PROBLEMATICHE

Palermo-Foggia a rischio: per
i rosa adesso si fa dura

Palermo-Foggia a rischio: per i rosa adesso si fa dura



Il Palermo e una piaga chiamata Coronavirus.

La pandemia continua a colpire anche nel mondo del calcio, con tante compagini che si stanno ritrovando a fare i conti con cluster, focolai, partite rinviate e calendari delle partite stravolti. Ultimo club ad essere stato colpito è il Foggia, che nei tamponi di routine di ieri ha riscontrato ben dieci positività all'interno della prima squadra e il numero purtroppo pare destinato a salire nelle prossime ore. I Satanelli sarebbero i prossimi avversari dei rosa ma, per quanto al momento la disputa del match appare confermata, con l'elevata possibilità di un aumento dei casi nei controlli di questi giorni e il possibile intervento dell'Asp locale dietro l'angolo le speranze che le due squadre possano regolarmente scendere in campo lunedì sera allo stadio "Renzo Barbera" sono piuttosto scarse. 

 

Per il Palermo, qualora venisse confermata la non disputa della gara, si tratterebbe del sesto match stagionale rinviato a causa del Coronavirus e in questo caso per i rosa potrebbe pesare e non poco. L'ultima partita giocata dai rosa è la trasferta di Pagani di giorno 13 marzo, poi il turno di riposo e il rinvio della gara contro il Monopoli e con ogni probabilità anche quella contro il Foggia per un totale che ammonterebbe a 21 giorni senza partite prima della trasferta di Caserta contro la Casertana del 3 aprile. Un'assenza prolungata dal campo che, in questo momento della stagione, potrebbe avere effetti estremamente controproducenti per il finale di campionato dei rosa. 

 

Partiamo dalla condizione fisica, una delle poche note positive del Palermo delle ultime settimane. Di fronte alle tante difficoltà patite dai rosa in questo torneo lo stato atletico dei giocatori è sembrato, fatta eccezione per le condizioni di naturale ritardo dei rientrati dai vari infortuni, nel complesso abbastanza buono ma le tre settimane senza gare ufficiali potrebbero portare i ragazzi di Filippi alla perdita del ritmo partita con conseguente rischio di nuovi infortuni e il pericolo di rimanere con poca benzina nei serbatoi.

 

Intrecciato al problema di natura fisica c'è il discorso legato al calendario. Sebbene il numero uno della Lega Pro Ghirelli abbia confermato la necessità di dover posticipare la fine del campionato di Serie C piazzare le partite in esubero diventa effettivamente un problema, soprattutto alla luce del fatto che il mese di aprile vede già cinque gare e lo spazio di manofra è estremamente esiguo. A questo si deve aggiungere che il Palermo sarebbe, a conti fatti, una delle squadre più condizionate da questi rinvii e si ritroverebbe a sfidare avversari più freschi e con più tempo per preparare il match al netto dei ragazzi di Filippi che si ritroverebbero invece a fare un tour de force a livelli estremi. 

 

Terzo e non ultimo scoglio sarebbe quello legato allo stato mentale della squadra. Uno dei talloni d'Achille del Palermo di questa stagione è la concentrazione, con la squadra che spesso è stata vittima di cali di attenzione fatali e ha mostrato serie difficoltà a rimanere mentalmente in partita dall'inizio alla fine e più tempo si passa lontani dal campo di gioco più questo problema potrebbe acuirsi. Se da un lato queste potenziali tre settimane di stop possono dare a Filippi la possibilità di lavorare con il gruppo sul piano tecnico-tattico e sulle sue idee di calcio, dall'altro l'assenza prolungata dal campo potrebbe presentare un rischiosissimo conto finale alla stagione già disastrata del Palermo. 





3 commenti

  1. Blackmamba 45 giorni fa

    Eiffel e Bugia a parte che nutro dubbi sul fatto che tifiate Palermo ma che siete o strisciati o tiepidi sportivi. Escludendo i disastri di Sagramola, vi meritereste di vedere il Palermo nell'interregionale per anni. Baciate terra che cè stato un ''fissa'' che ha messo soldi perdendocene tanti in una società fallita che non è interessata a nessuno. Il Palermo è in vendita, dove sono tutti questi imprenditori interessati? Solo nel vostro cervello che non capisce che soldi non cè nè da investire nel calcio, perchè fuori cè il disastro economico. Mirri quando puoi vendi e mandali a fanc.....lo!

  2. Eiffel 45 giorni fa

    Come per il tuo Mirri, per esempio o per il suo fido (ex Sultano-Zamparini) Sagramola, salvo poi a rimangiarsi tutto per avere (udite! udite!) sottovalutato Ternana e Bari ... Caro il mio Bugia alias ChiJeanNesaisPas dei miei stivali ... Non sempre le ciambelle riescono col buco ... Neppure quelle di salvataggio!

  3. Bugia 45 giorni fa

    Ma per alcuni, questa, doveva essere la stagione ideale...per ammazzare il campionato...

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *