«È da 50 anni che aspetto questo momento» - Forza Palermo Calcio Giornale
PRESENTAZIONE

«È da 50 anni che aspetto
questo momento»

«È da 50 anni che aspetto questo momento»



 

Da oggi parte il nuovo Palermo di Hera Hora di Mirri e Di Piazza. Alla conferenza stampa di presentazione, tenuta allo stadio Renzo Barbera, Dario Mirri ha presentato il progetto triennale che gli ha permesso di vincere il bando assegnato dal sindaco Orlando. 

 

Ecco le parole di Mirri in conferenza: «Lo Stadio è la nostra casa ma soprattutto sarà aperta. Il mio desiderio era fare la presentazione così. Il destino ha previsto gli uffici non accessibili. Lo stadio si apre alla gente - ha detto - Una società trasparente. Mai più marchi che non si capisce a chi appartengono. L'amministrazione comunale avrà modo di controllare ciò che accade all'interno della società. Renderemo pubblici i bilanci senza averne l'obbligo». 

 

TIFOSI

«La maglia del Palermo la decidono i tifosi. Abbiamo chiesto al nuovo sponsor tecnico, che annunceremo la prossima settimana, di fare un sondaggio tra i tifosi. La maglia è nostra. Gli abbonati devono riconoscersi rispetto a chi viene a vedere la Juve o l'Inter. Avremo la targa sul nostro posto perché ci appartiene. E lo stadio dobbiamo riempirlo di bambini, per questo sto cercando sinergie con le autorità competenti. Fino a diciotto anni si pagherà un euro. Il Palermo è una società aperta, se ci sono le possibilità di gente più capace con maggiori possibilità che possa dare forza e sostegno siamo aperti a chiunque voglia dare una mano». 

 

DIPENDENTI

«I dipendenti sono vittima di quello che è accaduto. Una persona di 50 anni che perde il lavoro è durissima. Noi ci rimettiamo alla clausola di salvaguardia. Il Palermo fatturerà 3-4 milioni, riguardo massimo. Il Bari ha assunto lo scorso anno 2 dipendenti della vecchia società».

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *