DEBITI

Palermo, lettera ai fornitori:
«Dateci un mese di tempo»

Palermo, lettera ai fornitori: «Dateci un mese di tempo»



 

Nelle scorse ore si era parlato di un incontro tra i fornitori del Palermo e la società rosanero stessa per stabilire i tempi e i modi del saldo dei debiti che il club ha nei loro confronti. Oggi, riferisce il Giornale di Sicilia, il Palermo ha mandato una mail esatamente a 115 destinatari, ovvero i fornitori, tra hotel, palestre, corrieri, ditte di smaltimento dei rifiuti e di trasporto, autonoleggi, panifici, catering, agenzie di viaggio e altre ancora.

 

Nella mail il Palermo chiedeva un mese di tempo per ulteriori spettanze e di non procedere con attività giudiziarie nei confronti del club. Ecco il testo integrale:

 

Con la presente la U.S. Città di Palermo S.p.A. espone quanto segue.
Come noto, alla fine del 2018 la società è stata acquistata da nuovi azionisti che hanno proceduto a nominare il nuovo consiglio di amministrazione.
Nell’attuale fase di insediamento e nonostante le molteplici attività ed adempimenti anche di carattere federale da compiere, al fine di preservare la continuità della gestione tecnica e sportiva, la società intende quanto prima affrontare, ed auspicabilmente risolvere, anche tutte le questioni connesse alle passività ereditate dalla gestione precedente.

 

A tal fine, si sta procedendo ad una ricognizione delle anzidette posizioni attraverso l’intervento del dott. Carlo Gianani e dell’avv. Francesco Pantaleone – che in copia ci leggono - che, ovviamente, restano disponibili ad ogni eventuale chiarimento.
Di tali circostanze si è ritenuto doveroso informare tempestivamente i destinatari della presente, confidando nella concessione di un breve lasso di tempo per consentire la definizione della indispensabile attività ricognitiva, astenendosi dal proporre iniziative giudiziarie che, proprio in considerazione di questa fase di transizione, potrebbero compromettere la possibilità di definire positivamente le pendenze esistenti, anche attraverso un incontro con i suddetti professionisti.

 

Per tali motivi, la società auspica che si possa considerare di sospendere ogni attività giudiziaria per un periodo di trenta giorni, durante il quale si propone un incontro di persona o telefonico, e all’esito del quale sarà possibile considerare con maggiore consapevolezza ogni vicenda, in un’ottica risolutiva soddisfacente per entrambe le parti.


IMMAGINE SIAMO SU INSTAGRAM! CLICCA QUI

 

ALTRI ARTICOLI

 

 ESCLUSIVA - LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEL PALERMO CALCIO CLIVE RICHARDSON

 

• PALERMO E LA SUA ITACA: LA MAGA CIRCE, ORLANDO E DE ANDRE'

 

• ESCLUSIVA, RICHARDSON ANNUNCIA: «GUNNARSSON È DEL PALERMO»

 






5 commenti

  1. Ovosodo 20 giorni fa

    Dove sono quelle grandi menti degli amici ra cuntintizza. Ridicoli siete

  2. Nulla si crea nulla di distrugge o quasi 21 giorni fa

    Sautafossa si dice a Ragusa, ... oggi detta anche finanza creatIva. Se il progetto era di iniziare senza un euro, pur sapendo che le casse erano vuote, senza avere neanche una base di investitori pronti a comprare subito obbligazioni, e pensare di trovare una montagna di risparmiatori pronti a prestare soldi, in un mese, non so come altro chiamare sta cosa. Magari un mese in più gli basta, e dopo? C'è i muoriri. Comunque io aspetterei, magari gli riesce. Chissà

  3. noitifosidelpalermo.jimdo 21 giorni fa

    Dove sono i circa 20 milioni di euro incassati in estate con la vendita di La Gumina, Coronado, Gnahoré?

  4. Anarchico 21 giorni fa

    Cioè praticamente vogliono un mese per cominciare a parlarne. Ma questo a volte lo faccio io nell'azienda dove lavoro... Apposto siamo

  5. Tommy 21 giorni fa

    Ma i soldi non stavano arrivando??ora vogliono un altro mese?bella poi la storia di non fare azioni legali. E poi questi hanno acquistato senza sapere le pendenze?? Facile dice che ha trovato una società piena di problemi, zamparini fa sapere tramite i suoi legali che era a conoscenza della situazione economica. Insomma un sannu chi sanna mmintari prima.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *