PARLA BORTOLO MUTTI

«A Palermo tante soddisfazioni,
in Serie B una spanna sopra»

«A Palermo tante soddisfazioni, in Serie B una spanna sopra»



Parola di Bortolo Mutti. Il tecnico lombardo ha allenato i rosa in due occasioni, nella stagione 2001-2002 sotto la gestione dei Sensi ed esattamente dieci anni dopo, nel 2011-2012 subentrando a Devis Mangia e portando i rosa alla salvezza in Serie A. Intervistato da tuttob.com, Mutti ha parlato di questo campionato cadetto, della squadra rosanero e della sua esperienza nel capoluogo siciliano:

 

SERIE B

«Una cadetteria che sta mantenendo le attese della vigilia: quelle di un campionato duro e difficile, soprattutto alla luce del nuovo format a 19 squadre. Credo che sarà una battaglia sia per la promozione che per la salvezza».

 

LE BIG STENTANO

«Difficoltà delle retrocesse a calarsi nella nuova categoria? Se fosse così sarebbe un grosso errore, penso soprattutto al Benevento che è reduce da una retrocessione annunciata e di certo non traumatica. Sono sorpreso di vedere i sanniti tanto in affanno perché la squadra è forte e attrezzata, ma c’è tutto il tempo per recuperare. Lo stesso Crotone è in grande difficoltà. Diciamo che è un campionato dove si attendevano altre protagoniste, invece vediamo Pescara, Cittadella, Lecce…».

 

PESCARA

«A Pescara c’è un ambiente carico e una società che sa gestire questi momenti. Parliamo di una piazza storica, che vanta trascorsi importanti… Ritengo che la squadra di Bepi Pillon possa essere protagonista fino in fondo».

 

TANTI ESONERI

«Questa è una Serie B dove i margini di errore si riducono al minimo. Quando le cose non vanno per il verso giusto, la soluzione più immediata è cambiare allenatore e voltare pagina. Devo dire che in estate alcuni club hanno azzardato troppo, affidandosi a tecnici privi di esperienza in categoria che hanno dimostrato di non essere ancora pronti per certi prosceni».

 

PROMOZIONE

«Il Palermo, a mio avviso, è fuori dai giochi, nel senso che si appresta a prendere il largo e a diventare padrone del  torneo. In generale, direi che ci sono 8-9 squadre che hanno le carte in regola per giocarsela: Brescia, Benevento, Cittadella, Perugia, Crotone… La stessa Cremonese può tornare in corsa. Fermo restando che, ribadisco, il Palermo è una spanna sopra tutte le altre».

 

RICORDI

«A Palermo e Cosenza ho avuto tante soddisfazioni… Ricordo la salvezza in Serie A alla guida dei rosanero e una promozione in massima serie sfiorata con il Cosenza, dopo essere stati a lungo in testa al campionato. Annate molto belle ed emozionanti».

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *