MERCATO

Under, missione compiuta: in
5 torneranno a Palermo

Under, missione compiuta: in 5 torneranno a Palermo



La prima fase del mercato del Palermo può ritenersi praticamente conclusa.

Con molti campionati ancora in corso e con i tempi del calciomercato per forza di cose slittati di parecchie settimane, la società rosanero ha iniziato la programmazione della prossima stagione partendo dagli under presenti in rosa nella scorsa stagione, con l'obiettivo di farli tornare nel capoluogo siciliano per disputare anche il prossimo campionato di Serie C

 

Come scrive Fabrizio Vitale per la Gazzetta dello Sport c'è già l'accordo con gli agenti e con le compagini di quasi tutti i "millennials" che il Palermo era intenzionato a confermare: Kraja, Peretti, Silipo, Langella e Fallani quasi certamente saranno presenti nella rosa per la stagione 2020/2021. Il quasi è dettato semplicemente da una formalità ovvero dalla firma dei contratti che sarà depositata nel momento in cui il Palermo risulterà ufficialmente iscritto in Serie C anche per la modulistica della categoria.


LEGGI ANCHE: 

 

 

LA STORIA VA RISCRITTA: AMAURI NON TORNERÀ A PALERMO

 

 

CALCIOMERCATO «INTERNO» FASE 1, CHI RESTA E CHI VA

 


 

Ma, al di là dei ritorni, l'obiettivo più importante raggiunto dal duo Sagramola-Castagnini è legato allo schema di acquisizione degli under: niente prestito secco doveva essere e niente prestito secco sarà. «Acquisto del cartellino a titolo definitivo senza un immediato esborso economico, ma con un diritto di "recompra" a favore della società di provenienza del giocatore da poter esercitare entro un anno. Nel caso in cui il club in cui il calciatore è cresciuto decidesse di non avvalersene, godrà di una percentuale sulla futura rivendita»: questa come anticipa Gazzetta è la formula scelta dalla società rosanero e già accettata da Atalanta, Verona, Roma, Pisa e Spal ovvero le compagini detentrici dei cartellini dei 5 "millennials". Una soluzione che accontenta tutti dal momento che le società proprietarie dei cartellini si "sgravano" degli stipendi di questi giocatori, che con questa formula spettano al Palermo e non a loro come da regolamento in caso di prestito, e la società di viale del Fante si è aggiudicata non soltanto una progettualità in prospettiva ma anche i vantaggi dei contributi di valorizzazione dei giovani previsti in Serie C

 

Per completare il quadro dei ritorni degli under mancano adesso soltanto due nomi: il primo è quello di Lorenzo Lucca. L'operazione sembrava la più semplice da portare a termine dato lo status di svincolato del giocatore dopo la mancata riconferma da parte del Torino, sono state però riscontrate alcune difficoltà con l'unico canale di comunicazione rimasto ovvero l'agente del giovane attaccante, che vista la situazione ha iniziato un tira e molla per trovare la migliore soluzione economica per il suo assistito. La sensazione è che non ci dovrebbero essere comunque difficoltà insormontabili nel trovare un accordo per il ritorno di Lucca in rosanero mentre bisognerà attendere ancora un pò per il futuro di Mattia Felici. Situazione ormai nota quella del classe 2001 del Lecce: tutto dipenderà dal destino della squadra salentina, che qualora dovesse retrocedere in B potrebbe tenere il giovane nella propria rosa, ma anche da quello di Fabio Liverani che in caso di conclusione del suo rapporto con i giallorossi potrebbe decidere di portarsi Felici nella sua prossima avventura. 







6 commenti

  1. Aggrega maestri e poeti 19 giorni fa

    Se in un campionato che hanno disputato a Palermo non hanno capito che sono dei futuri campioni da tenere anche in serie B e alcuni pure in serie A, meglio che cambino mestiere. Prenderanno qualche soldino per la valorizzazione, dalle società che stanno usando la dirigenza del Palermo come dei bisognosi, ma poi dovranno comprare 6 calciatori per rimpiazzarli, molti più soldi del soldini del premio di valorizzazione.

  2. Maluchiffari 19 giorni fa

    La formula è coerente con i limiti delle risorse economiche della nuova società. L'effetto è l'inevitabile subalternità a realtà ormai lontanissime dal nostro status (Atalanta, Verona, Roma, Pisa, Spal, Torino, Lecce). Dice bene il soddisfatto ed oculato @Rivalutiamola: se gli acquisti (gratis) si rivelano inadeguati non buttiamo picciuli. Se si dimostrano di buon livello, invece, li riportiamo al padrone che elargirà il corrispettivo per l'opera di formazione e crescita. Investimenti zero. Attenti però, per me va bene così. È semplice consapevolezza delle nostre limitate risorse.

  3. Davide 20 giorni fa

    Con le chiacchiere siamo tutti bravi a parlare Io sono soddisfatto della gestione del sig mirri e mi auguro che possa farci divertire anche quest'anno

  4. Davide 20 giorni fa

    Con le chiacchiere siamo tutti bravi a parlare Io sono soddisfatto della gestione del sig mirri e mi auguro che possa farci divertire anche quest'anno

  5. Rivalutiamola 21 giorni fa

    Formula giusta perché se non si confermano si evitano di buttare soldi inutili.

  6. Aggrega maestri e poeti 21 giorni fa

    Formula da AVARI che potrebbe rivelarsi deleteria. Se questi ragazzi, com'è prevedibile, 'esplodono', le società di provenienza riprendono spendendo poco giocatori FATTI, il Palermo ci guadagna un misero premio di valorizzazione, ma perde sei futuri campioni, che deve rimpiazzare e spendere molto di più di quanto pagherebbe ora comprandoli definitivamente tutti e sei.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *