VICE-PRESIDENTE

Palermo e serie C, il
chiarimento di Di Piazza

Palermo e serie C, il chiarimento di Di Piazza



Arriva il chiarimento di Tony Di Piazza. Il vice presidente del Palermo, nel pomeriggio di ieri, aveva rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Gds.it al termine del Consiglio Federale che ha sancito la chiusura di tutti i campionati dilettantistici italiani. I rosa sono quindi sempre più vicini ad una serie C che tuttavia non si sa ancora se sarà come quella attuale o subirà modifiche diventando semi-professionistica o addirittura non professionistica. Ipotesi che per la società rosanero, così come tutte le attuali prime dei gironi di serie D non andrebbe giù, ma Di Piazza ha voluto rassicurare tutti, tramite il proprio profilo Facebook, che il Palermo non ha avuto così come tutte le altre squadre alcuna garanzia di una terza serie professionistica in caso di vittoria: 

 

"Vorrei precisare una battuta fatta ieri al GDS nella quale ho detto che ci avevano "garantito" la C professionista in caso di vittoria. Ci tengo a precisare che nessuno ha fatto tale garanzia. Era una battuta casuale. Intendevo che le regole erano quelle all'inizio campionato e al momento che ci avevano chiesto il milione per l'iscrizione".







2 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 9 giorni fa

    Rubini@Poeta, forse il vicepresidente socio di minoranza della Società Sportiva Dilettante possiede una vena comica e ci vuole fare divertire in questo periodo privo di svaghi... Che ne pensa, aspettiamo l'opinione di Homen Nomen a tal proposito?

  2. Rubini 9 giorni fa

    Ah ecco! 'Nessuno ha fatto (dato) tale garanzia' Però lei, nel prosieguo della dichiarazione, ha anche accennato alla richiesta di un rimborso, per l'intera cifra -un milione di Euro- relativa all'iscrizione. Non per sindacare, ma solo per precisare che, nella stessa dichiarazione, le battute erano quindi ben due.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *