LA SCELTA

Accardi, l'Aquila e
la fede rosanero

Accardi, l'Aquila e la fede rosanero



Ridare il Palermo alla sua gente.

Dopo anni di incertezze e illusionisti a fare da mercanti con i sentimenti dei supporters rosanero il sindaco Leoluca Orlando ha voluto che fosse un palermitano a riscrivere la storia del Palermo.

È con tale missione che l’imprenditore Dario Mirri si è insediato sulla poltrona presidenziale: è su questo manifesto che la sua longa manus Rinaldo Sagramola sta componendo la squadra che avrà la responsabilità nonché il privilegio di ridare gioia alle domeniche palermitane.

 

“Under e bucanieri di categoria” recita il Sagramola pensiero. Ed è sulla falsa riga dello stratega romano che il ds Castagnini sta plasmando il tutto.

E' in questo cosmo mentale che Andrea Accardi si pone come metafora della rinascita.

Il terzino, negli istanti successivi alla "Caporetto Arkus", ha ribadito urbi et orbi la volontà di ripartire con la maglia rosanero sulla pelle, a prescindere dalla categoria. Oltre al professionista c’è il tifoso: e altrimenti non sarebbe potuto essere visto la devozione con il quale ha atteso il peregrinare burocratico degli ultimi mesi. 

 

Ma l’attesa non fa paura a chi sa dove andare: così la fumata bianca tra Accardi e l’SSD Palermo non altro è stato se non la vidimazione di un qualcosa di certo.

L’SSD Palermo prima che di calciatori urge di uomini pronti a dare tutto per la causa rosanero, senza retro pensiero alcuno, con l’unico e autentico intento di riportare in alto i colori della città. Come Andrea Accardi: uno dei fondatori della nuova Patria, con l’Aquila rosanero pronta a librarsi dal suo braccio, magari con la fascia da capitano aderente alla sua fede rosanero.





14 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 11/08/2019

    Ma di quale sito si tratta? Mi sono incuriosito...

  2. Rubini 11/08/2019

    E continua! Da ‘Esterrefatto’ a ‘Moderazione?’ Sempre lui e continua, con quale diritto? Chi lo autorizza ad offendere gli utenti, i commentatori ed anche i moderatori, di QUESTO sito? Chi? Ps i ‘commentatori’ de ‘La Repubblica’ ‘commentano’ spesso, ad esempio, i ‘commentatori’ de ‘Il Fatto Quotidiano’ e viceversa. Non c’è nulla di strano, si chiama libertà di pensiero e di espressione. Solidarietà alla REDAZIONE di Forza Palermo. No a troll e sabotatori!

  3. Moderazione? 11/08/2019

    Moderatore, sin rende conto che un gruppo di buontemponi che stanno tutto il giorno a tampasiare nel web stanno usando lo spazio di questo articolo per faccende che non hanno nessuna attinenza col vostro sito e con l'articolo, solo per fare cortile disgustoso? E lei approva questi atteggiamenti? Siate seri, avete mai letto i commenti dei lettori di Repubblica, per esempio, che commentano le questioni e i comportamenti dei lettori degli altri giornali?

  4. Rubini 11/08/2019

    @Esterrefatto. Inizia tu a ‘dichiarare i tuoi veri connotati’, invece di restare ‘esterrefatto’. Coraggio e dignità’, appunto. Per il resto Forza Accardi, spero che arrivi anche Mazzotta. Ps il ‘sito’? Ma quale sito? Questo sito si chiama ‘Forza Palermo’.

  5. Totuccione 11/08/2019

    riscussi i ru liri....

  6. Renut 11/08/2019

    Ma Mazzotta che fine ha fatto?

  7. esterrefatto 11/08/2019

    Il contenuto di questo post si riferisce al calciatore Accardi. Ma alcuni commentatori camuffati dietro nick che cambiano in continuazione, i soliti commentatori, commentano su fatti avvenuti in altri siti. Se volete comunicare con le persone che state diffamando almeno abbiate il coraggio di incontrarli nella vita reale, o perlomeno andate a farlo nel sito che vi ossessiona, ma fatelo dichiarando i vostri veri connotati, se avete un minimo di coraggio e dignità. Perché se non l'avete capito, qui ci state infastidendo con il vostro comportamento ignobile.

  8. Paolo 11/08/2019

    Solidarietà ad Adriano Cuore Rosanero, vittima di due noti bulli del web rosanero.

  9. Diego 11/08/2019

    Prima di tutto forza palermo e forza rosanero. Be che dire mi associo al pensiero anti censura. Quello deve essere un club per curarsi i complessi dove ognuno crede di essere o un economista o un luminare della finanza, e guai a svegliarli dai loro sogni, ti iniziano a insultare fino a farti escludere dal sito. In ogni caso cacciare un utente perchè la pensa diversamente pur esprimendosi come caz... gli pare e piace, è sintomo di debolezza e provincialismo.

  10. AntiZampariniForEver 11/08/2019

    Che pena che mi fa ...ha di nuovo cambiato nick....

  11. Petrarca 11/08/2019

    Se iddi sunnu, quelli che un qualsiasi studentello di primo anno di economia ci facissi un piritu, e u bello che si annacano a menti intellettive sopraffine non sapendo che se chiude Google o Wikipedia sono a mare hahaha

  12. Paperinick 11/08/2019

    Chi, quella roba di 4 web prepotenti che fanno post chilometrici organizzati per autocelebrarsi dietro il vessillo rosanero? Quelli li? Quelli che cacciano chi non scrive quello che loro vogliono? Hanno riaperto? DIVERTENTISSIMI. Ora me li leggo ahahah

  13. noitifosidelpalermo.jimdo 11/08/2019

    Aspettiamo anche Mazzotta, vediamo se mantiene la parola. La squadra ancora non è completa, servono altri giocatori che fanno la differenza, non dimentichiamoci che il Palermo deve vincere il campionato, sarebbe un disastro fallire la promozione.

  14. Keyser Soze 11/08/2019

    La squadra che si va formando è molto forte e sono soddisfatto, abbiamo la linea portiere/centrale/centro/attacco, ottima. Detto questo non esiste nulla di più becero e ignorante che volere imporre il proprio pensiero con l'aggravante del 'o sei con me o contro di me', camuffando il tutto con una ipocrita finta democrazia che è madre solo di Ignoranza e prepotenza. Solidarietà ad Adriano. Forza Palermo, la D sarà un passaggio per fare crescere nuovamente la tifoseria e saremo tanti a seguire i Rosanero.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *