LORENZO LUCCA

«Voglio crescere al Palermo, ho
pianto quando sono andato via»

«Voglio crescere al Palermo, ho pianto quando sono andato via»



Lorenzo Lucca è tornato e vuole prendersi il Palermo.

Il giovane attaccante rosanero che tanto bene ha fatto nella passata stagione in Serie D, intervistato da Salvatore Geraci per il Corriere dello Sport, si è soffermato sul suo tanto voluto ritorno nel capoluogo siciliano nonché del nuovo tecnico Boscaglia e dei motivi del suo addio al Torino prima di risposare la causa rosanero. 

 

«Boscaglia è un grande, spiega alla perfezione e aiuta, quello che mi serviva. Paura per l'infortunio? Paura è un parolone, quella l’ho avvertita per il Covid e per Martinelli che spero di poter abbracciare al più presto».

 

ADDIO AL TORINO

«Il Toro aveva idee diverse dalle mie, non siamo mai stati in sintonia. Ho chiesto personalmente di andare in prestito a Vicenza e Brescia visto che la maglia granata la indossavo sempre meno; a Torino ormai non ci stavo con la testa e neppure fisicamente e ho deciso che era il momento di lasciare».


LEGGI ANCHE

 

BENVENUTI A BOSCAGLIA LAND: IL PALERMO CHE SARÀ

 

LA MARCA: «KANOUTE PROFILO DA B, SE STA BENE FA LA DIFFERENZA»

 

VIDEO - «FILIPPI (VICE BOSCAGLIA): PALERMO SOGNO CHE SI AVVERA»


 

CARATTERISTICHE

«Io predestinato perché a segno come Cavani all’esordio? Non lo so, mi sento un ragazzo normalissimo che prova a giocare per una maglia storica. In futuro vorrei fare grandi cose: Nel CBS ero un piccolo Ibra, nelle giovanili del Torino sulla strada di Toni, a Brescia come Caracciolo. Con le debite proporzioni penso di essere più vicino a Dzeko. E comunque la verità è che sono solo Lorenzo Lucca e mi piacciono i gol con i colpi difficili al volo. Scegliete voi l’aggettivo adatto».

 

IL RITORNO

«Il mio procuratore, palermitano, mi ha detto "Adesso penserai: ma dove sono finito? Tra due settimane invece ti accorgerai che Palermo è una città bella e affascinante e piangerai quando andrai via”. E’ vero, ho pianto e l’ho pregato di fare il possibile per ritornare. Ora sono felicissimo di questa scelta. Quanti gol farò? Non si dice, porta male. Si spera il più possibile. Sono rimasto per sfondare e mi sento pronto per qualsiasi sfida».







Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *