COMUNICATO DELLA QUESTURA

Palermo-Crotone, Daspo di
due anni per due tifosi

Palermo-Crotone, Daspo di due anni per due tifosi



 

La Questura di Palermo comunica che:

 

 

Il Questore di Palermo ha disposto il provvedimento DASPO, divieto di accesso a manifestazioni sportive, per la durata di due anni, nei confronti di due tifosi sorpresi a trasportare droga all’interno dell’impianto sportivo Renzo Barbera, nel corso dei controlli ordinari e di “prefiltraggio” precedenti allo svolgimento dell’incontro di calcio Palermo-Crotone dello scorso 7 ottobre.

 

La circostanza che i due tifosi siano stati sorpresi con lo stupefacente, durante le fasi di accesso allo stadio, ma in settori opposti, la curva “Sud” e la “Nord” è ulteriore dimostrazione dell’incisività e della capillarità del sistema dei controlli di “prefiltraggio” disposti e coordinati dalla Polizia di Stato. Al personale di polizia, infatti, non è sfuggito come, nel primo caso, il tifoso trasportasse nel portafogli e celati in un normale pacchetto di sigarette, ben sette “stecchette” di hashish; nel secondo caso, che il tifoso trasportasse una sigaretta preparata con stupefacente.

 

Nei confronti di entrambi i tifosi, alla luce delle disposizioni di legge, è stato adottato un provvedimento di divieto biennale di accesso a tutti gli impianti sportivi presso cui si disputino incontri calcistici, esteso anche ai luoghi interessati al transito o al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle medesime manifestazioni.

 

E’ la prima volta che nel capoluogo siciliano l’emissione di un Daspo sportivo sia motivato da episodi di spaccio o comunque da vicende di droga ed è la dimostrazione di come per la gestione e la buona riuscita di un evento sportivo o, più in generale, di ogni evento pubblico, la Polizia di Stato profonda sforzi ed energie notevoli ed eterogenei.






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *