TANTI DUBBI

Palermo inglese: le opinioni
dopo la «quasi» presentazione

Palermo inglese: le opinioni dopo la «quasi» presentazione



IMMAGINE  NON SEGUI FORZAPALERMO.IT SU INSTAGRAM? CLICCA QUI

 

Dopo tanti anni di parole al vento, trattative date per concluse e poi fallite e malcontento generale il Palermo ha cambiato proprietà. La Global Futures Sports & Entertainment Ltd del ceo Clive Richardson ha acquisito il cento per cento delle azioni della società rosanero e nella giornata di martedì lo stesso Richardson, David Platt, James Sheehan e Maurizio Belli si sono presentati in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti. Rispetto al passato ciò che rimane una costante, almeno in questa prima fase, sono perplessità e scetticismo: le dichiarazioni dei diretti interessati infatti non sono riuscite a sciogliere i dubbi di questa intricata vicenda e, probabilmente hanno generato più confusione che altro. 

 

Tanti i tifosi poco convinti o addirittura insoddisfatti, ma anche dal lato degli addetti ai lavori emergono incertezze e voglia di saperne di più, primo fra tutti Leoluca Orlando, il sindaco di Palermo, rimasto interdetto dal mancato incontro con la nuova proprietà nonostante il loro sbarco nel capoluogo. «È difficile farsi una idea sul nulla. In atto non ho avuto nessuna comunicazione ufficiale. Nessuno mi ha detto niente e soprattutto nessuno mi ha detto chi sono i legittimi proprietari della squadra che, vorrei ricordare, gioca nello stadio che è di proprietà dell’amministrazione comunale» dichiara il primo cittadino palermitano, che ha poi definito la conferenza stampa «un po’ singolare. Se non hai nulla da comunicare non fai una conferenza stampa. La mia idea? Molte perplessità, molta inquietudine», rispondendo anche al quesito di un eventuale parallelismo con la vicenda Baccaglini: «con Baccaglini tutto è finito, invece oggi niente è cominciato»

 

Oltre ad Orlando sono state numerose le dichiarazioni di procuratori, dirigenti e giornalisti. Come Nicola Binda della Gazzetta dello Sport, che nella nostra intervista esclusiva ha detto: «Ho visto i nuovi soci che si sono presentati. Ora devono conquistare Palermo con i fatti. Non ho capito bene chi siano realmente i finanziatori del Fondo e chissà se mai si capirà. Vedremo» aggiungendo che la piazza di Palermo dopo gli scossoni degli ultimi anni merita tranquillità. Anche Michele Criscitiello si è espresso in merito alla cessione societaria, affermando che «La conferenza dei nuovi proprietari si spiega da sola. Dovrebbero essere loro a spiegare il concetto invece parla solo Zamparini che accusa la città, dice che ha salvato tutti, ha distrutto una passione, continua a parlare. Ma chi può credere più a Maurizio Zamparini?», seguito da Alfredo Pedullà anch'egli particolarmente perplesso: «Se dovessi accendere la tv e vedere la conferenza stampa del Palermo penserei “Zamparini ha ripreso il Palermo”. Zamparini seduto al centro e gli altri dietro di lui e ha ripreso il Palermo, o meglio, lui non ha mai ceduto». Al coro dei giornalisti si aggiunge anche Marco Bellinazzo, esperto di calcio e finanza, che predica chiarezza: «Le notizie sulla ‘vendita’ del Palermo riecheggiano sinistramente quelle di altre analoghe situazioni che hanno funestato il calcio italiano e l’inefficacia delle norme sui passaggi di proprietà. Mi auguro che la FIGC di Gabriele Gravina non tergiversi e pretenda chiarezza». 

 

Passando invece ai dirigenti il pensiero di Pierpaolo Marino si distacca da quanto letto finora: «Bisogna attendere i programmi per valutare il cambio di proprietà del Palermo. Zamparini ha dato l'avallo al progetto, c'è un personaggio come Platt, ho la sensazione che non sia una cessione finta. Per i rosanero può arrivare un periodo roseo». Spazio anche per l'ex calciatore di Brescia e Parma Alessandro Budel, ora opinionista per DAZN, e si torna al clima di perplessità generale: «Sembra essere una scena già vista in passato quindi faccio davvero fatica a definire questa situazione che mi pare essere surreale. Dobbiamo solo attendere per capirne meglio», e ancor meno convinto sembra essere il procuratore Beppe Accardi, che mette in dubbio l'effettivo cambiamento in seno alla società rosanero dicendo che «Zamparini non ha lasciato il Palermo perché rimane come consulente. Tendenzialmente rimane tutto com’era prima. Cambia la proprietà ufficialmente ma sostanzialmente non cambia niente».

 

Concludiamo infine con un ex rosa, Giorgio Perinetti, che per il momento preferisce glissare non essendoci particolari notizie: «L’unica cosa che mi sento di dire è che mi sembra strano che non ci sia un rappresentante della nuova proprietà a restare a Palermo in questi giorni. Questo è un po’ anomalo, mi sarei aspettato che qualcuno rimanesse in città. Aggiungo però che rimarrà Foschi che saprà benissimo cosa deve fare» afferma il direttore sportivo, lasciandosi anche andare ad un pensiero sull'ex patron Zamparini: «immagino ciò che starà provando. Lui ha una grande passione per il calcio e per Palermo e lasciare dopo tutti questi anni non deve essere stato facile, proverà un po’ di malinconia, per cui tutta la mia vicinanza oggi va a lui». 


ALTRI ARTICOLI

 

• CESSIONE PALERMO, IL COMUNICATO UFFICIALE DEL SINDACO LEOLUCA ORLANDO

• «E TRA I DUE LITIGANTI, NON SIAMO MANCO IL TERZO CHE GODE. ARRIVEDERCI»

• GAZZETTA - PALERMO BRITISH, 15 MILIONI PER I PRIMI STIPENDI

• IL PALERMO DI ZAMPARINI PARTE 2: L'EUROPA ROSANERO E L'ESODO ALL'OLIMPICO

• NON ESCLUSIVA: ECCO IL RESPONSABILE A 360 GRADI DEL PALERMO

• PUSCAS-MOREO, UNA POLTRONA PER DUE

 






1 commento

  1. stefano 7 giorni fa

    Certamente la conferenza stampa non ha lasciato sodisfatti tifosi e addetti ai lavori;personalmente voglio uscire dal coro di lamentele e visioni tragiche: Il Palermo troverà benefici dall'ingresso dei nuovi proprietari in società, d'altro canto se cosi non fosse, se fosse tutta una montatura di Zamparini , se questi signori fossero dei pupazzi consenzienti nelle mani dell'ex patron, tutto svanirebbe tra una manciata di giorni.....visto gli adempimenti che i nuovi proprietari sono chiamati a fare....certamente Zamparini non potrebbe più andare in giro, dopo aver bluffato con mezzo mondo....

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *