SEGNALI

Cessione Palermo:
cosa ci ha detto Foschi

Cessione Palermo: cosa ci ha detto Foschi



Nella giornata di ieri sono arrivate nuove informazioni in merito alla cordata interessata all’acquisto del Palermo Calcio. Questa volta non per bocca del patron Zamparini: a parlarne è stato Rino Foschi, per la prima volta. 
Le notizie relative a questa cordata “transnazionale” che si evincono dalle parole del ds rosanero possono essere racchiuse in tre nuclei chiave


LEGGI:

FOSCHI: «ZAMPARINI RESTERÀ MA CEDERÀ. CHI COMPRA HA FIDUCIA IN LUI»


Niente cessione totale. Foschi ha confermato che la cordata, se l’affare andrà in porto, comprerà una quota importante delle azioni del club; non la totalità: Zamparini rimarrà dunque con una percentuale minore. Quindi, almeno all’inizio il patron non uscirà completamente di scena, ma già dalla sessione di mercato invernale si potrebbe confermare, e forse anche migliorare, l’organico attuale. 
 
 

Budget. Dalle dichiarazioni del ds rosanero si ipotizza disponibilità di liquidità immediata per poter affrontare le spese di gestione ed al contempo investire da subito sul mercato. 

«Se avviene questa cessione sono convinto non dico che torneremo a fare quello che abbiamo fatto nel passato, ma faremo di nuovo cose importanti» ha detto Foschi. Parole che, stavolta, lasciano pensare che gli acquirenti le garanzie le abbiano eccome. 
 
 

Stadio e centro sportivo? 
Foschi ha ribadito, dall’alto del suo affetto, quasi amore-odio, per Zamparini che il patron vuole lasciare il Palermo in mani sicure perché «si parla della squadra e dei risultati del Palermo, ma anche del futuro di questa città». 

 

Oltre a questi tre punti chiave ce n’è un altro ancora più importante che forse può accendere, tenendo sempre il più che doveroso beneficio del dubbio, un nuovo piccolo lume di speranza: Foschi non è Zamparini.  
 

Il patron ne ha dette davvero tante e la sua credibilità, quando si parla di cessione del club, è gradualmente svanita insieme ai capitali di un tempo. 
Ma con Foschi è diverso
Il ds gode di grande rispetto e fiducia e non si è mai esposto su vicende da lui ritenute sempre non di sua competenza. Per farlo, e per usare il “noi” per tutta la durata dell’intervista, evidentemente ci crede
E se ci crede lui, potremmo crederci un po’ di più anche noi?






11 commenti

  1. Aggregazione Galattica Lame Rotanti 7 giorni fa

    A parte il fatto che il cervello delle vongole è straordinario, chi ha detto a @Wert che devono andare via? Chi li obbliga? Zamparini e il suo entourage hanno diritto di rimanere quanto vogliono. Se è vero che la stragrande maggioranza dei tifosi palermitani hanno chiuso con Zamparini, perché non fondano la loro società? Sarebbero un'infinità, 700 - 800.000, in confronto ai 32.000 gatti della finale play off. Nulla di più semplice, con questi numeri, di mettere insieme i fondi necessari per una gloriosa squadra. Gli altri gatti, o vongole, continueranno a dover sopportare la Serie A al Barbera

  2. wert 7 giorni fa

    Non vi vergognate che a questa matura età sparate cazzate a ripetizione a discapito di questi quattro tifosi con il cervello di una vongola,che ancora comprano abbonamenti e biglietti? Siete come i numeri che iniziano con L' 800......a pagamento..... DOVETE ANDARE VIA..............USURAI......siete peggio delle banche......che per avere un cliente ti promettono mare e monti......è poi ti accorgi che .....meglio che mi fermo........Ciao a tutti.......

  3. Aggregazione Galattica Lame Rotanti 7 giorni fa

    Quotata in corsa, come ho più volte sostenuto.

  4. Rubini 7 giorni fa

    Tre nuclei chiave, e va bene. Però dico io, ma siamo sicuri, ALMENO, che si tratta di una Società quotata in Borsa, a NY? Unni, au nasdaq? o un sapiemu niainti? AhAhAhAhAh

  5. Aggregazione Galattica Lame Rotanti 7 giorni fa

    @Rubini - Lo confesso: sono Rubini. Rubini stesso potrà oltretutto confermare di essere Stellone travestito da Foschi, giusto?

  6. Rubini 7 giorni fa

    @Federico II. Abbiate pazienza, Redazione! Federico, doppia asta, magis copiaincolla magister! Me lo ricordo! Utente di spessore di MR, ovvero il grande Muro dei tifosi rosanero. Che nostalgia, che bei tempi. Rinasco, rinasco, del mille ottocento cinquanta. 'Frenetica presenza compulsiva' mienza paruola, 'nchia Sorbonne, 'nchia Ball Close Center, le sedie parate a damasco chermisi , ah mia sfigatina, en sauce russe!

  7. federico II 7 giorni fa

    A me questo galattica lame rotanti etc. vista la sua frenetica presenza compulsiva nei commenti, mi sembra uno dei noti multinick. E ci capiamo a mezza parola... rubino, marcello ln, etc.

  8. GabrieleMR 7 giorni fa

    La fiducia la si guadagna con i fatti, con il ben operare, non con le sole parole ... Vediamo come la Società si muoverà e solo dopo ci si potrà riaprire alla fiducia.

  9. Aggregazione galattica lame rotanti 8 giorni fa

    Certamente: la cantilena dell'anello al naso, del libro paga, della dignità calpestara, della barzelletta d'Italia, dei quattro gatti allo stadio, del 'Zamparini vattene' deve continuare ad oltranza, indipendentemente dagli sviluppi societari. I calciatori, i dirigenti, i nuovi investitori e i tifosi allo stadio vi leggono con grande attenzione e interesse e presto vi nomineranno consulenti a tutto campo.

  10. Aquilotto 8 giorni fa

    CARO SIG.MENDOLA NON SI FACCIA INFINOCCHIARE DA FOSCHI PERCHÉ SI RICORDI CHE È UN DIPENDENTE DEL BUGIARDO MERCANTE FRIULANO ,ANCHE STAVOLTA O SVANIRÀ TUTTO OPPURE STA PER METTERE IN ATTO UNA FINTA VENDITA DELLA SOCIETÀ A SE STESSO ,PERCHÉ ESCLUDO TOTALMENTE LA POSSIBILITÀ CHE GENTE SERIA POSSA ENTRARE IN SOCIETÀ CON IL LOSCO SQUALLIDO FRIULANO

  11. Anarchico 8 giorni fa

    È un dipendente di Zamparini, evidentemente i contenuti dell'intervista sono concordati con il suo titolare

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *