LA DICHIARAZIONE

Albanese: «Momento topico.
Palermo volano importante»

Albanese: «Momento topico. Palermo volano importante»



 

Il presidente di Sicindustria Alessandro Albanese dalle colonne del Corriere dello Sport, ha analizzato l’attuale momento societario in casa Palermo spiegando quale sarà la posizione assunta dagli imprenditori locali.

 

«Il Palermo calcio, soprattutto in A, è un volano importantissimo per l’economia – ha dichiarato Alessandro Albanese -, solo attorno al club gira il lavoro di almeno 1.500 persone. Il momento è topico, oggi renderemo noto l’elenco delle aziende che hanno acquistato i biglietti da dare ai propri dipendenti e a molte scuole calcio. Non escludiamo di farlo per tutte le prossime gare interne fino alla fine della stagione».

 

Sugli inglesi. «Non si capiva chi era l’effettivo proprietario. La nostra iniziativa – conclude– serve anche a spiegare alla società che ne stiamo osservando i comportamenti e come città vogliamo fare qualcosa».

 

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM!


 

 

ALTRI ARTICOLI

 

• PALERMO, LETTERA MAI SCRITTA

 

• «IL PALERMO RESTA LA SQUADRA DA BATTERE». PARLA BINDA

 

 GDS - YORK CAPITAL AL LAVORO, ANCHE SAGRAMOLA IN CORSA

 

• GIALLO IN VIALE DEL FANTE. SI CONOSCE SOLO LA VITTIMA






2 commenti

  1. Gabriele 69 giorni fa

    (2 segue) Il caso del Palermo avrebbe lo stesso effetto. Poco importa che la Società era appertenuta a un imprenditore friulano prima (Zamparini) e a degli inglesi poi ... Chi opera in affari memorizza il nome della città in cui è fallito qualcosa di importante ... Ah, lei è di Palermo? Difficile fare impresa lì da voi, vero? Un fallimento a questi livelli (anche se in campo sportivo) porta conseguenze di immagine per tutto ciò che sta intorno, inutile cercare di negarlo. L'eventuale fallimento della squadra di calcio sarebbe il fallimento di tutta una collettività, la nostra ... (2 Fine)

  2. Gabriele 69 giorni fa

    Anni fa, poco dopo il crack della Parmalat, mi trovavo a Parma per ragioni di lavoro. Parlando con la gente del posto, alcuni mi dissero: aveva ragione il Cav. Barilla quando rimproverava Tanzi di aver associato il nome della città alla sua impresa (Parmalat). Lui sosteneva che non bisognava mai associare il nome della città dove si aveva la sede con la propria impresa perché un eventuale fallimento di quest'ultima avrebbe coinvolto tutta la realtà cittadina ... Ah, la sua azienda è di Parma? Non è la stessa città dove operava la Parmalat? E giù occhiate cariche di sospetto ... (1 segue)

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *