LA STAGIONE

Doda: «Il nostro primato non può
essere messo in discussione»

Doda: «Il nostro primato non può essere messo in discussione»



 

 

Il Palermo non gioca ormai da due mesi, dalla vittoria casalinga contro il Nola, ed è in attesa di scoprire il destino del campionato di Serie D.

 

Campionato e allenamenti fermi, con i giocatori che si allenano in casa e che provano a tenersi in contatto con i tifosi rosanero tramite i social.

 

Molti giocatori, per fortuna, vivono insieme ad altri compagni e questo, soprattutto per i giovani in rosa, aiuta a superare questo periodo che li vede da diversi mesi lontani dalle famiglie.


LEGGI ANCHE

 

• ESCLUSIVO - PALERMO, A TUTTO SAGRAMOLA: L'INTERVISTA VIDEO

 

• ZENGA SENZA FRENI: "PASTORE SEMPRE IN CAMPO, ZAMPARINI SA"

 

• TOTTI E DEL PIERO LIVE: "A PALERMO MICCOLI E AMAURI..." VIDEO

 

• E LA SERIE C SCRISSE ALLA D: LE 9 PRIME SARANNO PROMOSSE

 

• CORONAVIRUS, QUANTI PASSEGGERI IN AUTO? IL GOVERNO RISPONDE


 

È il caso di Masimiliano Doda, che attraverso il sito ufficiale del Palermo ha parlato di questo periodo:

 

«In queste settimane in cui ho avvertito di più la mancanza dei miei cari è stato fondamentale l'affetto della mia seconda famiglia – ha dichiarato Doda- siamo costantemente in contatto tra di noi: calciatori, direttori, staff tecnico, staff medico e team manager. Impossibile considerarli solo rapporti di lavoro, l'aspetto umano di tutto ciò è prioritario, la nostra unione ed organizzazione societaria è alla base dei successi e non abbiamo rivali in questa categoria. Il futuro dei campionati sarà deciso dalle istituzioni, ma dopo 26 giornate di campionato sempre al comando e 7 punti di vantaggio sulla seconda il primato non può essere messo in discussione, la squadra merita il passaggio al professionismo».

 

LA SPERANZA

«Dopo oltre un mese trascorso in isolamento forzato c'è tanta voglia di riassaporare la libertà - prosegue il numero 23 rosanero - la speranza è che presto ci sia consentito quanto meno di allenarci in gruppo, ovviamente nel rispetto di qualsiasi precauzione sanitaria. Mi manca correre dietro al pallone lungo la fascia così come mi mancano tutti quelli che ogni giorno lavorano per il bene del Palermo».

 

SOLIDARIETÀ ALBANIA

«Sono stato fiero delle parole e della scelta del Premier albanese Edi Rama di inviare da Tirana medici ed infermieri in aiuto all'Italia –ha ammesso-. In un contesto di emergenza globale un simile gesto di solidarietà dovrebbe essere d'esempio. Sono molto legato all'Albania ed al suo popolo, dopo il terribile terremoto che ha sconvolto il Paese alla fine del 2019 insieme a Kraja abbiamo sentito il bisogno di conoscere i nostri fratelli di Piana degli Albanesi, è stata un'esperienza molto istruttiva e la ricordo con grande affetto».

 

 

LA STAGIONE

«Questa stagione è stata fondamentale perché sono maturato sia dal punto di vista umano che calcistico. Dispiace per l'infortunio subito alla prima trasferta del girone di ritorno che mi ha frenato, sono consapevole che il mio percorso di crescita sia soltanto all'inizio e la strada sarà molto lunga e difficile».

 

AMBIZIONE

«La mia ambizione è quella di proseguire la mia esperienza in rosanero – conclude Doda - vorrei dimostrare le mie qualità in un contesto più selettivo e conquistare, settimana dopo settimana, la fiducia e la stima del club e dei tifosi. Palermo è una piazza incredibile, la passione della sua gente ti travolge ed allo stesso tempo ti spinge a dare tutto per questi colori che bisogna onorare al massimo, in campo ma anche fuori».

 


ALTRI ARTICOLI

 

GRAVINA: «NON FIRMERÒ MAI LA MORTE DEL CALCIO»

 

FASE 2, ORLANDO AI PALERMITANI FUORI SICILIA: «NON TORNATE»

 

SCARCERAZIONE BOSS, ARRIVA LA STRETTA DEL GOVERNO

 

DIETROFRONT CONTE, DAL 10 MAGGIO TORNANO LE MESSE IN CHIESA

 

DA BERGAMO: "PRIMA DENIGRAVO PALERMO, VI CHIEDO SCUSA"

 

BERGAMASCO SI SVEGLIA DAL COMA A PALERMO: "MI TATUO LA SICILIA"

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *