INTERVISTA

Orlando contro la Giustizia
sportiva: «Non finisce qui»

Orlando contro la Giustizia sportiva: «Non finisce qui»



 

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando non ci sta e, dopo il rigetto della Corte Federale d'Appello sulla sospensione dei playoff, si sfoga in un'intervista concessa alla Gazzetta dello Sport:

 

«I playoff, in via cautelare, andavano sospesi – afferma Orlando – . Chiedo l’intervento d’urgenza da parte del governo nazionale che adotti un decreto che preveda, in casi come questo, la nomina di un commissario, è previsto in casi di mafia e di fallimento, per separare la responsabilità amministrativa dalla squadra. Un commissariamento per il tempo necessario a definire la situazione».

 

GUERRA LEGALE

«È aberrante in termini giuridici che gli errori fatti dagli amministratori vengano pagati dai lavoratori. Invece qua si penalizzano una città, una squadra e una tifoseria che non hanno responsabilità con riferimento alla gestione amministrativa, con il paradosso che il presidente della vecchia proprietà è stato messo fuori dal giudizio e con l’altra aggravante che c’è una nuova proprietà diversa dalla vecchia. La retrocessione vorrebbe dire l’inizio della mia guerra nei confronti di questo sistema di giustizia sportiva. Il mio dovere di sindaco è di adire a tutti gli organi competenti giudiziari e non. Per me si deve dimettere l’intero consiglio direttivo della Lega. Io su questa vicenda non mi fermo, non finisce qui. Sarà un’estate calda per i convenuti in giudizio».


IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

ALTRI ARTICOLI

 

Palermo: ricorso al Coni contro il verdetto della CAF

 

Palermo non si arrende: comunicato Rosanero Class Action

 

«NESSUN COMMENTO» IL COMUNICATO DEL PALERMO

 

PALERMO, LA DECISIONE DELLA CORTE FEDERALE D'APPELLO






8 commenti

  1. ANTONIO 29 giorni fa

    signor sindaco io per protesta non andro a votare per le elezioni politiche il governo deve intervenire urgente per mettere fine a questa associazione a delinquere che hanno messo in piedi nel consiglio di lega b .il governo non puo permettere che questa gente venduta ,abbia il potere di perseverare a bastonare una citta con gia dei problemi sociali senza avere ragione ,ci rimaneva solo il calcio ci avete portato via anche quello. passatevi una mano sulla coscienza ,e dica a questa gente, che 2000 anni fa un certo giudice diceva ci non ha peccato scagli la prima pietra - COMBATTA PER NOI

  2. Rubini 30 giorni fa

    Signor Sindaco, sì che finisce qui ( il primo atto del dramma, in due atti). I dubbi della Lega sono gli stessi che aveva lei, le perplessità da chiarire, da esaminare, prima di concedere le chiavi dello Stadio. Intendiamoci, perplessità e dubbi legittimi. Nessuno può negarlo, è talmente evidente: Arkus non è altro che una pausa della vecchia gestione, un assegno postdatato che solo la vecchia gestione (Zamparini) avrebbe potuto coprire. Ma Zamparini è stato fatto fuori, accoltellato anche da uno dei suoi figli, Lotito. Tu quoque Lotito, fili mi! E allora cadi, Cesare. Ma con lui cade tutto.

  3. Avete passato il limite 30 giorni fa

    Senza dargli tregua in tutte le sedi. Questi la devono finire di usare le istituzioni sportive per ottenere risultati di bottega

  4. Palermitano 30 giorni fa

    Bravo sindaco Devono avere rispetto per la nostra città i palermitani sono con te

  5. Palermitano 30 giorni fa

    Bravo sindaco devono avere rispetto per i palermitani

  6. Mau49 30 giorni fa

    Egr.Sig. Sindaco,ha tutto il mio appoggio.Non concordo su chi la offende,poichè la Nostra Città ha cambiato realmente volto.In questa squallida vicenda i responsabili sono tanti. Non molli di un centimetro,e, da par Suo, faccia onore al nome che porta, Prode combattente , come l'ho sempre considerato.Però una mossa inderogabile la deve fare :togliere quella cittadinanza onoraria al friulano, di cui non è degno.Sarebbe un ulteriore segnale e forte messaggio verso tutti. La nostra dignità e la nostra sana passione non va calpestata da nessuno.Con stima

  7. Cittadino 30 giorni fa

    Orlando è stato docente di diritto costituzionale. Direi che la prima e più grande violazione, conseguenza di questa sentenza, sia la decisione di non attendere il giudizio di secondo grado da parte del Consiglio Direttivo della Lega di B. Di fatto, si è impedito al Palermo di potersi difendere in modo appropriato violando il diritto a un giusto processo attraverso una giusta difesa. Sono con il Sindaco. Il diritto va comunque e sempre rispettato.

  8. Aggregazione galattica lame rotanti 30 giorni fa

    Si aprono prospettive molto interessanti...

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *