LA SITUAZIONE

Palermo, continua la rottura
fra Mirri e Di Piazza

Palermo, continua la rottura fra Mirri e Di Piazza



Continua il momento di contrasto fra la famiglia Mirri e Tony Di Piazza. La tensione fra le due parti si è palesata anche all'interno del CdA di Hera Hora, società che controlla il Palermo Calcio.

In tal senso - come riportato da Il Corriere dello Sport stamane in edicola - la famiglia Mirri avrebbe bocciato la proposta dell'imprenditore italo-americano di versare tutta la somma del capitale sociale promesso la scorsa estate.

 

Il capitale sociale è di 15 milioni di euro e Di Piazza avrebbe avanzato la proposta di versare subito l'intera quota per raggiungere la totalità, a margine del versamento della prima rata già effettuato.

Mentre la famiglia Mirri ha optato di capitalizzare la società per ulteriori 3,250 milioni di euro che consentono di portare il capitale sociale ad un totale di 6,800 milioni di euro.

 

Una mossa strategica e ben ponderata quella di Di Piazza - continua il quotidiano romano - tesa a dimostrare la propria solidità economica così da rispedire al mittente eventuali dubbi nati sulla propria disponibilità finanziaria. 

Certamente un summit che ha acuito ancora di più la tensione fra le parti in un momento positivo e di attesa - conclude il giornale - per la decisione definitiva del Consiglio Federale per quanto riguarda la promozione in Serie C


 

ALTRI ARTICOLI

 

IL FUTURO E' AL SICURO

 

DA «ACCADE OGGI» A «RICORDI»: IL 29 MAGGIO DEL PALERMO

 

FINALE DI COPPA ITALIA, IL RICORDO DI NOCERINO

 

PASTORE RICORDA LA FINALE DI COPPA ITALIA

 

INSIEME PER PALERMO: SI CONCLUDE LA RACCOLTA FONDI

 

RIVOLUZIONE CALCIOMERCATO: DUE IPOTESI PER LE DATE

 






12 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 33 giorni fa

    'E per questa rottura / non si trova la cura'. Da Picasso & Neruda, Opere complete, Editrici della Notte.

  2. Pinuzzo 33 giorni fa

    Grazie Leoluca.

  3. wert 34 giorni fa

    Caro Mirri mi sa tanto che Di Piazza ti ha svergognato..... Spero che non ti passa per la capoccia di fare entrare qualcuno............che ti fa comodo...

  4. Federico 34 giorni fa

    E già. È proprio una rottura.

  5. Franchino 34 giorni fa

    Evidentemente Mirri ha le spalle coperte avendo l'AD di sua fiducia, oltre a avere la stampa vicina (almeno fisicamente), ma a questo punto non sarei certo che sia Di Piazza a uscire dal Palermo. E mi sembra che in fatto di simpatia moltissimi tifosi preferiscano Di Piazza.

  6. Aggregazione galattica lame rotanti 34 giorni fa

    Dove mai si nasconde il mitico @Totuccione? Oggi ancor di più avremmo bisogno dei suoi interventi... #AltralacategoriA

  7. Maluchiffari 34 giorni fa

    Di Piazza ha appena postato un'interessante dichiarazione su Facebook.

  8. Rubini 34 giorni fa

    'Dichiararsi all'altezza'. Mossa spregiudicata, nel poker, ma può anche essere soltanto un bluff. Gioco cattivo il poker, a spuntarla sono spesso i più ricchi e, anche per questo, più crudeli. Vincono spesso i peggiori, insomma. Capaci persino di tradire un'amicizia, come in un film di Pupi Avati, 'Regalo di Nstale'. Una serata di poker, la viglia di Natale, in un'Italia di provincia, al tempo stesso disperata e arrogante.

  9. elso 34 giorni fa

    Sono due piccoli imprenditori, tra i due il migliore economicamente sembra essere Di Piazza.

  10. Palermoforever? 34 giorni fa

    Se Di Piazza versasse i 4,5 mln ancora non versati (raggiungendo così i 6 mln pattuiti in precedenza) Mirri & family dovrebbero versare 6,75 mln ... Lo farebbero? O lascerebbero l'intero piatto a Di Piazza?

  11. stadio 34 giorni fa

    Serve un solo presidente, logicamente con capitali adeguati x poter competere.

  12. Aggregazione galattica lame rotanti 34 giorni fa

    Ecco, se proprio volessi scegliere un partito all'interno della Società Sportiva Dilettante, propenderei per Di Piazza, che con questa mossa mostra di voler giocare a viso aperto, con il denaro reale dunque. #Zamparinivattene, il meraviglioso slogan di @Saladino!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *