Il «Barbera» si prepara. Con il Cesena tutto il calore rosanero - Forza Palermo Calcio Giornale
STADIO PIENO

Il «Barbera» si prepara. Con il
Cesena tutto il calore rosanero

Il «Barbera» si prepara. Con il Cesena tutto il calore rosanero



 

La partita di sabato pomeriggio contro il Cesena sarà il match più importante della stagione: ai rosanero servono 3 punti, nella speranza che l'Entella fermi il Frosinone tra le mura amiche.
I tifosi del Palermo ci credono: lo dimostra il fatto che la prevendita per Palermo-Cesena sta andando a gonfie vele, le due curve e la gradinata sono già in via di esaurimento e si va verso il record stagionale, che al momento appartiene a Palermo-Bari con i 18mila presenti sugli spalti.



Quella di sabato con tutta probabilità sarà la prima e l'unica volta che al "Renzo Barbera" si supererà quota 20mila spettatori: in questa stagione la media spettatori è stata sempre bassa (intorno ai Xmila), ma questo rush finale appassionante per la lotta al secondo posto ha riavvicinato i sostenitori rosanero.

 

Diverse assenze per Parma e Frosinone. Gli aggiornamenti



Questo andamento, però, dura ormai da qualche anno: ormai non si vede più il pienone costantemente, ma si aspetta sempre qualche evento particolare. Nella stagione scorsa, ad esempio, soltanto in tre partite si è superato quota 20mila tifosi. La prima volta fu quando venne la Juventus, ci furono 27mila tifosi e il Palermo perse soltanto a causa di un autogol di Goldaniga, ma regalò una buona prestazione prendendosi gli applausi del pubblico. Successivamente il "Barbera" si riempì quando fece l'esordio in casa Eugenio Corini come allenatore in un Palermo-Chievo: per quell'occasione il neo tecnico, subentrato a De Zerbi dopo sette sconfitte consecutive in campionato, chiamò a raccolta i supporter per caricare i giocatori. Ci furono 21.232 spettatori, ma i rosanero crollarono per 2-0 contro i clivensi e l'appello non diede l'effetto sperato. Quota 20mila spettatori venne raggiunta anche in un Palermo-Pescara, sempre con Corini in panchina. La partita era importante perché si veniva da una vittoria esterna (il famoso 3-4 contro il Genoa) e una vittoria contro i diretti concorrenti del Pescara avrebbe dato speranze ai rosanero per la salvezza. Il Palermo partì bene con Quaison che portò i rosa in vantaggio, ma Biraghi pareggiò al novantesimo su calcio di rigore spegnendo i sogni di salvezza dei tifosi di fatto, perché fino al termine della stagione il "Barbera" non si riempì più.

 

Rajkovic: «Stellone concreto come Ballardini, stimavo Tedino»



Nella stagione precedente la media spettatori fu decisamente più alta: quota 20mila si raggiunse in più occasioni, come nell'esordio in campionato contro il Genoa (terminata 1-0 con gol di El Kaoutari) e nella giornata successiva in casa contro il Carpi (2-2 con gol di Hiljemark e Djurdjevic). Contro Inter, Juve e Lazio la media spettatori fu di 22mila circa, ma il Palermo non ottenne la vittoria in nessuna delle occasioni. Solo contro l'Inter i rosa diedero una soddisfazione ai tifosi con un 1-1 meritato e il gol di Gilardino prima del pareggio di Kovacic.

Il numero più alto di spettatori negli ultimi due anni ci fu in quello storico Palermo-Verona con 33.445 tifosi per sostenere i rosanero all'insperata salvezza. Era l'ultima giornata della stagione 2015/2016, l'ultima spiaggia per gli uomini di Ballardini che doveva ottenere i tre punti per centrare la salvezza (il Palermo si trovava già al quart'ultimo posto).

L'attesa di Palermo-Cesena ricorda quella settimana: in quel caso i rosanero risposero benissimo vincendo la partita per 3-2 e ottenendo la salvezza matematica grazie ai gol di Vazquez, Maresca e Gilardino.



Contro il Cesena toccherà a La Gumina & co. regalare una gioia ai tanti tifosi che accorreranno allo stadio, ma una vittoria potrebbe anche non bastare. Intanto il "Barbera" si prepara ad un pienone visto raramente in questi ultimi anni. .


 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *