PENSIERI

La clessidra dell'espiazione

La clessidra dell'espiazione



In casa Palermo si tenta di guardare al futuro. Di fatto mentre la squadra prova a ritagliarsi quanto meno un posto in piedi in paradiso, parafrasando Verdone, in Viale del Fante si cerca una soluzione per il domani.
Che il presidente Dario Mirri abbia dato mandato alla banca Lazard di ricercare possibili acquirenti per l’intero pacchetto azionario è cosa risaputa.

L’intento di cedere è acclamato. Fra pochi mesi, giugno, il diritto di recesso di Tony Di Piazza diventerà effettivo e le difficoltà della società siciliana sono note. Lo scenario è stato confermato anche dall’autorevole Sole 24 ore che ha disegnato le possibili vie: l’acquisto dell’intero pacchetto azionario, l’ipotesi di prelevare la sola quota appartenente a Di Piazza, via meno percorribile.

 

Il Palermo deve vendere, ok. Ma ciò deve essere fatto nell’immediato, quanto meno non troppo oltre il termine dei play off, altrimenti sarebbe ancora più destabilizzante e traumatico. In Viale del Fante ne sono consapevoli e per questa ragione si sta intensificando il tutto, visto anche il periodo storico che porterà ad un passivo di fine stagione vicino agli otto milioni di euro.

Non solo. C’è anche e principalmente l’aspetto sportivo da programmare e custodire. La prossima deve essere - lo ripetiamo da tempo senza esitazione alcuna - la stagione del reale rilancio dei colori rosanero. Per fare ciò serve tempo e serenità: quella che l’eventuale nuova proprietà deve avere a disposizione per disegnare il percorso. 
Quindi vendere, benissimo, ma quanto prima per evitare di compromettere, prima del tempo, il prossimo campionato. Il Palermo non può permetterselo.

 

Se così non fosse - inutile girarci intorno - sarà un consapevole appiattimento nella mediocrità attuale, privo di qualsivoglia slancio o illusione. Questa volta con piena coscienza di se stessi e senza voli pindarici né voluti e neanche ispirati da eventuali promesse. Non c’è e non può esserci il compromesso: la clessidra continua a svuotarsi, con la speranza lì a scandire ciò che è e quello che potrebbe essere. In una sorta di tormentata e sadica espiazione che il popolo rosanero non ha cercato e di certo meritato.


 

NEWS DI GIORNATA

 

SERIE C, RECUPERO: CASERTANA CORSARA A MONOPOLI

 

PELAGOTTI: "VITTORIA DA GRUPPO, CONTINUIAMO COSì!"

 

JEDA: "AFFEZZIONATO AL PALERMO. MI ASPETTAVO DI PIU' "

 





4 commenti

  1. Annuncio 22 giorni fa

    AAA cercasi imprenditore economicamente adeguato interessato ad investire nel Palermo calcio. In caso di serie A la città offre lo stadio pieno come avvenne nel 2004.

  2. Preoccupato 23 giorni fa

    Ma che vuoi dire? Sei forse fuori? Arripigghiati e pensa alla salute ... troppo calcio ti fa male ...

  3. Aggregazione galattica lame rotanti 23 giorni fa

    Da fonti autorevoli e confidenziali si ha contezza di un mondo dell'alta finanza in subbuglio per accaparrarsi le azioni della Hera Hora, bruciando la concorrenza sul filo di lana. Presto se ne occuperà la Galactic News Agency (GNA), intenzionata da accendere i riflettori sulle preoccupazioni di Venusia & Goldrake Ltd., holding ritenuta fino a pochi giorni fa il più probabile acquirente, e che rischia adesso di essere scavalcata in ciò che potrebbe essere l'affare del secolo.

  4. Blackmamba 23 giorni fa

    Come auspicato da sedicenti tifosi che vogliono subito il ''derby con la juve...'' e dalla curva con espliciti striscioni di gratitudine per chi ha tolto il Palermo dalla M.....da. La società è in vendita pure sottocosto. Aspettiamo una mezza dozzina di gruppi e imprenditori che si accapiglieranno per vincere l'asta a cui non poterono partecipare due anni fa. Grandi traguardi ci attendono, almeno 50 milioni per andare subito in A, questo è questo quello che PRETENDONO i sedicenti tifosi e curve di cui sopra... PRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *