RENZO BARBERA

Convenzione stadio, nuovo rinvio
Oggi riunione dei capigruppo

Convenzione stadio, nuovo rinvio. Oggi riunione dei capigruppo



Ancora dieci giorni di attesa per conoscere l'epilogo della vicenda legata alla concessione del Renzo Barbera

Come si legge nelle pagine del Giornale di Sicilia oggi è attesa la conferenza dei capigruppo, preludio al Consiglio Comunale che approverà la convenzione della durata di sei anni per la concessione dello stadio al Palermo di Dario Mirri. Il nodo rimane sempre il canone annuale da 341.150 euro stabilito dal comitato tecnico del Comune, cifra ritenuta troppo eccessiva dalla neonata società rosanero ma non modificabile essendo stata redatta dal comitato tramite calcolo matematico. 

 

Consiglio comunale che, tuttavia, rischia di subire un nuovo slittamento a causa della rimodulazione del calendario dei lavori dovuta al Festino. L'intenzione delle parti rimane comunque quella di fissare la data prima del 25 luglio, così da avere il tempo di poter consegnare la documentazione alla Commissione criteri infrastrutturali entro la scadenza fissata dalla FIGC per il 29 luglio. Nel frattempo il sindaco Leoluca Orlando attende i risvolti della vicenda, fiducioso che il Consiglio comunale possa trovare una soluzione equa che possa permettere ai rosa di poter giocare regolarmente al Renzo Barbera.

 

Le ipotesi vagliate per ammortizzare la cifra del canone rimangono una possibile sponsorizzazione da parte del Comune, l'utilizzo del fondo regionale nonché l'assunzione da parte del Palermo della manutenzione straordinaria ed eventuali iniziative a scopo sociale da detrarre alla somma. Nel caso in cui i tempi dovessero dilatarsi eccessivamente non è da escludere che il primo cittadino possa decidere di concedere lo stadio comunale alla società rosanero senza convenzione, come già fatto nella passata stagione. 







Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *