CORONAVIRUS

Orlando: «In Sicilia siamo
ancora più severi del Governo»

Orlando: «In Sicilia siamo ancora più severi del Governo»



IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK


"Basta uscire di casa": negi ultimi giorni gli appelli del sindaco Leoluca Orlando ai palermitani per il rispetto dei decreti per l'emergenza Coronavirus sono diventati sempre più simili a degli sfoghi di fronte alla negligenza di molti cittadini in merito alle norme imposte dal Governo e dalle istituzioni comunali e provinciali. I provvedimenti presi sono diventati ora sempre più stringenti per contrastare con maggiore forza l'espandersi dell'epidemia nell'isola. Il primo cittadino del capoluogo, intervistato da Radio Cusano Campus, ha parlato della situazione Coronavirus in Sicilia, sia sul piano economico che su quello sanitario, soffermandosi anche sugli esodi delle scorse settimana dal nord: 

 

«GIRONE IN PIÙ CON 2 PROMOZIONI DALLA D»: L'IDEA DI RAIS

 

«Basta uscire di casa. Basta frequentare luoghi affollati. Stando a casa eviteremo di essere contagiati, di contagiare e di sovraccaricare le strutture sanitarie del nostro Paese che rischiano il collasso. Se tutti noi manteniamo questo impegno per queste settimane forse riusciremo ad avere la primavera, ma che venga il 21 di giugno. Noi abbiamo in Sicilia una stretta ancora più forte, abbiamo vietato qualunque forma di passeggiata, si può uscire solo per andare al supermercato e in farmacia».

 

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO IN SICILIA DI SABATO 21 MARZO

 

PREVENZIONE

«La Sicilia e Palermo ancora oggi non sono nelle condizioni terribili in cui si trovano altre regioni, noi abbiamo il dovere di impegnarci affinchè non succeda anche perchè il nostro sistema sanitario andrebbe sicuramente al collasso molto prima di come sta andando al collasso il sistema di regioni come la Lombardia. Quindi in Sicilia tutti d'accordo abbiamo deciso di essere ancora più severi rispetto alle misure del governo. A Palermo girano tutto il giorno le auto con il messaggio: restate a casa. Stiamo cercando di mandare un messaggio pesante, ma essere pesanti oggi significa sperare di poter essere presto leggeri. Noi seguiamo le indicazioni del governo nazionale e laddove sono formalizzate anche quelle del governo regionale, se poi c'è contrasto tra queste io non voglio entrare in questa polemica».

 

VIDEO - CORONAVIRUS: «MA CHE DEVO RISPETTARE LA M...?»

 

ECONOMIA

«Abbiamo già attivato con la Regione una sorta di task force per valutare come affrontare il problema economico subito e come affrontarlo dopo. A Palermo abbiamo attivato il banco alimentare con la Caritas e assistiamo a domicilio 1200 famiglie povere. Abbiamo curato quest'assistenza con personale volontario coordinato con la Protezione civile. Evitiamo di fare gli aiuti individuali perchè rischiano di essere una fonte di contagio».

 

MUSUMECI: «TRENTA MILIONI DA IRFIS PER LIQUIDITÀ ALLE IMPRESE»

 

ESODI DAL NORD

«Sono tante le persone tornate dal nord prima del 9 marzo. Ieri si è deciso di fare il tampone a tutti. Ognuno di noi ha amici e parenti in altre regioni e Paesi, ma a tutti loro ho detto: restate dove siete, perchè è un passaggio necessario importante. Abbiamo ripetuto un appello ai giovani: questo virus ha cambiato la vita delle persone come la cambia il terremoto. Noi oggi rischiamo di diventare noi gli untori dei nostri cari, quindi faccio l'invito a tutti a restare a casa».

 

PALERMO,  LAVORATORE COMDATA POSITIVO AL CORONAVIRUS

 

CURA ITALIA

«Il Cura Italia, almeno in questa prima fase, si occupa dell'economia strutturata non di quella destrutturata. Abbiamo una serie di soggetti che lavorano ai margini delle strutture economiche. Noi dobbiamo pensare a coloro che non hanno un lavoro. Abbiamo chiesto il Cura città, un provvedimento che sia tutto mirato a sostenere la tenuta e poi la ripresa delle comunità locali».


ALTRI ARTICOLI

 

FORZAPALERMO.IT - LIVE, LA RASSEGNA SERALE DI VENERDI' 20 MARZO

 

TRIBUNALI FERMI, CREDITORI VECCHIO PALERMO IN ATTESA

 

«VI PARLO DI MIO MARITO». LE PAROLE DI LADY MARTIN

 

PELAGOTTI: «PALERMO, IL MIO FUTURO È QUI»

 






3 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 62 giorni fa

    Esatto, ,@Kmx, Taiwan e la Corea del Sud sono davvero all'avanguardia... La prima paga addirittura chi provenendo dall'estero si mette in quarantena. E soprattutto hanno eseguito entrambe un numero elevatissimo di test! l'Europa non ha le capacità e conoscenze presenti in questi due Paesi.

  2. Kmx 63 giorni fa

    Visto il temperamento del sindaco non mi stupisce che si intesti quello che per lui è un merito anche se lui non ha veramente avuto un ruolo. È però discutibile che restringere i provvedimenti del modello cinese adottato dal governo sia la misura più efficace. I paesi in cui si è adottato un modello diverso di prevenzione del contagio (Corea del Sud o Taiwan) sono quelli in cui la diffusione del virus è stata più contenuta.

  3. elto 64 giorni fa

    Dove sono questi posti affollati? Decise la regione, oltre principalmente il governo centrale. Il comune non decise nulla.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *