L’orgoglio e l’errore
da non commettere

L’orgoglio e l’errore da non commettere

 

L’orgoglio è la virtù dell’infelice. Io oggi ho provato orgoglio per i miei colori, come non succedeva da tempo. Infelice lo sono per il risultato, ma passerà. Perché stasera non ho visto il Palermo passeggiare per il campo, non ho visto il Palermo preso a pallonate. Ho visto il Palermo giocare al calcio. Ho visto il Palermo tenere testa alla grande Juve, che probabilmente passerà alla storia come la più grande di sempre perché sei scudetti consecutivi non li ha vinti mai.

Premio De Zerbi, che già da giovedì parlava senza paura, senza nascondersi dietro ad alibi, senza alzare bandiera bianca prima di giocarsela. E l’ha giocata, fino in fondo. E l’hanno giocata, questi ragazzi. Possono sbagliare, ma se non li sosterremo, a sbagliare saremo noi. (foto di Pasquale Ponente)

 

Posavec e Nestorovski, una fetta di carne per due (clicca qui)

 

Piove al Barbera, Juve ''ladra'' (clicca qui)

 

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *