PRESIDENTE

Di Piazza, stadio e centro
sportivo: parla Dario Mirri

Di Piazza, stadio e centro sportivo: parla Dario Mirri



Parola a Dario Mirri

Il presidente del Palermo, intervistato da Repubblica, ha parlato a distanza di un anno dalla mancata iscrizione dei rosa in Serie B e la conseguente caduta e perdita del titolo sportivo della rinascita del club di viale del Fante, con la conquista del primo tassello della Serie C. Non potevano inoltre mancare gli argomenti chiave di quest'estate rosanero ovvero il rapporto ormai incrinato con Tony Di Piazza, le questioni stadio e centro sportivo nonché l'identikit del nuovo allenatore e la visione imprenditoriale del nuovo Palermo:

 

«Abbiamo ritrovato quella dignità che ci era stata tolta. Dallo Zamparini degli ultimi tempi sino ad arrivare a Tuttolomondo passando per gli inglesi, tutti avevano tolto la dignità a noi tifosi e alla nostra squadra del cuore. Oggi abbiamo una dignità di persone oneste e trasparenti che vogliono bene al Palermo. Oggi, qualunque cosa faccio da presidente, la faccio per il bene del Palermo. Come tifoso e come imprenditore perché per me il Palermo è la mia squadra del cuore, ma è anche un investimento, una impresa». 

 

FORZA ECONOMICA

«Abbiamo una forza economica che in C non ha nessuno e che in B hanno in pochi. Il nostro capitale sociale non solo è stato versato, ma i soldi sono in cassa e non sono virtuali. Abbiamo cinque milioni cash e questa è la nostra forza tangibile. Ma c'è anche una forza che è data dalla trasparenza del progetto. Quello che sognavo da tifoso l'ho raggiunto da presidente».

 

VITTORIA
«Esagerato definire storica la vittoria della Serie D? Assolutamente no. E' storica perché venivamo da anni difficili e mesi drammatici. Vincere un campionato è comunque fare la storia. Un po' come accadde nel primo fallimento con la differenza che quel Palermo ha avuto un anno per organizzarsi, noi abbiamo fatto tutto in pochi giorni e abbiamo vinto. Eravamo costretti a vincere. Non avevamo alternative. Personalmente ho sentito molto la pressione di quello che andavamo a fare. Avevo paura di non fallire davanti ai tifosi, alla città e alla mia famiglia. Non andare in C sarebbe stato un vero fallimento. Un disastro. Avevo tutto da perdere e per questo motivo la definisco storica».

 

SERIE B

«Più che subito la serie B sarà fare il possibile per raggiungere la serie B. Tra dovere vincere, come capitato in serie D, e potere vincere, come sarà in serie C, ne corre. Non voglio illudere la gente che è già stata troppe volte illusa. Ricordo quando qualcuno disse che il Palermo avrebbe lottato per lo scudetto. Io dico solo che proveremo e abbiamo una società forte e in grado di farlo».

 

DI PIAZZA

«Era un matrimonio normale come tanti altri. Io sono il socio fondatore con la maggioranza e Di Piazza il socio di minoranza. Ruoli e competenze erano definite da tempo. Non posso entrare nella testa di Di Piazza. Posso solo dire che i numeri parlano chiaro. Io ho il sessanta per cento e lui il quaranta. Le cose erano chiare sin dall'inizio. Evidentemente Di Piazza ha cambiato idea. Ha scritto per due volte che vende le sue quote. Io riconfermo che le sue quote le compro io. Lui ha chiesto una valutazione. I nostri legali sono al lavoro per questo. Non cerco nessun socio, ma come deve fare un buon imprenditore sono pronto ad ogni eventualità per il bene del Palermo. Però lo ribadisco: abbiamo soldi per andare avanti un anno senza nessun tipo di problemi. Mi dispiace per i tifosi che sono quelli che soffrono, ma i problemi ci sono perché qualcuno li ha creati e perché ha ripensato agli accordi iniziali. E' fastidioso per tutti, ma solo un fastidio e non una preoccupazione». 

 

CONCESSIONE STADIO

«Io credo che il Palermo non possa prescindere da Palermo. Se qualcuno vuole fare politica sul Palermo a mio giudizio fa male alla città e a se stesso. Se volessi fare un ricatto potrei dire che sono pronto a non iscrivere la squadra qualora non si dovesse raggiungere l'accordo sullo stadio, ma mi fa lo stesso male dover dire che la iscrivo e poi vado a giocare dove ci ospitano. Io voglio pagare, ma voglio pagare il giusto. Se mi si chiedono 350 mila euro per lo stadio significa che si vuole la morte del Palermo e io, prima di far morire il Palermo, lo porto a giocare altrove».

 

CENTRO SPORTIVO 

«Torretta o Piana? E perché no a Monreale. Ci sono tre ipotesi in ballo, ma io sono aperto ad altri suggerimenti. Se riusciamo a chiudere con uno di questi comuni sono pronto a partire anche domani. Abbiamo il progetto di massima con tre campi, palestre, club house per i nostri calciatori». 

 

ALLENATORE

«Stiamo cercando un vincente. A me interessa vincere, come a tutti i tifosi. Ci muoviamo solo per competenze senza nomi suggeriti dagli amici. Voglio guardare avanti e cercare il meglio. Ecco, per esempio, perché sarebbe anacronistico chiedere ad Amauri di tornare in campo. Non dobbiamo voltarci indietro. Noi palermitani dobbiamo avere più fiducia in noi stessi e nelle nostre capacità pensando che siamo la squadra che ha battuto per tre anni di fila la Juventus e non solo quella dei Tuttolomondo o dei procuratori slavi. Insomma pensiamo in grande».

 

PENSARE IN GRANDE

«Io, in un anno ho messo nel Palermo sette milioni tra gli stipendi della vecchia società e i soldi del nuovo club. Non so se l'ultimo Zamparini può dire di aver fatto altrettanto. Il mio obiettivo è imprenditoriale. Se metto sette milioni ne voglio raccogliere settanta. Non sono un benefattore. Nel calcio di oggi nessuno butta i soldi. Dopo un anno sono sempre più convinto che il Palermo sia una grande opportunità. Di Piazza, mi viene da dire, è salito sul carro di chi lavorava da mesi e aveva già messo dei soldi. Ma io voglio il Palermo in A: lo voglio da tifoso e da imprenditore. La società in A varrà come minimo 150 milioni e forse allora potrò decidere di venderla».






28 commenti

  1. stadio 16 giorni fa

    Jarbas Faustnho Cané, Zampa ci sbatte in D ma qualche altro ci affido a qualcuno senza capitali x il vero calcio.

  2. Jarbas Faustnho Cané 17 giorni fa

    Stadio, non mi risulta esistino i ‘campionati parificati’ come le scuole private dove fai tre anni in uno pagando una retta salatissima. Chiediamo a Gravina di inserire questa formidabile idea nella nuova riforma del Calcio. Così tutti questi palati fini la smettono di soffrire per una squadra di cui comunque non gliene frega un c***o! Ricordo a tutti che un friulano ci ha schiaffati in serie D, quindi lamentatevi con lui. Inoltre mai visto un colosso con miliardi di fatturato comprare una società in serie D, neanche in Germania.

  3. stadio 17 giorni fa

    Aristarco Battistini, quali fatti? La misera promozione in serie C, pronosticabile a fine Luglio. Il mini centro sportivo? ancora da realizzare. La B in 3 anni? Palermo non puo' aspettare anni x l'eventuale serie B. Di Piazza parlo di serie B in 1 anno.

  4. stadio 17 giorni fa

    Omissis, non sono aggregazione.

  5. Giovanni rosanero 18 giorni fa

    Ragazzi ancora coi pro e contro Zamparini ? Finiamola, guardiamo in avanti. Abbiamo una nuova società che sinceramente ancora va giudicata, il vero banco di prova sarà quest' anno, il campionato difficile e lì si vedrà di che pasta siamo fatti. Una sola cosa vorrei consigliare a Mirri, un po' di modestia, basta dare numeri, il calcio non è il monopoli e cerchiamo di trattare i soci anche se di minoranza con più rispetto.

  6. Aristarco Battistini 18 giorni fa

    A chi ha poco comprendonio oltre che malafede e spera o prevede addirittura il disastro della prossima stagione, i fatti dicono che fino a oggi i fatti hanno preceduto le parole. Palermo subito promosso e centro sportivo in allestimento. Ricordo inoltre a strisciati, falsi, finti tifosi, frustrati che cè l'hanno con i palermitani che secondo loro dovrebbero mettere i picciuli, e ex nostalgici del friulano, che Mirri ha parlato di B in tre anni dalla D, che significa che quest'anno ci proveranno ma non è detto. Le critiche potranno esserci se entro due anni non saremo in B. Avete capito?

  7. Aggregazione galattica lame rotanti 18 giorni fa

    Dybala, Vasquez, Pastore, Cavani + i campioni del mondo. Il vero tifoso palermitano si dichiara soddisfatto soltanto di questo.

  8. Omissis 18 giorni fa

    Stadio alias aggregazione dopo che hai previsto l'eccellenza evita che ti si ritorce contro

  9. stadio 18 giorni fa

    La storia della società di Mirri: qualora non ottenga la serie B riceverà molte critiche rischiando lo stadio semivuoto, invece qualora ottenga la serie B sarà venerato dai suoi fans come se conquisto la coppa dei campioni, in serie B poi farà un campionato al 100% anonimo oppure in zona retrocessione.

  10. Manlio 18 giorni fa

    Voi scherzateci con la richiesta di IP.... vi sentiti spavaldi dietro un pc ma non avete capito che su denuncia di un soggetto Escopost vi manda la letterina, e poi chiederete scuse che in tribunale non accetteranno ma dovrete solo sborsare tanti dindini oltre che aspettare cinque anni perchè si cancelli la nota al casellario giudiziario.

  11. Omissis 18 giorni fa

    Zamparini peggiore presidente della storia

  12. maga di vergiate 18 giorni fa

    oggi ero con la mia amica botulinica, e mentre facevo i tarocchi e mettevo il peperoncino nelle mutande del vecchio, mi è uscito la LUNA NERA... IMPAURITA, sono andata da lui e lo trovai che rifletteva sui cerchi nel grano... leggeva Verga e la parabola di Mazzarò p.s. ma davvero hanno chiesto la revoca della cittadinanza? ingrati

  13. stadio 18 giorni fa

    La serie A di Mirri? L'eventuale centro sportivo.

  14. Ing. Alberto Nardi 18 giorni fa

    Se qualcuno ne ha la possibilità suggerisca a Mirri di evitare di parlare di guadagni e vendite in A a 150 milioni e così via, poichè ci sono piccole menti che potrebbero fraintendere e subito volgarmente inziare a paragonarlo con il peggiore presidente della A e i suoi 13 complici deferiti. Basta poco a quanche invidioso augurare e addirittura prevedere in modo patetico che la stagione 2020/21 sarà disastrosa. Certo che per chiamare i palermitani faccioli, o bisogna essere strisciati o emigrati con il dente avvelenato. Vai Mirri la palermo onesta e vera è con te!!

  15. Maluchiffari 19 giorni fa

    @AVVOCATO, ti spiego (per come l'ho inteso io) il significato del post di Rosa&Nero. Non c'è nessuna minaccia, né insulto, ma semplicemente una previsione funesta per i risultati sportivi del Palermo nella prossima stagione 2020/2021 ed una lucida ed amara considerazione delle tipiche conseguenze che ne potranno derivare, conoscendo la prassi dei faccioli palermitani: prima sugli scudi e poi fischi e pirita. In fondo, con dimensioni, permettimi, moooolto diverse, è la stessa cosa che è successa a Zamparini. Detto questo, continua pure a monitorare.

  16. Aggregazione galattica lame rotanti 19 giorni fa

    Perfettamente d'accordo con @Miki e @Paolo. Gli avvocati tutti maiuscoli monitorino pure, ahahah. A @Un Passante rispondo che soltanto chi non è andato allo stadio durante la gestione friulana non inneggia a Zamparini: noi abbiamo visto il calcio vero, il calcio stellare dei campioni del mondo.

  17. Un passante 19 giorni fa

    Io mi chiedo come è possibile leggere ancora di gente che inneggia a colui che lo ha portato al fallimento e ceduto a personaggi impresentabili come gli inglesi o tramite il suo braccio destro ai Tuttolomondo ..

  18. AVVOCATO 19 giorni fa

    vorrei capire il commento dell'utente Rosa&Nero che si augura una non promozione in serie B, insultando tra le righe Mirri e minacciando Mirri di cacciarlo dalla gradinata... Si consiglia di calmarsi perchè stiamo monitorando tutti i post, per poi passarli in procura in caso di reiterate minacce e chiedere IP DEGLI UTENTI COINVOLTI

  19. noitifosidelpalermo.jimdo 19 giorni fa

    Mirri ha detto che abbiamo una forza economica che in C non ha nessuno e che in B hanno in pochi, quindi ci aspettiamo uno squadrone per la serie C e vinciamo il campionato, aspettiamo i fatti.

  20. chi non salta é zamparini 19 giorni fa

    Gli ultimi anni di MZ siano stati i più vergognosi della storia di tutto il calcio italiano recente in cui si è visto il VERO friulano.Nei primi anni, infatti, al tempo dei migliori risultati, ha goduto dei benefici dei suoi ottimi collaboratori tutti massacrati (chi licenziato chi 'dimissionato' chi fuggito ecc.).Negli ultimi anni, liberatosi di tutti ha condotto allegramente il Palermo in serie D con vicende non ancora del tutto chiarite.Un parvenu che ha tolto dignità e bistrattato una tifoseria davanti a tutta Italia dopo decenni di onore e gloria.La D è stata fondamentale per resettare

  21. Miki 19 giorni fa

    Mirri prima di parlare di Zamparini devi portare almeno gli stessi risultati che ha portato lui. Quindi almeno qualificazione in Europa League con lotta per il quarto posto e finale di coppa Italia. Appena ci riuscirai e i palermitani se lo augurano tutti potrai anche criticarlo ma ad oggi resta il presidente migliore della storia rosanero per risultati

  22. Paolo 19 giorni fa

    Aggiungo: grazie a acquisto a condizioni vantaggiose (ZERO) rispetto ad altri, e grazie all'appartenenza e ANCHE ai soldi dei tifosi (abbonamenti TV e stadio, merchandising, etc). E voleva aumentare il valore patrimoniale della società grazie ai soldi dei tifosi per il centro sportivo (consente plusvalenze e accatta e bbinni di ragazzi calciatori). Sapete che vi dico? Sapete che vi dico? (P. Ametrano)... Tenetevelo voi uno così. Nemmeno Zamparini pensava di moltiplicare per 100 i soldi immessi. E sogna, comunque: nessun MATTO butta 150 milioni in una città depressa a livello socio-economico.

  23. Tony 19 giorni fa

    Tra finti sceicchi arabi, record di esoneri, dimissioni dove però lo intercettavano che diceva che comandava lui, cialtroni inglesi spacciati come multinazionale americana, società lussemburghesi, quote che magicamente tornavano in mano a lui o chi per lui dopo la cessione il tutto culminato con il fallimento la dignità non solo l'abbiamo persa ma verrà ricordato come il peggior presidente della storia, che ha umiliato e sbeffeggiato i nostri colori.

  24. Paolo 19 giorni fa

    Siamo onesti: Zamparini mise almeno 60 milioni e li perse tutti. Forse fece tracchiggi SOLO per recuperarne una parte, soprattutto per non continuare a dilapidaare il suo patrimonio per il vostro divertimento di irriconoscenti. Ma uno che dice 'metto 7 e voglio guadagnarci 70' se ne va a fare il trading non atturra i cabba.si.si con l'appartenenza. In ogni caso: per arrivare in serie A devono immettere 50/60 milioni, il Palermo in serie A vale max 80, guadagnerebbe 20 milioni grazie al fatto (condizione favorevole) di essere entrato in S. D senza acquistare 20 milioni come fece Zamparini.

  25. Francesco 70 19 giorni fa

    Grandissimo Dario Mirri,parla da grande tifoso,ed allo stesso tempo da imprenditore che investe nel calcio,e giustamente deve avere un ritorno.Di Zamparini è pure inutile parlarne,tanto sapppiamo quanto è stato truffaldino.Spero solo che Di Piazza,venda le sue quote al Presidente,e si tolga dalle scatole insieme a Tacopina....

  26. Aggregazione galattica lame rotanti 19 giorni fa

    Gli ultimi anni di Zamparini sono comunque da annoverare tra i migliori della storia rosanero, secondi soltanto alle stagioni galattiche dello stesso Friulano. Un Patron che ha restituito dignità a una tifoseria bistrattata in tutta Italia nei decenni precedenti. La Serie D non conta.

  27. Rosa&nero 19 giorni fa

    La società in A varrà come minimo 150 milioni e forse allora potrò decidere di venderla». ecco il suo s***o ,ma dovrai vendere molto molto prima perchè già il prossimo anno i tuoi sostenitori più agguerriti ti cacceranno dalla gradinata a suon di fischi ,perchè hai fallito la promozione in b.

  28. Fabio 19 giorni fa

    per sua Stessa ammissione dopo i primi anni non mise più soldi e anche i primi erano prestiti...poi sull'ultimo stendiamo un velo pietoso perché non solo non ne metteva ma hanno scritto che lo usava come bancomat..

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *