GDS - Palermo, le richieste di Damir sui documenti del club - Forza Palermo Calcio Giornale
SCADENZE

GDS - Palermo, le richieste di
Damir sui documenti del club

GDS - Palermo, le richieste di Damir sui documenti del club



 

Il Palermo martedì sera scenderà in campo, dopo il turno di riposo, a Crotone per mantenere il secondo posto e non far scappare il Brescia capolista ma nel frattempo procedono i movimenti per assicurare un futuro alla società di viale del Fante. Nella giornata di ieri il botta e risposta fra Foschi e Dario Mirri ha di fatto chiuso l'ipotesi crowdfunding per pagare gli stipendi paventata dall'imprenditore della Damir, con la garanzia da parte del presidente che non sono necessarie "collette" o azioni popolari per ovviare alle scadenze previste nel mese di marzo.

 

Intanto il Palermo avrebbe presentato all'azienda pubblicitaria palermitana le documentazioni sulla situazione debitoria richieste dalla famiglia Mirri, ma per la Damir i dati ottenuti sono incompleti e ne richiede altri per i quali i tempi di reperimento potrebbero allungarsi. Stando a quanto riportato da Benedetto Giardina per il Giornale di Sicilia, la società rosanero avrebbe presentato, insieme alla relazione contabile al 31 dicembre 2018: «il dettaglio sulle polizze assicurative, gli ultimi tre bilanci, i contratti pubblicitari, le dichiarazioni fiscali degli ultimi cinque anni, il contratto con Legea e l’ultima visura camerale, più i conti di Mepal per la quale è stato richiesto pure il Durc (documento unico di regolarità contributiva), del quale non dispone poiché non ha dipendenti. In più, tutti i crediti e debiti al 31 dicembre, i compensi degli amministratori (inclusi gli inglesi) e le convenzioni per gli impianti sportivi».

 

Per Mirri tuttavia la documentazione sarebbe incompleta, e fra i dati richiesti dal numero uno della Damir figurerebbero, sempre secondo Giardina: «Un elenco sui contenziosi potenziali oltre a quelli attualmente in corso, comprensivo di valutazioni legali sui possibili esiti, l’aggiornamento sul debito Iva, la certificazione dei debiti rilasciata dall’Agenzia delle entrate, la documentazione su eventuali garanzie rilasciate a terzi, il prospetto sui contratti attivi e passivi con terzi dal valore superiore ai 10 mila euro, l’elenco di consulenti, avvocati, sindaci, revisori e procuratori con rispettivi compensi (sia quelli maturati che quelli non saldati), la locazione dei libri sociali con autorizzazione all’accesso, l’elenco dei conti correnti con relativo estratto conto e il saldo relativo al conto campionato con i contributi attesi dalla Lega B, sebbene questi ultimi non corrispondano ad una cifra prestabilita».






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *