INTERVISTA

Balata: «Stiamo monitorando con
attenzione il caso Palermo»

Balata: «Stiamo monitorando con attenzione il caso Palermo»



Il Palermo ha fatto parlare parecchio di sé negli ultimi tempi. Tra le figure importanti del panorama calcistico italiano che si sono interessate al caso della società rosanero, anche il presidente della Lega Serie B Mauro Balata.

 

Il numero uno del campionato cadetto ha parlato della crisi delle serie minori in Italia al quotidiano Il Tirreno:

 

«Non si devono più ripetere i casi della scorsa estate che hanno portato all’esclusione di tre piazze importanti come Bari, Cesena e Avellino. Per questo stiamo monitorando con attenzione l’evolversi del caso Palermo pronti a intervenire in mancanza di soluzioni chiare».

 

FORMAT SERIE B

«La forza derivante dall’unità in Lega, mai verificatasi in passato ci fa tenere una posizione coerente verso quello che è il percorso di riforma già iniziato che possa, attraverso una riduzione degli organici, portarci a una A e una B a 18 squadre e due gironi di C da 20 squadre. Dopo 17 anni la serie B tornerà al formato originario a 20 squadre e se ci saranno posti vacanti andranno a società cadette retrocesse per scorrimento della classifica. E dal 20-21 arriveremo al format a 18 che i nostri club hanno votato all’unanimità».

 

IL VAR IN SERIE B

«È una mia battaglia. Stiamo definendo studi sulla fattibilità esaustivi, completi e immediatamente attuabili. La tecnologia è diventata indispensabile in ogni settore e quindi anche in ambito sportivo. E uniformarsi alla serie A diventa fondamentale per un campionato di B che ha una dimensione economica sempre più importante e che va tutelata. L’Aia sta formando la nuova classe arbitrale e contiamo di poter arrivare alla Var in B nella stagione 20-21. Il mio sogno sarebbe riuscire nell’intento per i playoff del 2019. Noi siamo pronti».






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *