GIORNALE DI SICILIA

Palermo, Di Piazza
attende l'offerta giusta

Palermo, Di Piazza attende l'offerta giusta



Continua la frattura fra Mirri e Di Piazza all'interno del Palermo. Una diatriba che Il Giornale di Sicilia in edicola definisce "insanabile". Di fatto l'imprenditore italo-americano sempre intento a vendere la propria quota resta in attesa di possibili acquirenti.

Per subentrare a Di Piazza occorrono poco più di tre milioni di euro.

 

Nella fattispecie - continua il quotidiano - sarebbero 2,7 milioni di euro gli investimenti posti in essere attualmente da Tony Di Piazza che sarebbe disposto a lasciare vendendo la propria quota a prezzo di mercato. In tal senso appare difficile che a breve possa palesarsi un acquirente.

 

La discordia - conclude il giornale - sembra irrecuperabile e in mancanza di un altro acquirente l'unica soluzione è la convivenza forzata. Anche perché la soluzione di esercitare il diritto di prelazione da parte dei Mirri appare inverosimile in quanto per farlo sarebbe necessaria una terza offerta che allo stato attuale non si intravede all'orizzonte. 


 

ALTRI ARTICOLI

 

CALCIOMERCATO PALERMO, SI PARTE DALLE CONFERME: I NOMI

 

MARTINELLI: «PALERMO, VOGLIO PORTARTI IN A E FARE LA STORIA»

 

MARTIN: «CAMPIONATO DOMINATO. IN C IL BLASONE NON BASTA»

 

GULLIT, FARAONI E PORTA CARBONE: LE «NOTTI MAGICHE» DI PALERMO

 

SERIE A, OK DEL CTS: CAMBIA LA REGOLA SULLA QUARANTENA

 

TRAPANI E CATANIA PENALIZZATI: LA DECISIONE DEL TFN

 

CORONAVIRUS, I DATI DEL 12 GIUGNO IN SICILIA: 0 NUOVI CONTAGI






19 commenti

  1. Bugia 16 giorni fa

    Salta fuori, altresì, che il Italia l'azionariato popolare ha grandi riscontri...solo a Palermo non funziona... ahahahah!

  2. Bugia 16 giorni fa

    Salta fuori, da sti commenti, che il medico di Zamparini ha, a suo tempo, ordinato al suo paziente di comprare il Palermo.... ahahahah ahahah

  3. Aggregazione galattica lame rotanti 18 giorni fa

    Sante parole, 'cugino' @Aggrega. Fra pochi minuti i soliti noti diranno naturalmente che siamo la stessa persona...

  4. Aggrega allucinati 18 giorni fa

    @Trattore e grappa, Zampeglini aveva immesso nella sua azienda (certo, era la sua azienda) 82 milioni, per il vostro sollazzo. Non voleva continuare a fare il fesso e dilapidare tutto il suo patrimonio per il VOSTRO piacere. Eventuali, ma non provati, crediti virtuosi sarebbero stati utili SOLO a non rimetterci altri soldi. Voi vi siete vantati e sentiti grandi, non avete perso nemmeno 1 euro, Zampeglini ha perso 82 milioni. Vi siete vantati SOLO grazie a Zampeglini e alla sua società (azienda), non per vostri meriti.

  5. Trattore e Grappa 19 giorni fa

    Gli imprenditori quelli bravi invece i soldi li fanno sparire e li sostituiscono con crediti fittizi.

  6. Il grafologo 19 giorni fa

    Mi auguro che l'utente che deride sempre per l'errore grammaticale gli ricordi in continuazione il famoso sceccu del Gennargentu e la differenza tra ha e a.

  7. Stupore e nausea 19 giorni fa

    Invece di pretendere o sperare di fare gli assistiti, anche per un pallone, per divertirvi, metteteli voi tifosi i soldi per costituire il capitale e fare la squadra forte. Dite sempre che È IL VOSTRO PALERMO? DIMOSTRATELO COI FATTI, non coi soldi degli altri. Al commentatore ignorante del meccanismo anticipo: il calcio non ha niente a che vedere con l'attività di un imprenditore né di un Investitore, nel calcio guadagnano solo i calciatori, i procuratori, i mass media (quelli pagati). I presidenti che mettono soldi sono solo degli utili idioti che dilapidando il loro patrimonio.

  8. Cittadino 19 giorni fa

    Io, per quanto mi è dato capire, vedo che Mirri non sembra potere stornare dalle proprie attività i 2,7 mln occorrenti per rilevare da Di Piazza le sue quote. La mia impressione è questa.

  9. stadio 19 giorni fa

    Di Piazza fondi una nuova squadra cittadina.

  10. Totuccino 20 giorni fa

    Ha replicato, con la H.

  11. Aggregazione galattica lame rotanti 20 giorni fa

    Vi è già la fila per acquistare quelle quote. È la piazza (non Di Piazza) a far gola, il tifo straordinario e il senso di appartenenza che va oltre la categoria. Un'occasione da non perdere.

  12. Rubini 20 giorni fa

    * ha replicato.

  13. Rubini 20 giorni fa

    Tacopina intanto a replicato a Mirri. Ha ricordato i suoi trascorsi, il proprio curriculum, rispettabile. Roma, Bologna, Venezia. Un 'record di promozioni'. Non saprei, ma alla luce di quanto sta accadendo all'interno di Hera Hora ( che pure avrebbe dovuto garantire, almeno, 'continuità'), forse si può parlare di occasione perduta.

  14. Rubini 20 giorni fa

    Il cosiddetto 'denaro' ahahahahahah. Pupazzo a scatti.

  15. Simon Berio 20 giorni fa

    Ecco che viene fuori la vera natura di ragioniere di Rubini. Invecchiando ci si rivela.

  16. Gilda (Cosimo) e Saturnino 20 giorni fa

    Ora si prende pure per un impiegatuccio di una filiale di banca di periferia, per dire tre cose banali e scontate. Di Piazza potrebbe pure rifiutare di immettere altri soldi, fare l'orecchio di mercante in un certo senso, e scoppierebbe un ca.sino dai risvolti inimmaginabili ora. P. S. invece il Palermo di Zamparini valeva 100 milioni per i fans sudditi e per Zamparini stesso, ma non aveva nessuna offerta di acquisto (il cosiddetto 'denaro' a fronte di una fantomatica e cervellotica 'lettera').

  17. Paolo 20 giorni fa

    E di chi potevano essere i primi commenti all'alba? Il solito. Tutti i giorni dell'anno, al di là di ogni senso del pudore si fa vedere tutto il giorno incollato qui a prendere come esigenza vitale i commenti passatempo, l'unica motivazione della sua vita. Nemmeno un ragazzino con patologia di dipendenza dal web. Che tristezza!

  18. Rubini 20 giorni fa

    Altra precisazione. 2,7 Milioni è quanto finora immesso (e 'uscito') da Di Piazza nella SSD Palermo, ma per completare in quota il capitale sottoscritto (complessivi 15 Milioni) ne servono (serviranno) altri 3,3 ( 40% di 15 = 6 = 2,7 +3,3).

  19. Rubini 20 giorni fa

    Il prezzo è il punto di incontro tra domanda e offerta. Non ci vuole di certo un esperto come Scimitaz, per ricordarcelo. Si può poi parlare di 'prezzo di mercato' quando un bene, mobiliare o immobiliare, si può inserire in un preciso mercato. Un'automobile, listino 'Quattroruote', ad esempio. Un immobile, l'Osservatorio Immobiliare. Anomalo quindi il caso 'Di Piazza'. In assenza di domanda le sue 'azioni' valgono zero. Quote peraltro di una Società che ha meno di un anno di vita ed ha chiuso il primo esercizio con una perdita di oltre un milione di Euro.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *