PARLA FOSCHI

«Crotone? Niente alibi, la
squadra ha avuto gli stipendi»

«Crotone? Niente alibi, La squadra ha avuto gli stipendi»



 

Continua la battaglia su due fronti del Palermo: da un lato la corsa alla Serie A di una squadra che dall'inizio del girone di ritorno è in crisi di risultati e ha perso non solo il primato ma anche la seconda posizione valida per la promozione diretta, dall'altro la situazione societaria con gli stipendi da pagare e un nuovo proprietario da trovare entro i termini prestabiliti per garantire un futuro roseo al club. Dal punto di vista del calcio giocato la brutta sconfitta di Crotone, seppur non abbia compromesso il cammino dei rosa verso la promozione, suona come un campanello di allarme e lo sa anche il presidente Rino Foschi che, intervistato da Benedetto Giardina per il Giornale di Sicilia, ha parlato proprio dell'ultimo match dei rosa e del futuro societario del club di viale del Fante:

 

«Non cerchiamo alibi, la squadra ha avuto gli stipendi e deve fare bene. Purtroppo dopo la bella prestazione col Brescia abbiamo perso giustamente a Crotone, forse un po’ troppo pesantemente ma l’atteggiamento era sbagliato. Ai ragazzi ho detto che può capitare: adesso bisogna pensare a Lecce».

 

FUTURO SOCIETARIO

«Sono convinto che il Palermo il 15 marzo sarà di proprietà del gruppo con cui abbiamo iniziato questo discorso, insieme a Mirri. Ha avuto la prelazione sull’acquisto dell’intero pacchetto azionario perché insieme a lui c’è un gruppo. Altri acquirenti indicati da me? Io mica vendo il Palermo a un altro, non ho trovato nessun acquirente e nemmeno lo cerco».

 

DEBITI E CROWDFUNDING

«Debiti del club? Senza il piano A quelli di Mirri sono i numeri corretti. Il crowdfunding è stato l’unico equivoco ma si è risolto tutto. Chiedo scusa se questo ha creato incomprensioni. Forse sarebbe stato meglio parlarne prima tra noi. Lo ringrazio, perché oggi siamo ancora in piedi e dobbiamo far bene per la classificaOra cerchiamo di completare questo passaggio societario. La penale? Mirri ne ha diritto ed è una clausola inserita nel caso in cui non verranno rispettate certe regole».







6 commenti

  1. Società Unica Caramelle Americane 18 giorni fa

    Ciccio, guarda che gli stipendi sono dovuti, non è che se non li prendono giocano male e viceversa. L'hai scafazzata. Ormai parli come zamparini. Ti stai giocando tutti i bonus a tua disposizione. Attenzione. Speriamo che vi levate tutti dai ..........., abbiamo bisogno di occuparci solo di calcio, di campo e non della melma con cui avete infangato Palermo. Forza Mirri, Forza Palermo

  2. Pinuzzo 18 giorni fa

    Chi pratica con lo zoppo......... In perfetto stile vergiatese: oggi dice una cosa e domani l'esatto contrario

  3. Il Moro 18 giorni fa

    Il fatto che dichiari non vendo il Palermo e nemmeno cerco acquirenti...x me è attendibile io ci credo, del resto non so cosa pensiate voi, ma il friulano a mai voluto vendere?....Follieri a parer mio ne è la prova probabilmente veramente all'ultimo secondo in quella famosa trattativa di nove ore il friulano ha bloccato tutto ...perché? semplice invidia protagonismo becero non sopporta uno che arrivi al suo posto cpn annessi e connessi del resto cos'ha da perdere, la procura? Zamparini ha 80 anni ricordiamolo....

  4. Il Moro 18 giorni fa

    Con il Lecce si dovrebbe andare in massa allo stadio solo solo x sbeffeggiare con dei cori lui e la de luciferi..

  5. Aggregazione galattica lame rotanti 18 giorni fa

    Alla squadra in questo momento mancano gli stimoli dei continui esoneri degli allenatori. Anche per tale motivo sarebbe opportuno il ritorno di Zamparini...

  6. Torakiki 18 giorni fa

    Ma come? Ho tre gruppi, senza mirri andiamo avanti da soli?? zamparini non ha lasciato un disastro. ora non c'è nessuno?? Più pallonaro del maestro. Mi é caduto dal cuore, palesemente figurina del domiciliato.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *