meravigliosa nella storia del club.

Fare cinque gol ad una squadra come la Lazio non è una cosa che capita spesso. Un ricordo bellissimo e importante».

 

Presente e futuro.

«Il Palermo è una piazza ambita - per la sua storia e la potenzialità - e se si riuscirà a superare questo momento societario, ritrovando la tranquillità, il Palermo può tornare grande.

Certamente la cosa più importante è tornare in serie A: ho visto la partita contro il Brescia e vedere il Barbera così pieno e partecipe è significativo.

Ciò che conta è trovare una quadratura societaria alfine di dare serenità alla squadra così da evitare eventuali alibi. I valori ci sono e la corsa per la serie A è apertissima. Il Brescia ha avuto questo ritorno imperioso ma il Palermo lo vedo all’altezza per competere».

 

Sul campionato.

«Palermo e Brescia - secondo me - sono le più quotate per le prime due posizioni. Ci sono anche Lecce, Verona e altre compagini che potrebbero insidiare la corsa delle prime due.

I rosanero devono essere bravi a prendere la distanza dal gruppetto dietro per evitare di essere risucchiati dall’onda play-off, spesso una lotteria in cui può succedere di tutto».

 

Infine, l’auspicio.

«L’importante, ripeto, è riprendere la marcia determinata di inizio campionato alfine di evitare i play-off.

Credo e spero che Palermo e Brescia arrivino nelle prime due posizioni, così da ottenere la promozione diretta in serie A.

Amo il Palermo per questo gli auguro sempre il meglio».

 

 

IMMAGINE SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

ALTRI ARTICOLI

 
 

 PALERMO-MIRRI, IL COMUNICATO DELLA SOCIETÀ

 

• Accardi: «Gruppo importante pronto a rilevare il Palermo»

 

• Palermo, quella sublime corrispondenza di amorosi sensi

 

• Orlando: «Massimo sostegno perché non si ripeta il 1986»

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *