PARLA NESTOROVSKI

«Complimenti al Lecce. Abbiamo
sbagliato ed è colpa nostra»

«Complimenti al Lecce. Abbiamo sbagliato ed è colpa nostra»



Al termine della partita con il Cittadella il capitano del Palermo Ilija Nestorovski è intervenuto ai microfoni di DAZN per commentare il pareggio dei rosanero: 

 

«Purtroppo il Lecce ha vinto e sono andati direttamente in Serie A, faccio loro i complimenti da parte di tutta la squadra. Non siamo riusciti ad andare in A ma non dobiamo abbassare la testa, abbiamo altre 4 partite importanti. Dobbiamo riposare questi due giorni e mettere la testa a posto, sappiamo che adesso è dura ma dobbiamo vincere questi play-off. Non c'è dolore dall'anno scorso, quello è il passato, il dolore di adesso è perché non siamo andati direttamente in Serie A, abbiamo sbagliato ed è colpa nostra, come capitano mi prendo la responsabilità. Ma la vita va avanti, abbiamo altre 4 partite e faremo di tutto per vincerle tutte. Nuova proprietà? È importante quando sai che c'è una proprietà dietro, sappiamo adesso chi sono i nuovi proprietari ma non sono loro a scendere. Loro fanno il possibile per farci stare sereni, noi dobbiamo solo vincere».

 

TIFOSI

«Ora riposeremo uno o due giorni, aspettiamo quando iniziano questi play-off perché dicono che un giorno si rinviano e un altro no. Aspettiamo il nostro avversario e andiamo a vincere perché siamo una squadra forte e non meritiamo di non essere andati direttamente in Serie A. Non lo meritiamo noi giocatori, non lo merita la società e non lo  meritano questi tifosi che sono venuti oggi in trentamila. Vogliamo ringraziarli e dirgli che abbiamo bisogno di loro. Nel primi 45 abbiamo giocato un bel calcio, abbiamo bisogno di loro in queste 4 partite. Spero di esserci anche io, penso sia solo un affaticamento perché probabilmente non ho recuperato bene, volevo giocare e aiutare i miei compagni. Mi dispiace di non aver giocato tutta la partita, adesso dobbiamo stare sereni e vincere questi play-off».

 

PLAYOFF

Successivamente in zona mista ha aggiunto: «Sul deferimento? Devo dire la verità? Non mi interessa, non ho letto. Quest'anno è stato difficile, ci sono state troppe cose. Siamo arrivati terzi e aspettiamo chi affrontare alle semifinali. I tifosi? Loro meritano di andare in Serie A, nel primo tempo abbiamo fatto una grande partita, poi ci siamo rilassati sapendo anche del risultato del Lecce. Ora dobiamo lavorare e pensare ai playoff. La condizione fisica? I playoff si vincono con la testa e il cuore, 90 minuti li puoi fare, non c'è bisogno di grande condizione fisica. La cosa che mi dispiace è che non abbiamo chiuso il campionato in anticipo. La squadra è forte, tutti meritiamo la Serie A. Bastavano due vittorie in più, contro Livorno e Padova. Colpa della società? No, i gol li abbiamo presi noi».






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *