LA DICHIARAZIONE

Calaiò: «Io etichettato come un
criminale, Palermo superiore»

Calaiò: «Io etichettato come un criminale, Palermo superiore»



 

L'attaccante del Parma Emanuele Calaiò torna a parlare e lo fa dalle colonne de La Gazzetta dello Sport dove affronta a tutto tondo il suo ultimo periodo, soffermandosi sulla squalifica che - in questo inizio di stagione - lo ha tenuto lontano dal calcio giocato.

 

Subito un pensiero sulla lunga squalifica. «Che effetto fa essere un uomo mercato a 37 anni e dopo 6 mesi di squalifica? Vuol dire che qualcosa di buono è stato fatto. Capisco le società che vogliono puntare sui giovani, ma se hai fame e voglia l’età, in B, non conta. La mia ambizione è quella di vincere, ci sono abituato e lo voglio fare ancora. Cerco una piazza che mi faccia sentire importante per fare bene un anno e mezzo e arrivare a 200 gol. Come ho trascorso questi sei mesi? Mi sono sempre allenato a Parma e nei weekend tornavo a casa a Napoli. Non riuscivo a vedere le partite dal vivo. Sono stato etichettato come un criminale. Ma ho imparato tante cose e l’esperienza mi ha rafforzato».

 

Continua l'attaccante gialloblu. «Guardavo le partite in tv e pensavo che Calaiò è vivo e forte, pronto a combattere. Ho tatuato sul braccio i 6 campionati vinti, c’è ancora posto. Guardavo i gol di Pellissier e pensavo che se sei sempre stato professionista puoi fare la differenza ovunque». Sul Parma. «Sono stati dei signori. Città e società sono il top, c’è tutto per fare bene, ma guai dimenticare che tre anni fa la squadra era in D: nulla deve essere scontato. Napoli e Parma sono due grandi piazze molto esigenti, anche se diverse, ognuna con le sue pressioni e l’obbligo di vincere. Emozioni uguali».

 

Infine un pensiero sul Palermo. «Penso che abbia qualcosa in più rispetto alle altre, come rosa. Il livello si è abbassato, c’è più equilibrio: può salire chiunque. Ma è così anche in Serie A: a parte la Juve, puoi giocartela con tutti. Qualche anno fa le partite impossibili erano di più».

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM!


 

 

ALTRI ARTICOLI

 

• CESSIONE PALERMO: E FOLLIERI CI RIPROVÒ

 

• PRESIDENTE, MA CHE FAI? SCONTRO TOTALE AL PALERMO

 

• FOSCHI FURIOSO: NON MI DIMETTO, MA SE FOSSE UNA COSA SERIA...

 

NASCE LA PALERMO FOOTBALL CLUB SPA, IL COMUNICATO

 

IL PRESIDENTE RICHARDSON E INSTAGRAM. FINE DELLE COMUNICAZIONI?






2 commenti

  1. max rosanero 35 giorni fa

    MERCENARIO ..intimidatorio che nn sei.vigliacco carogna.

  2. CalaioCacca 35 giorni fa

    Affucati! Si na cosa inutile!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *