IL MERCATO

Calciomercato Palermo
nessun si muova. O quasi

Calciomercato Palermo, nessun si muova. O quasi



 

Nessuno si muova. E’ questo il diktat in casa Palermo nell’attuale sessione di mercato: non è un mistero, infatti, che la società di Viale del Fante non abbia in programma di fare interventi degni di nota. Perso Struna - non per volontà del club - il direttore Rino Foschi farà di tutto per blindare Aleesami e Rispoli.

Il mercato però non è prevedibile e dall’alto della sua esperienza nonché saggezza il caro Rino prova a giocare in anticipo e si cautela qualora dovesse pervenire ai due calciatori un’offerta tale da non poter essere rifiutata.

Ma è giusto precisare - come fa puntualmente il Giornale di Sicilia - che allo stato degli atti non è pervenuta nessuna offerta ufficiale per i due terzini. L’interessate delle società si può derubricare in una mera azione di sondaggio, vedi Parma e Bologna per Rispoli mentre Aleesami è apprezzato in Turchia.

Ma il mercato - come dicevamo è in perenne evoluzione - e un’eventuale partenza di uno dei due porterebbe Foschi a trovare un sostituto in ottemperanza alla regola non scritta “per ogni partenza corrisponde un arrivo” (quanto meno dovrebbe).

 

In questi giorni il direttore sportivo rosanero è impegnato nella fase in uscita nell’intento di sfoltire il reparto arretrato che - nonostante l’addio di Struna - appare alquanto intasato. Ingegneri pare destinato alla cessione con formula definitiva in una società di Lega Pro mentre per quanto concerne Accardi avrebbe degli ammiratori in serie B. Vedendo facendo.

A proposito delle cautele che la sapiente esperienza del direttore mediterebbe: Embalo che piacerebbe al Legia Varsavia è stato bloccato insieme a Fiordilino sul quale erano piombate tra le tante Lecce e Cittadella. Motivo? Non farsi trovare impreparati qualora il vento del mercato dovesse portare con sé Rispoli e Aleesami.

Infine, il Palermo si tiene stretto anche Moreo su cui si sarebbero posati gli occhi della Juventus che vorrebbe utilizzarlo come fuori quota nell’Under 23. Insomma Rino Foschi è come il vento, non si vede ma si percepisce la sua presenza: come un padre, lì con lo sguardo protettivo, a custodire la propria creatura.

 

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM!


 

ALTRI ARTICOLI

 

• DATE A CÉSAR QUEL CHE È DI CÉSAR

 

• IL PALERMO E IL MERCATO INVERNALE: NEGATIVO L'ULTIMO TRIENNIO

 

• ACCARDI IN ESCLUSIVA A FP: «IL BARBERA VUOTO? C'È UN GRANDE EQUIVOCO»

 

 FOSCHI, IN ESCLUSIVA A FP, NON CI STA: «SHARP? LA METTO ATTORNO AL COLLO»






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *