Mezza parola - Forza Palermo Calcio Giornale
APPUNTI SPARSI

Mezza parola

Mezza parola



 

Ma che dice? L’amministratore delegato del Palermo, Emanuele Facile, che sta dicendo? 
“Zamparini e Bettini rovinano ogni ipotesi di accordo”.
Ma di che parla? 
“Sì, la società è stata ceduta, ma si possono diffondere notizie false e minacciare”. 
Che vuol dire? Che notizie false può veicolare l’ex patron rosanero oggi agli arresti domiciliari? Soprattutto: a che titolo può Maurizio Zamparini “rovinare ogni ipotesi di accordo”?

Non è certo una novità: negli ultimi due mesi, i più imbarazzanti della storia recente del Palermo, mai una parola chiara, mai un’affermazione utile a chiarire i dubbi, men che meno a smussare le spigolose preoccupazioni della piazza rosanero. 


Però, finché si perculava gli interlocutori con immensi giri di parole buone a nulla, poteva andar bene, perché era un divagare a tempo determinato: prima o poi sarebbe arrivata la prova dei fatti. Adesso, invece, si sale di livello: con le dichiarazioni rilasciate a gds.it, Facile scarica il barile. Insomma: se a quattro giorni dal fatidico 18 febbraio il Palermo è ancora nella mani di Sport Capital Group (che non ha scucito un euro), se rischia una penalizzazione in classifica, prendetevela con Zamparini. Curioso.

 

Ma non c’era bisogno della velata - mica tanto - accusa all’ex patron per attestare la credibilità di questa operazione sotto lo zero. Una pupiata: lo avevamo scritto un mese fa, lo ripetiamo con forza oggi che Facile indica nel vecchio proprietario il responsabile dell’impasse che strozza il Palermo. Quella che da queste parti definiremmo una "mezza parola”, con strizzatina d’occhio annessa: Zamparini ha ceduto, sì, però… 

 

Senza aggiungere altro. Un “dico non dico”: come un “vedo non vedo”, ma molto meno attraente. Anzi, in tutto e per tutto un repellente per le buone intenzioni di chi nelle ultime settimane si sarebbe proposto come soluzione ai problemi, tanti e urgenti, della società rosanero. 

“Siamo pronti per cedere, oggi l’annuncio”. L’altra dichiarazione, che ha il sapore di un’ulteriore presa... di tempo. Alla faccia di quei ragazzi che venerdì sera proveranno a riprendersi il primo posto in classifica e di tutti quei tifosi che dimostreranno il sostegno incondizionato alla squadra colorando il Renzo Barbera.

 

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM!


 

 

ALTRI ARTICOLI

 

• PALERMO, LETTERA MAI SCRITTA

 

• FACILE SHOCK: «ZAMPARINI BLOCCA OGNI IPOTESI DI ACCORDO»

 

• FACILE: «PRONTI A VENDERE, OGGI FAREMO UN ANNUNCIO»

 

• «IL PALERMO RESTA LA SQUADRA DA BATTERE». PARLA BINDA

 
 






9 commenti

  1. menza palora 157 giorni fa

    MENZA PALORA!

  2. rosario 157 giorni fa

    Ma la procura perchè non spicca mandati di cattura internazionale per questi soggetti così gli finisce il babbio gli inglesi poveracci li lascerei stare dato che hanno dato le dimissioni la fine del mese di gennaio in pratica si sono tirati fuori la cosa che mi fa incazzare è che ancora cercano d'incartarcela con questi finti comunicati per non farci capire niente. Quanto scommettiamo che venerdi al Barbera ci sarà solo foschi.

  3. Gabriele 157 giorni fa

    L'offerta c'è ... Forse non c'è la volontà di vendere senza ricavare una bella plusvalenza a fronte dei 10 euro pagati (quelli, sì) a Zamparini ...

  4. Gaetano 157 giorni fa

    La mezza parola l'abbiamo capita già dalla conferenza stampa della vendita con quei tre figuranti inglesi. Non serviva nemmeno la mezza parola, a Zamparini oramai lo abbiamo sgamato talmente tante volte che nemmeno il mio cane crede ad una sua singola parola. Lo sanno pure le pietre che la società inglese è in realtà una scatoletta vuota intestata a qualche prestanome di Zamparini, lo sanno tutti. Tranne giornalisti e tifosi colti. Incredibilmente specialmente per i giornalisti, questo non lo hanno ancora capito. E Zamparini NON VENDE, vuole il Palermo fallito. E si spiega tutto.

  5. Palermo 157 giorni fa

    Guarda caso Facile, Belli e Zamparini sono tutti friulani...

  6. Antonello 158 giorni fa

    Andate a vedere su youtube l'intervista a Maurizio Belli nel quale gli si chiedeva se conosceva Emanuele Facile. Risposta testuale: 'Non necessariamente'. Poi si scopre che sono soci da 20 anni. A Facile hanno chiesto di Coen e ha risposto che era solo un consulente che poi si è defilato. Dopo due giorni si scopre che anche loro sono soci e si siedono a fare le trattative insieme per conto del Palermo. Questi sono dei bugiardi patentati e qualsiasi cosa dicano non vale niente.

  7. Paolo 158 giorni fa

    Perchè ci hanno detto che c’era un offerta migliore di quella di Follieri che parole sue era disposto a risolvere la situazione? Secondo me gli stipendi saranno pagati da Zamparini , è sempre lui il proprietario, venderà appena arriva un offerta importante. Non penso che sono cosi’ stupidi da non vendere a Follieri se non hanno i soldi per gli stipendi. A meno che non sono degli sprovveduti senza dignità..

  8. Yes 158 giorni fa

    Ma poi questo a che titolo parla di vendita se la proprietà è di Richardson e treasy è di non ho capito chi tra tutte ste società? Sta storia finirà in tribunale. Il Palermo ricomincerà da zero, senza di me, per quello che può contare, ma avrà una nuova generazione che come ma, tanto tempo fa, ricomincerà a sognare sui campi polverosi di provincia (gibbosi magari, ormai la terra battuta non esiste più)

  9. Torakiki 158 giorni fa

    Questi sono solo speculatori ma dovrebbe pagare chi ha riempito la società di debiti e l'ha scaricata in mano a questi avventori. Perché non ha cercato compratori seri in questi anni e ora solo perché credeva di evitare i domiciliari la cede ai primi che capitano?e invece dopo averlo usato ci si é pulito pure le mani.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *