NUOVI OSTACOLI

Palermo, arriva un’ingiunzione
di pagamento. A rischio...

Palermo, arriva un’ingiunzione di pagamento. A rischio...



 

La Damir e Rino Foschi sono a lavoro per il futuro del Palermo, ma un’ingiunzione di pagamento complica i piani di salvataggio della società rosanero.

 

A riportarlo è la Gazzetta dello Sport di oggi. Secondo quanto scritto da Nicola Binda per il quotidiano, la richiesta di pignoramento di 3,5 milioni arriva da un agente di calciatori. Un ulteriore ostacolo alla corsa di Foschi per salvare il Palermo.

 

Questa del pignoramento, scrive il giornale, «non pare l’anticamera a un’istanza di fallimento perché il creditore non sarebbe «privilegiato». Di sicuro però potrebbe portare al blocco della mutualità: i denari distribuiti dalla Lega B sarebbero dovuti arrivare in questi giorni e avrebbero aiutato Foschi a rispettare la scadenza del 16 marzo per il pagamento bimestrale (gennaio e febbraio) di stipendi e contributi».

 

 

La domanda che sorge spontanea è: chi pagherà i prossimi stipendi?

La preoccupazione nei palazzi del calcio è evidente, soprattutto per quanto riguarda l’Assocalciatori e la Lega B, quest’ultima impegnata a garantire la regolarità del campionato; Mauro Balata (Presidente della Lega B) ha chiesto intanto alla Figc l’intervento della Covisoc

 

«La situazione del Palermo non è normale, con un ex proprietario agli arresti domiciliari, una proprietà non conforme alle norme federali, un pagamento di stipendi avvenuto con intervento esterno e non con un aumento di capitale, un bilancio che non chiarisce la reale situazione debitoria (per esempio: chi sapeva della pendenza di 3,5 milioni?) e tante altre problematiche da approfondire. E mentre pare che la Procura Figc stia indagando, ci sarebbero forse gli estremi per la nomina di un amministratore giudiziario. Ma la soluzione più efficace ­ anche se traumatica ­ sarebbe il fallimento».

 

Il rischio è quello che si ripeta il caso Bari.

Se il “crac” per il Palermo dovesse arrivare adesso, ci sarebbero i tempi tecnici per ottenere l’esercizio provvisorio e dunque salvare il titolo sportivo e concludere la stagione, in attesa di un’asta per trovare nuovi acquirenti. Una situazione che permise al Bari di salvarsi nel 2014.

Ma se il fallimento dovesse arrivare a fine stagione, come successo ai biancorossi la scorsa estate, il Palermo perderebbe il titolo sportivo. Quest’ultimo potrebbe essere proprio la Serie A.

 

L’esclusione dalla massima serie, secondo le nuove norme federali, «non porterebbe in A un’altra squadra di B, bensì terrebbe nella massima serie la terz’ultima».

 

IMMAGINE SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

 

ALTRI ARTICOLI

 
 

• PALERMO-MIRRI, IL COMUNICATO DELLA SOCIETÀ

 

FOSCHI: «TRATTO CON UN GRUPPO SOLIDO, FIDUCIOSO DEL MIO PROGETTO»

 

• PALERMO, QUELLA SUBLIME CORRISPONDENZA DI AMORI SENSI






5 commenti

  1. Pietro da Trapani 19 giorni fa

    Altri creditori potrebbero fare la stessa cosa. E il fallimento è servito. E la bancarotta fraudolenta?

  2. Rubini 19 giorni fa

    Ma cos'è, un decreto ingiuntivo o un pignoramento? E cosa c'entrano con questo, gli stipendi? Chi può vantare 'crediti privilegiati' nei confronti del Palermo? Fallimento fallimento fallimento!!! U friulano, u friulano, Loschi Loschi!!! ahahahahah Ma chi è st'agente che va cercando 3,5 milioni e per cosa ( 3,5? Facciamo 4 e non se ne parli più ahahahah). Imprevisti (da 'Monopoli'): Vai in prigione, senza passare dal 'Via', e stai fermo due giri ahahahahah FORZA PALERMO !!!!

  3. noitifosidelpalermo.jimdo 20 giorni fa

    Mi fido di Foschi, non è uno sprovveduto, i giornalisti si fanno troppi film.

  4. Ciaparàt 20 giorni fa

    In effetti si sentiva la mancanza dei ladri si passo ...

  5. rosario 20 giorni fa

    Consegnatela a foschi ci pensa lui a pagarla ha due/tre soggetti con i soldi in mano.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *