NUOVO ORGANIGRAMMA

GDS - Palermo, Platt sarà a
capo di un comitato consultivo

GDS - Palermo, Platt sarà a capo di un comitato consultivo



IMMAGINE  NON SEGUI FORZAPALERMO.IT SU INSTAGRAM? CLICCA QUI

 

Con l'ufficializzazione del passaggio di proprietà del Palermo Calcio cominciano a filtrare le prime informazioni sul futuro organigramma della società rosanero. Negli ultimi giorni è circolato con inisistenza il nome di David Platt, ex stella del calcio inglese, come futuro membro del CdA rosanero, ma l'organizzazione del nuovo Palermo pare sia più complessa di quanto si possa pensare. 

 

Il Giornale di Sicilia conferma che Platt lavorerà in stretta simbiosi con il club ma non entrerà in società né prenderà possesso di quote, l'ex centrocampista della nazionale inglese guiderà infatti un comitato consultivo, definito in terra britannica advisory board, designato per compiti di consulenza con l'estero. Questo spiegherebbe la scelta di un soggetto dal forte spessore a livello internazionale come Platt, e con lui entreranno altre figure di rilievo nel panorama calcistico europeo e forse anche l'ex patron Maurizio Zamparini, che sarà consulente esterno della società. 

 

«Si tratterà di un organo esterno al club rosanero, dunque non è prevista nessuna nomina all'interno del futuro consiglio di amministrazione per i membri di questo comitato che lavorerà di pari passo con Foschi e con la gestione sportiva del Palermo, senza però avere alcun potere decisionale»: così la testata locale spiega cosa sarà questa advisory board puntualizzando come, rispetto ai consulenti mai messi sotto contratto di cui si è circondato l'ex patron negli ultimi anni, questo gruppo avrà un'aura decisamente più istituzionale.Questo comitato avrà in Platt il suo capofila ed è infatti atteso nel capoluogo siciliano per la presentazione in conferenza stampa prevista nei prossimi giorni. Nessuna poltrona quindi per l'ex calciatore, ma il suo passato tra le fila di Juventus, Bari e Sampdoria gli permette di parlare perfettamente l'italiano, cosa da sottovalutare visto il ruolo che dovrebbe ricoprire per il Palermo.

 

Intanto fra gli altri possibili nomi per questo gruppo di consulenti spunta anche quello di Roberto Di Matteo, ex centrocampista della nazionale italiana e vincitore, da allenatore, della Champions League con il Chelsea nel 2012. Profilo interessante quello di Di Matteo, che vanta anche una laurea presso la European School of Economics presa prima di iniziare ad allenare, ma proprio la volontà di quest'ultimo di voler proseguire la propria carriera da tecnico fa pensare che difficilmente accetterà un'eventuale offerta del club rosanero. 


LEGGI ANCHE:

 

 

• GDS - PALERMO, OGGI È IL GIORNO DEL NOME DELL'ACQUIRENTE

 

• ALYSSA, SI DIMETTE L'AMMINISTRATORE DELEGATO. SU MEPAL È MISTERO

 

• CORSPORT - CESSIONE, GLI OBBLIGHI FORMALI DEI NUOVI PROPRIETARI

 

• CLOSING E PROCURA: CRONISTORIA DI DUE SETTIMANE ASSURDE

 

• IL PALERMO DI ZAMPARINI, UNA STORIA LUNGA 16 ANNI/ PARTE 2






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *